Vai al contenuto

saizo

Membri
  • Numero di messaggi

    157
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da saizo

  1. saizo

    Ben trovati

    Ciao e Benvenuto nel forum. Per quanto riguarda il libro ti consiglio il classico "Manuale della spada giapponese" di Nagayama, tradotto da uno dei moderatori del forum. Oltre a quello qui nel forum troverai tante di quelle informazioni da tenerti occupato per qualche anno! :) ciao!
  2. Ciao e benvenuto nel forum. Con il termine "katana" si intende una spada giapponese, quindi fatta in giappone, forgiata secondo metodo tradizionale da fabbri autorizzati. Se spendi 10 minuti del tuo tempo per leggere qualche articolo del forum ti puoi accorgere subito che tutte le altre spade sono considerate imitazioni. Il processo che porta alla fabbricazione di una nihonto è lungo e complesso (nel forum troverai tutti i passaggi spiegati). Il prezzo di una katana è molto più alto di quello che ti ha chiesto il tuo senpai, siamo nell'ordine di migliaia di euro. Per questo quando ci si avvicina a questo mondo è consigliabile prima studiare proprio per evitare di prendere delle fregature. Un buon libro per iniziare lo studio è il "manuale della spada giapponese" di Kokan Nagayama, recentemente tradotto da uno dei moderatori del forum. Quando ti sarai formato un gusto estetico e una sufficiente conoscenza che ti permetterà di valutare una katana (sia artisticamente che economicamente) allora sarai pronto per acquistare una. I consigli che ti posso dare sono: studia e non avere fretta! Ciao!
  3. Ci sono stato giovedì e sinceramente me lo aspettavo diverso. Molte "cianfrusaglie" nei vari stand. Di giapponese poco niente.
  4. saizo

    Salve a tutti ^_^

    Ciao Claudio e benvenuto sul forum! Complimenti per la tua pratica e...non mollare mai!
  5. saizo

    mi presento

    Benvenuto!!!
  6. complimenti e grazie per queste foto eccezionali!
  7. saizo

    Dubbi su lama

    Potrebbe essere stata comprata nel negozio che si vede dalla finestra... :D
  8. saizo

    Salve a tutti

    Ciao, Benvenuto nel forum!
  9. saizo

    ciao!

    Ciao, benvenuta!
  10. Certo sono d'accordo, il mio voleva essere solo un esempio. Per quanto riguarda lo iaijutsu, nell'estrazione si deve per forza estrarre con una sola mano quindi si resta vincolati a questo. Ritengo che il discorso estrazione sia una cosa a parte, come del resto il ryoto. Certamente impugnando la spada con una sola mano ci sono degli svantaggi ma come dice Isononami è tutto legato alla strategia del momento. Essendo io un praticante ancora all'inizio non so realmente valutare pro e contro se non per quello che mi viene detto. Chiedo quindi a chi ne sa più di me: quali sono i vantaggi che derivano da un'impugnatura a mani ravvicinate?
  11. Da un libro di Otake Risuke del Katori Shinto ryu:
  12. Il maestro che si vede nel video è Kono Yoshinori. Questo maestro, che tra l'altro è stato influenzato dal più famoso Kuroda Tetsuzan, sostiene che in Giappone, prima che questo si aprisse alle influenze militari occidentali, ci fosse un modo particolare di muoversi non solo nei koryu di bujutsu ma addirittura nel semplice camminare (nanba aruki). Per quanto riguarda le mani adiacenti: ho notato da alcuni video di tameshigiri che le mani vengono tenute in questo modo. Anche nel film "Gohatto" c'è una scena riguardante proprio questo modo di impugnare. Sinceramente nei Koryu ho sempre visto impugnare la spada con le mani non adiacenti, ma c'è sicuramente un motivo per tutti e due i modi. Credo che Sandro potrà risolvere il nostro quesito...
  13. saizo

    Ciao !!

    Benvenuta sul forum!
  14. la lama non mi sembra giapponese, la montatura ancora meno...
  15. saizo

    Ciao a tutti!

    Ciao! Benvenuto nel forum!
  16. saizo

    Ciao a tutti!

    Ciao, benvenuto nel forum!
  17. Benissimo, non parlavo di efficacia. Il mio discorso nasceva da un paragone con la spada giapponese e il suo utilizzo. Anche il kobudo giapponese è sempre stato parte di un vissuto, non era certamente visto come una via di perfezionamento personale, quello è venuto dopo. Quello che io sostenevo è che oggi non ci sono correnti antiche tramandate al pari delle koryu giapponesi. L'efficacia o la validità esula dalla questione. Per tornare alla domanda di Satiro, quando si parla di arti marziali si pensa spesso al Giappone perchè il Giappone è stato in grado di preservare la tradizione nella sua integrità attraverso un trasferimento di contenuti da maestro a discepolo senza interruzioni.
  18. Mi riferivo alle arti marziali tradizionali, la scherma olimpica è chiaramente uno sport, una stilizzazione come il kendo è stilizzazione del kenjutsu. Rispetto ogni pratica ma mi sembra fuori luogo chiamare "arte marziale" la scherma sportiva. Tramandare in modo diretto uno stile di combattimento significa fare quello che si fa all'interno dei koryu, consapevoli di praticare qualcosa di obsoleto senza pretesa di applicazione sportiva. L'Europa con l'evoluzione guerresca ha abbandonato determinate pratiche, il Giappone ha continuato la pratica di alcune correnti "classiche" nonostante l'introduzione di nuove macchine da guerra. Non mi risulta che in Italia ci siano scuole di scherma o di armi tramandate tali e quali da 300/400 anni...
  19. saizo

    Salve a tutti

    Benvenuto!
  20. Aggiungo che oggi non esiste nessuna arte marziale italiana con una tradizione tramandata in modo diretto come ad esempio abbiamo nel bujutsu.
  21. saizo

    informazioni!!

    Non mi sembra di averti mai chiesto una cosa del genere.
  22. Gli insetti li apprezzo di più in foto che dal vivo! :D Bella foto, tra l'altro la libellula era un simbolo ricorrente tra i samurai.
  23. saizo

    informazioni!!

    @ Leonardo: stavo scrivendo e ho letto il tuo post solo dopo aver postato il mio. :) comunque, ottimo consiglio! :)

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante