Vai al contenuto

nikon

Membri
  • Numero di messaggi

    504
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da nikon

  1. nikon

    Peso Iaito

    il mio iato è un po' troppo leggero,circa 800gr, infatti devo cambiarlo, anche perchè se voglio migliorare il taglio, troppo leggero non va bene.
  2. Ciao Dora, Buon Natale e bentornata. noi in dojo, prima di praticare( seitei e muso shinden ryu), soprattutto d'inverno, facciamo almeno una decina di minuti di riscaldamento e stretching e visto che nemmeno io sono nel fiore degli anni, va giusto bene. Poi agli stages e' praticamente obbligatorio. Buone feste. Giampiero
  3. ...e io che sono di Vercelli non ne sapevo nulla??? devo smettere di restare chiuso in studio...
  4. Questo e' uno dei motivi per cui come diceva la buonanima di G. Gaber "mi vergogno di essere Italiano".Anche se non sono socio, saro' con voi, col cuore.
  5. http://www.takemusu.it/home.htm @ anti: vai tranquillo, conosco istruttore e praticanti, una di loro, Sara Mudu,e' arrivata prima ai campionati italiani ed e' arrivata seconda in Coppa CIK categoria mudan ed e'stata convocata in Nazionale
  6. nikon

    MiJapan 2010

    :whoa: ...e vai!!! dai, Vicenza non e' poi cosi' distante da Milano, pensa al "povero" Musashi...
  7. ... scusate, io ho un manga di Hokusai dove dei samurai sparano dei fuochi d'artificio; e' una loro arma segreta di cui non eravamo a conoscenza? scherzi a parte, un conto e' la documentazione storica,un conto l'iconografia di fantasia; io non ho mai visto nessuno a cui cresce il naso se dice una bugia, eppure e' diventata un'immagine comune nel parlare quotidiano. Che poi i ninjia siano esistiti, sicuramente e' vero, ma , citando Gisberto, la realta' della loro esistenza e l'immagine che ne viene riportata, ha la stessa differenza che esiste tra 007 e Cicero. Chi era Cicero? forse la piu' famosa spia della seconda guerra mondiale, ci misero piu' di vent'anni a scoprire chi fosse, perche' era un individuo totalmente anonimo, comune, insignificante. Questa e' l'arte del mimetismo, dell'essere invisibili, non sicuramente una tutina nera, anche se di notte aiuta. Le lame corte? Probabilmente, riadattavano lame spezzate recuperate chissa' dove; se voglio restare nell'ombra non vado in armeria a comprare una glock, pagandola magari con la carta di credito.Le spie sono sempre esistite e esisteranno sempre, ma sono ben diverse dalla loro rappresentazione letteraria o cinematografica, o nel caso specifico dalla leggenda esoterica che e' nata intorno a loro. il ninjitsu poi, e' come il krav maga, arte marziale israeliana, nata pero'nella prima meta' del ventesimo secolo; la vera arte marziale israeliana, quella per interderci che usavano le tribu' d'Israele per legnarsi di santa ragione ai tempi di Abramo,e' svanita, persa nella notte dei tempi. Una setta di spie, non ti viene ad insegnare le sue mosse segrete, sarebbe idiota. Il mistero, il superuomo, hanno sempre affascinato, hanno creato leggende; Probabilmente ci sara' qualcuno che crede che Achille fosse come Brad Pitt , in realta' forse non e' nemmeno esistito.
  8. nikon

    Samurai girl

    ...pero' Ken il guerriero non ha le gambe della protagonista :hehe: che tra l'altro e' di origine coreana... ma c'e' qualcosa di giapponese in questa fiction?
  9. nikon

    Ho due domande

    sante parole Gisberto Blade90, la "via della spada" qualunque essa sia, kendo,iaido,kenjitsu,katori,( io lascerei perdere il ninjitsu e mi rivolgerei e discipline con basi storiche conclamate) e' un via lunga e difficile, che necessita di molto studio e altrettanta pratica; non avere fretta, impara le basi e dopo almeno sei mesotti di bokken, fatti consigliare un buon iaito. nello iaido, la spada vera puoi usarla solo dal quinto dan o prima ( ma almeno dal terzo-quarto) se il maestro pensa che tu sia pronto; amputarsi un dito o aprirsi il palmo della mano se non sei piu' che esperto, non e' cosi' difficile. E anche se tu decidessi per l'aikido, non credere di faticare di meno. Le Arti Marziali, quelle vere, sono prima di tutto uno stile di vita e un'attitudine mentale, una scuola di educazione e rispetto,umilta' e dedizione.Vai nei dojo, guarda , se puoi parla con i maestri, chiedi e poi scegli (o meglio, lasciati scegliere).E soprattutto, nelle Arti Marziali, non si deve dimostrare niente a nessuno, solo praticare,praticare e ancora praticare per crescere, dentro. Se qualcuno ti assicura la cintura nera dopo un anno, lascia perdere, non sara' in grado di darti nulla. Buona scelta. Giampiero
  10. nikon

    reflex

    @ cesare: il 4/3 e' un formato strano di sensore, non rientra in nessuno standard di formati di stampa (dovrai sempre tagliar via una fettina o sopra o sotto) e purtroppo per ora presenta un difettuccio , troppo rumore alle alte sensibilita'e in un momento in cui si e' arrivati a 102.000 iso corrispondenti, trovarsi un po' troppa grana a 1.000-1.600, e' penalizzante. Se poi vuoi ritrovare la qualita' delle buone vecchie dia, dovrai rassegnarti a spendere una barca di soldi e a portarti dietro dei kili di attrezzatura, anche perche' se hai un bel sensore e ci metti davanti un " culo di bottiglia", tutti i vantaggi del bel sensore vanno a farsi f.....e. Se ti accontenti, nel senso che non pretendi una professionale e ti va bene una entry level, una fotocamera come quella di Shiro, o similare Canon, ti dara' delle belle soddisfazioni. Se invece il tuo budget e' piu' alto, puoi buttarti su modelli piu'completi, considera sempre che dovrai affiancarci dei buoni obiettivi, e li si sale di spesa...
  11. nikon

    reflex

    New old camera te lo consiglio, sono scrupolosissimi. Ho venduto a loro un paio di mie vecchie analogiche :tristissimo:( mi piange sempre il cuore quando devo farlo) e ancora un po'me le smontano sotto gli occhi per controllarle.Un altro centro molto affidabile e' "il Contatto" ( tranquillo non e' un sito porno ), pero' si trova a Torino, in effetti un po' distantino da te. Nella tua zona non conosco nessuno. buona caccia. Giampiero
  12. nikon

    reflex

    ...non puoi chiedere a uno che lavora con nikon da quasi trent'anni se e' meglio nikon o canon sono entrambe valide fotocamere entry level, con una predominanza di automatismi e impostazioni per "scene" ( ritratto, paesaggio, sport, notturno, ecc ) che facilitano non poco la ripresa. a vantaggio nikon il fatto che puoi uilizzare ottiche di trenta quaranta anni fa, ovvio perdi l'autofocus, ma hai la messa a fuoco assistita, questo vuol dire che sul mercato dell'usato puoi trovare ottiche notevoli a costi contenuti. sul sito della nikon tra forum e tutorial vari, spiegano quali ottiche vecchie sono compatibili con le reflex di ultima generazione. buona scelta. giampiero
  13. nikon

    Auguri Sandro

    anche se con un ritardo imperdonabile ( sono stato un po' impegnato) non posso assolutamente esimermi dal porgerti imiei piu' sentiti AUGURONI
  14. ...emh, ragazzi parlate per voi, visto che a stare tutto il giorno davanti al computer son saltati fuori un paio di maniglioni antipanico... comunqueno, il seppuku un'altra volta, per adesso...DIETA!!! PS: ciao Dora, e' un piacere risentirti
  15. ,,, dimmi ,dimmi, titolo e casa editrice, Toyotomi mi interessa molto. grazie mille
  16. ... per contro trovi istruttori di ventisei anni ( ci scambiano sempre , visto che io ho trentanni di piu'!!!) che studiano veramente la Via e fanno di tutto per trasmettertela. Molti si fermano allo iai, la tecnica pura, noi cerchiamo di arrivare al do, alla via , alla crescita interiore. Esistono ancora insegnanti seri, nonostante l'eta'ed e' una grande speranza per le Arti Marziali ( questa volta con le maiuscole) Giampiero
  17. ...'azz! quel che si dice ribadire un concetto! comunque no, non era mai stato tradotto, e quello che stanno facendo questi ragazzoni, e' da applauso di 90 minuti! :arigatou:
  18. nikon

    Felice Beato

    Tratto da www.librarything.com : Le origini e l'identità di Felice Beato sono stati un argomento problematico, ma la confusione su luogo e anno di nascita pare essere sostanzialmente chiarita. Secondo una domanda per un permesso di viaggio che fece nel 1858, Beato nacque nel 1833 o 1834 sull'isola di Corfù. All'epoca della sua nascita Corfù era un protettorato britannico delle isole ionie e quindi Beato si qualifica come suddito britannico. Corfù era in precedenza stata un possedimento veneziano e questo spiega i molti riferimenti a Beato come "italiano" e "veneziano". A causa dell'esistenza di molte fotografie firmate «Felice Antonio Beato» e «Felice A. Beato» si è assunto per un lungo periodo che ci fosse stato un fotografo che in qualche maniera fosse riuscito a fotografare luoghi distanti come l'Egitto e il Giappone nello stesso periodo. Ma nel 1983 venne dimostrato da Italo Zannier che «Felice Antonio Beato" rappresentava entrambi i fratelli, Felice Beato e Antonio Beato, che alle volte lavoravano insieme. La confusione dovuta a queste firme continua a causare problemi nell'identificare quale dei due sia stato l'autore di una specifica immagine. e aggiungo anch'io qualche immagine, la prima ritrae un gruppo di Ainu
  19. nikon

    Felice Beato

    ...ehhhh. cosa non si faceva una volta con una macchina fotografica in legno e lastre in vetro, e soprattutto senza problemi di privacy e diritti all'immagine!!!
  20. nikon

    Auguri KEN

    Si, va bene, lo so, arrivo sempre in ritardo ma mi unisco al coro: AUGURONI Andrea!!!!!!
  21. nikon

    Tennen Rishin Ryū

    grazie Sandro, veramente interessante, grazie ancora
  22. nikon

    E' nata la mia Luna

    mi associo a tutte le congratulazioni, complimentoni e auguri alla neo mamma e al neo papa' e tanti auguri al nuovo arrivato di poter avere una vita serena e piena d'amore. "Come il fiume Minano Che scende dalla vetta Del Monte Tsukuba Cosi' l'amore. ingigantito Diventa acqua profonda." Yozei (Sec. IX Imperatore)

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante