Vai al contenuto

scionescire

Membri
  • Numero di messaggi

    37
  • Registrato dal

  • Ultima visita

messaggi di scionescire


  1. Ciao, sono Giovanni. Mi sono iscritto oggi a questo forum ( che oggi ho scoperto ) perchè appassionato di antiquariato, armi e cose belle in genere...e credo che poche cose possano sintetizzare questi tre elementi come una katana.

    La mai ignoranza sul punto peraltro - e me ne accorgo quanto più leggo discussioni di cui ho serie difficoltà a capire anche i termini ( io sono molto rozzamente rimasto a " filo " " dorso " " punta "... ) - è pressochè totale.

    Fatta questa premessa, necessaria a spiegare ( meglio :scusare ) la domanda che vado a porvi , mi permetto di espormi l' eretico dubbio di cui al titolo.

    Ho ricevuto due anni fa da mio padre, appassionato di arti marziali che pratica da quasi 20 anni - io ho praticato ma molto meno - una katana antica a mio avviso molto bella. Lui l' ha fatta arrivare in Italia nel ' 93 tramite il suo maestro di Karate ( persona che ho avuto il piacere di frequentare : discendente di samurai, architetto di levatura internazionale ... ), pagandola una discreta somma ( circa 5.000.000 dell' epoca ) , su scelta del suo maestro che aveva avuto l' occasione da un amico.

    Io l' ho tenuta sempre oliata e ripulita con i canonici accessori ( dei quali ignoro il nome tecnico ) , ossia il sacchetto con la polverina bianca ( che detto così sembra cocaina .. ) e lo straccetto con olio profumato.

    Ad un certo punto ho però visto che si formavano tracce di ossidazione nerastra ( puntini o microvenature piccolissime ). A quel punto, con occidentale brutalità, ho ripulito quei piccoli punti con cotton fioc imbevuto di polish per auto, poi benissimo ripulito , e ho passato tutta la lama con un grasso spray per atmosfere marine, ben tirato poi con uno straccio . Risultato : a distanza di un anno a mio ( incompetente ) avviso , lama perfetta, non più ossidata e non opacizzata per nulla.

    Vorrei sapere se ho fatto danni e se, comunque, al di là di fattori legati alla sacralità dell' arma, la scelta era blasfema come mi viene da pensare leggendo in questo forum. Grazie mille e complimenti a tutti per la competenza che leggo nei partecipanti tutti. Giovanni

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante