Vai al contenuto

can3ro55o

Membri
  • Numero di messaggi

    28
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da can3ro55o

  1. can3ro55o

    Scheletri Nell'armadio

    ma non è un copriletto neutro... è un keikogi usato e sudato
  2. can3ro55o

    Scheletri Nell'armadio

    metà anni '70, avevo 14 anni, ero in vacanza a Folgaria (Trentino) e c'era un mercatino di beneficenza ... per mille Lire mi sono comprato il tagliacarte "giappo" . Nessun'altra lama è entrata in casa, le uniche spade che ho sono dei bokken che uso per la pratica di Aikido e di Kenjutsu allego un po' di foto... se qualcuno volesse fare un kantei p.s. notate la raffinatezza dell'aver presentato la lama su di un vecchio keikogi
  3. can3ro55o

    Aiuto per tatuaggio ...

    se fossi costretto (è un termine che hai usato tu) a farmi un tatuaggio temo che sarebbe un numero di matricola... Non si sta parlando di gente costretta a far qualcosa, quello è un altro discorso che poco ha a che vedere con ciò che è stato detto sin qui
  4. can3ro55o

    Aiuto per tatuaggio ...

    più che al fiore di ciliegio le critiche (costruttive ) erano rivolte alla frase
  5. can3ro55o

    Aiuto per tatuaggio ...

    Si certo... e poi c'è anche Giovanna D'Arco, la Montessori, Rita Levi Montalcini... ma il mondo dei bushi mi pare poco femminile, come ogni gruppo militare direi discretamente maschilista. Comunque non è tanto il fatto del "cacchio di tatuaggio", se uno vuol farselo è bene che se lo faccia. Se il tatuaggio te lo fai perché va di moda e fa "fico" va bene, ci mancherebbe altro! Ma se si fa passare l'idea che il tatuaggio deve avere un significato, deve essere "una seconda pelle" ecc... allora, in questo caso, critichiamo costruttivamente la scelta
  6. per pietà, lascia fuori l'Aikido da questa roba, niente a che vedere con l'Aikiken; questo sport mi sembra un po' troppo un "giochino" ma per buttar giù qualche chilo non deve essere male
  7. can3ro55o

    Aiuto per tatuaggio ...

    APPUNTO!!! non li trovo simpatici e quando li vedo mi fanno inca..... Comunque la pelle è sua... se gli piace proprio...
  8. can3ro55o

    Aiuto per tatuaggio ...

    Ciao stefy, metto anch'io i miei due centesimi: Non amo i tatuaggi e questo mi rende di parte, ma se proprio ne devo accettare uno addosso ad una donna quello da te scelto mi pare il meno appropriato, quella frase su di una donna non ha senso (a parte il fatto che come hanno già detto altri non è neppure tutto questo granché). Oltretutto vorresti che ti tatuassero una calligrafia giapponese secondo criteri che con quella calligrafia non hanno niente a che fare e questo peggiora le cose; alla fin fine riusciresti ad ottenere che una donna portasse sulla pelle una frase maschilista, che questa frase facesse riferimento ad un gruppo sociale (bushi) ma con una modalità (tatuaggio) adottata da un altro gruppo sociale (yakuza) e che tutto poi si esprimesse con una calligrafia ottenuta con una tecnica che non permette di valorizzare la calligrafia giapponese. Ma se proprio dici che in quella frase ti ci riconosci: perché non te la scrivi in italiano corretto? Se è il significato della frase che apprezzi, una falsa calligrafia giapponese non aggiunge niente in più. Saluti
  9. Piccola premessa: faccio Aikido da dieci anni e Kenjutsu da pochi mesi, qualche bokken ho avuto modo di vederlo e utilizzarlo. Per i kata di aikido dove non si tirano della gran botte ho un bokken artigianale in olivo fatto con mie precise specifiche costato più di 100 euri e mi ci trovo benissimo; per il kenjutsu dove si tirano delle gran botte ho un bokken da 15 euri in quecia bianca che regge alla grande ed una volta che si dovesse rompere o scheggiare... con 15 euri ne compro un'altro. Tutto ciò per dirti che se hai bisogno di "tirare delle gran botte" non comprarti un bokken costoso, in un buon negozio di sport o meglio specializzato in AM puoi trovare a basso prezzo ciò che fa per te. I bei bokken giapponesi trattali bene, non li usare per le botte ma per le forme, senti il bilanciamento, la tessitura del legno, l'anima di chi li ha fatti, goditeli con calma.
  10. can3ro55o

    Il Giardino Giapponese

    Salve gente vi seguo sempre e qualche volta appaio Adesso scusate la franchezza... Ho visto i giardini dei giardinieri di Brescia... (quelli linkati) ... definirli giardini giapponesi mi fa la stessa sensazione che immagino ai soci INTK sentir definire Nihonto delle Hattori Hanzo o Paul Chen. Con tutte le buone intenzioni... anche se siamo "divorati" dalla giapponesite (altrimenti non staremmo su questo forum), non sarebbe meglio un bel giardino italiano invece di una brutta copia di qualcosa che vorrebbe essere un forse ma anche no ma ci voglio credere giardino giapponese?
  11. potresti aprirli a pieno schermo e fare una "foto" dello schermo (sia il Mac che Win hanno una funzione del genere) poi o stampi il file immagine così com'è oppure con un programma grafico (photoshop, gimp o altro) li rifili per benino e stampi solo la parte che ti interessa.
  12. ... neppure io riesco a capire cosa intendi per posizione della katana, forse la posizione di guardia? Oppure il modo di portarla al fianco?
  13. can3ro55o

    buona Pasqua

    ricambio gli auguri a tutti i partecipanti del forum (invitandoli a mangiar poco che poi nel dojo a pancia piena si fa fatica... io lo so )
  14. Grazie YamaArashi, passare da queste parti a leggere qualcosa di interessante è sempre un piacere.
  15. Ciao Khuran, il Kosen non ha nessun sito internet. Ti interessa qualche informazione specifica? Saluti
  16. Mi sono iscritto al forum nel 2007 ma sono stato soltanto un lettore e difficilmente qualcuno si ricorderà di me, qui c'è la mia vecchia presentazione. http://www.intk-token.it/forum/index.php?s...mp;hl=can3ro55o a ciò che avevo detto allora, posso aggiungere che da li a poco sono riuscito ad ottenere l'agognato Shodan e che da quest'anno mi diverto a fare un corso di Aikido ad un piccolissimo gruppo bambini delle elementari e medie. Adesso veniamo al motivo del post: dopo dieci anni di Aikido ho deciso di affiancare all'Aikiken lo studio del Kyushin Ryu Kenjutsu. L'Aikido è e rimane il grande Amore, il "colpo di fulmine" ma... era da alcuni anni che volevo vedere lo studio della spada anche da un punto di vista diverso e rimasi favorevolmente impressionato da una dimostrazione della scuola fiorentina del M° Alberto Mirabella, insegnante di Judo Educazione e di Kyushin Ryu Kenjutsu (Dojo Kosen). Ho fatto soltanto due lezioni ma sono convintissimo di aver fatto la scelta giusta, le nuove lezioni mi prendono poco tempo (un'ora il sabato) e le due scuole di spada sono talmente diverse che con un po' di attenzione riuscirò a tenerle separate senza tradire nessuna delle due, inoltre il Maestro è una persona disponibilissima che fin da subito mi ha fatto sentire parte di una famiglia. Approfitto per rinnovare i saluti a tutti i forumisti. Maurizio
  17. Si si confermo, erano loro, spero di non aver detto castronerie descrivendo ciò che facevano. Saluti Maurizio
  18. Ho escluso che si trattasse dell' Ono Ha Itto Ryu per almeno un paio di motivi: 1- sul sito della Ken Shin Kan si dice che la scuola Ono Ha Itto Ryu si basa sui kumi-tachi, la scuola che ho visto io oltre ai kumi-tachi faceva dei veri e propri combattimenti 2- la Ken Shin Kan è a Sesto Fiorentino, mentre mi pare di ricordare che il gruppo di Kenjutsu che ho visto avesse il dojo dalle parti di Coverciano e comunque nella zona Est e non Ovest di Firenze ops... dimenticavo un terzo motivo 3- l'abbigliamento era molto diverso da quello di una scuola di Iaido o di Kendo, niente hakama e niente gi blu, ma soltanto un gi bianco tipo Judo
  19. @ Rodolfo RG credo fosse il Kenjutsu Kosen, comunque ti allego un link http://www.artidoriente.org/dimostrazioni.htm qui ci sono le dimostrazione del 2006, io invece ho visto quelle del 2005 ma le scuole mi sembrano le stesse
  20. non ricordo il ryu ma mi pare di ricordare dove è il dojo, magari faccio qualche ricerca sul web e se ho dei risultati te li dico
  21. Appena avrò gli strumenti necessari (ovvero mi sarò letto gran parte del forum) e la mia conoscenza di questo mondo si sarà almeno spostata dallo zero assoluto, sarò felice di far la conoscenza diretta di qualche bella lama, se non erro alcuni dei soci INTK e dei forumisti non abitano poi troppo distante da me. Ringrazio tutti per l'accoglienza.
  22. Non pratico kenjutsu, ma l'ho visto una volta a Firenze durante un festival di arti giapponesi e devo dire che è molto bello: è una vera scherma, la si pratica con il bokken e senza armatura ma semplicemente col - scusate l'oscenità che adesso scriverò- il "fazzoletto" legato sulla fronte in modo che il nodo sia sul davanti, i ken si scontrano, i colpi sono decisi ma come nel karate non portati del tutto, in ogni caso colpi come gli tsuki data la loro pericolosità sono consentiti soltanto ad alcune cinture nere particolarmente abili.
  23. se tutto ciò che di lui si dice è vero ne ha stroncati di più col bokken che con la katana ma comunque io nel dojo mi sento più tranquillo se i miei compagni hanno in mano un bokken
  24. can3ro55o

    Un Cordiale Saluto A Tutti

    Un cordiale saluto a tutti i forumisti, mi sono appena iscritto, questo forum lo conosco da pochi giorni e mi è parso subito un bel porto dove gettare le ancore. Qualche parola su chi sono: abito in provincia di Firenze, mi piace l'arte in ogni sua forma, sono affascinato dalle "giapponeserie" e sono un praticante di Ki Aikido da diversi anni (mi sto preparando per il Dan), ma non ostante questo non sono un grande cultore di arti marziali, infatti l'Aikido l'ho incontrato più o meno "nel mezzo del cammin di nostra vita", è stato un caso, ed è stato un colpo di fulmine! Come ben saprete in Aikido si usa (anche) il Bokken e proprio dalla frequentazione di quest'arma piano piano è nata la voglia di conoscere qualcosa di più di quel bellissimo oggetto del quale il bokken ne è un surrogato. Non ho nessuna cultura in materia di lame, né intenzione di comprarne una tanto per averla (a parte il discorso costi che già di per se fa la sua buona scrematura e che mi pone fuori dai giochi), al momento non riuscirei ad apprezzare compiutamente l'arte e il genio necessari alla sua costruzione, in ogni caso non serve possedere un Matisse o un Kandinsky per apprezzarli (certo in salotto farebbero la loro figura...). Detto questo si capisce al volo che non sarò un portatore di sapienza, ma prometto di essere un buon lettore e di imparare dalle cose che avrete da dire e da quelle che avete già dette. Maurizio. p.s. naturalmente il mio nick si legge "canerosso", quindi se mi chiamate semplicemente "cane" o "cagnaccio" non mi offendo :)

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante