Vai al contenuto

Enrico Ferrarese

Admin
  • Numero di messaggi

    2164
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da Enrico Ferrarese

  1. apperò, grazie. no non ne sapevo nulla...
  2. suggerirei di partire dall'hotel, il park plaza è un 4 stelle, il più comodo di tutti perchè il più vicino di tutti all'Expo, alla stazione ed pure quello che costa meno. occhio che c'erano poche camere libere già 10 gg fa, e verrà bersagliato da tutta europa e non
  3. Enrico Ferrarese

    Mi presento

    Ciao Lorenzo e benvenuto
  4. MS non traduce a 100 dollari per a4 libri specializzati e ti risponde dopo una vita ormai... giusto per darti la misura
  5. Enrico Ferrarese

    Presentazione

    assolutamente no, e qualsiasi discussione in merito verrà attentamente vagliata. prendere spunto è una cosa, trasformare e modificare è un'altra.
  6. Ciao lo scoglio che, prima o dopo arriva per tutti, è quello della lingua in primis e della capacità di vedere un certo numero di lame di qualità in secundis. lo studiare in sè non è divertente solo per te, ma per capire bene le basi, e progredire poi, bisogna innanzitutto partire dai vocabili giapponesi. e già qui qualcuno si perde. Poi un primo livello da newbe, se così si puo dire, lo si raggiunge con i primi libri in italiano (tecnici e storici, non i romanzi). Infine si passa per forza di cose a quelli in inglese. fin qui nulla di proprio difficile. ormai l'inglese lo sanno più o meno tutti. per fare il salto di livello però bisogna scontrarsi con la realtà: molti libri specifici e di approfondimento ci sono solo in lingua giapponese. In piu come se non bastasse questa "materia" non si apprende solo sulla carta. Se si vuole davvero capire alcune cose, e saper fare i dovuti distinguo, bisogna vedere tante lame dal vero. lame di qualità. lame che difficilmente trovi fuori dal giappone, spesso nemmeno nei musei. È come comprendere la grandezza di un dipinto di michelangelo guardando tanti dipindti di artisti di strada (con tutto il riapetto), non so se mi spiego... Pensa che pure i Maestri giapponesi continuano a studiare e a fare ricerche. figurati quanta strada c'è da fare. Ovviamente avere qualcuno di piu esperto di te (leggasi "che ci ha sbattuto il naso prima") che ti sa fare da cicerone passo dopo passo, e.nei momenti giusti, ti aiuta molto e ti velocizza nella curva di apprendimento. Poi, per parlare invece del rapporto tra lama tradizionale e qualità, bisogna aver chiaro un concetto base. La nihonto, intesa come lama prodotta in modo artigianale secondo Tradizione è un oggetto artigianale (anche il materiale) che ha 2 caratteristiche specifiche fondamentali. la prima che è bimetallico, la seconda che è a tempra differenziata. Di per se gia solo queste due caratteristiche sarebbero indice della qualità funzionale della lama prodotta (per la scherma giapponese). questo però non è ovviamente sufficiente per definire di alta qualità una lama. perchè proprio come oggetto artigianale può nascere con uno o piu difetti, ognuno di gravità variabile. le kazuuchimono ad esempio sono lame del periodo muromachi ma non sono lame di grande qualità. tanto per fare un esempio. spero di aver chiarito qualche tuo dubbio. 🙂 p.s. non voglio entrare molto nel campo economico, perchè è un ginepraio pericoloso... però se vedi che molte lame antiche costano meno di tante altre shinsakuto pensa non solo al costo moderno di produrre una lama artiginale... ma anche al fatto che una lama moderna, proprio perchè è moderna ha subito meno politure, pertanto è già solo per questo tendenzialmente in uno stato di salute migliore. senza andare a toccare direttamente la qualità della lama in sè.
  7. Enrico Ferrarese

    Presentazione

    Chiara benvenuta, quoto Manuel. spirito ed obiettivo ultimo di questo forum è la preservazione delle nihonto e dei suoi fornimenti. capisci pertanto che nella visione di chi gestisce e frequenta questi lidi il concetto di trasformazione (a qualsiasi livello) non è ammissibile, ed è fuori discussione.
  8. percepisco un vertenza nella Forza. l'assalto ai ticket cominciato è.
  9. Enrico Ferrarese

    habaki

    davvero bello, complimenti
  10. Come ho detto ci sono. dovrei probabilmente riuscire a venire su giovedì o venerdì mattina presto. come ho le idee più chiare ci organizziamo meglio.
  11. lame e codoli molto interessanti...
  12. Enrico Ferrarese

    presentazione

    Ciao e benvenuto Giovanni, ai nostri kansho ci sono sempre delle lame ammirabili de visu e delle persone più esperte da cui imparare. il forum come hai notato è un pozzo di articoli, confronti, rimandi ecc. ci sono tutte le basi, se avrai abbastanza pazienza e costanza, per andare molto lontano 🙂 la lama se saprai mettere da parte qualcosina piano piano prima o poi arriverà. e come per altre cose, più saprai aspettare, più quando arriverà il momento non ne resterai deluso
  13. Enrico Ferrarese

    2020

    buon anno a tutti!
  14. non che io sappia. proverò a chiedere come socio nthk-npo... p.s: gran bel reply Beta.
  15. "It is with great sadness I am posting this notification on the passing of sword polisher Eiichi Yoshikawa on December 25th. He was 67 years old. The wake will begin at 6:00 p.m. on December 30th and the funeral service will be held on December 31st at 11:00 a.m. Yoshikawa Sensei was active in recent years arranging, attending, and judging shinsa overseas which helped bring up sword scholarship worldwide. Sincerely, Robert Hughes" ( link al post su fb ) Condivido la triste notizia che il 25 dicembre scorso all'età di 67 anni ci ha lasciato Sensei Yoshikawa Eiichi. Figlio di Yoshikawa Koen (Kentaro) e nipote di Yoshikawa Tsunejiro, aveva preso effettivamente le redini della N.T.H.K. - Nihon Touken Hozon Kai (http://nihontouken.org/ ), nonostante il padre non avesse designato ufficialmente il suo successore alla sua morte nel giugno del 1999. Sensei Yoshikawa era persona molto rispettata e discendente di una famiglia che si è dedicata nella politura e nello studio, conservazione e preservazione della spada giapponese. Cito testualmente: "Sensei Yoshikawa era a capo del team di shinsa e direttore della N.T.H.K., curatore delle lame per l'Agenzia della Famiglia Imperiale Giapponese, del Deposito Imperiale Shosoin e della Collezione del Museo Seikado. Era a capo della Scuola di politura Yoshikawa ed era l'attuale politore della Famiglia Imperiale." Ha contributo a diffondere la conoscenza della Nihonto seguendo e presiedendo diverse shinsa oltreoceano, in America e non solo. Ci lascia un grande studioso, ed anche se le sue credenziali ed i suoi ruoli ufficiali testimoniano per lui quanto fosse preparato e stimato, al pari dei suoi predecessori, mi sembra giusto sottolineare che fa parte di una famiglia che ha saputo valorizzare a 360° il mondo della Spada Giapponese, anche le lame delle regioni e delle scuole meno famose e blasonate. De Feo non molto tempo fa mi disse riferendosi al padre: "se vuoi imparare di più sulle lame che piacciono a te (kashu-to) devi guardare agli studi di Yoshikawa". Riporto, per meglio contestualizzare i meriti degli Yoshikawa, un link ad un articolo che stavo finendo di tradurre e che trovo illuminante: http://www.nihontocraft.com/Ura_Nihon_no_Toko.html . E' una grave perdita non solo per N.T.H.K., ma per chiunque apprezzi le nihonto. Sensei Yoshikawa Eiichi
  16. sarebbe buona norma, a seguito di nuova politura, rifare la shirasaya. eviterei di metter mano direttamente ad alcun chè senza far vedere il tutto ad un esperto restauratore.
  17. Ciao, che l'habaki non aderisca perfettamente alla lama può dipendere dal fatto l'ultima politura sia stata un pò troppo "invadente" per così dire... non è scontato che non sia quello originale. Ma anche se l'habaki è davvero malmesso, mi fa più strano la tsuka che da quasi idea di essere il manico in legno di un coltello nostrano. A prescindere dalle mie prime impressioni, che possono essere giuste o sbagliate, la vedo dura a sistemare senza dover rifare shirasaya e habaki in toto. manca mezzo cm quasi e non ci metterei seppa.
  18. Sarà sicuramente nell'angolo della mia casa con gli occhi a mandorla 👍
  19. diffidate da bottiglie non di vetro, alcool colorati e/o profumati, alcool poco costosi, alcool puri al di sotto del 99,95%
  20. https://beautifulbizarre.net/2014/09/07/hirotoshi-itohs-surreal-stone-sculptures/?fbclid=IwAR1U-exggJkyLfOYZnRhd49RFvcEFp73EzIJcbnMgN8WHNB0ArCXll39Qv0 .... solo io le trovo particolarmente geniali?
  21. porca miseria così grande e così a fondo?? non avevo capito che ti riferissi a quello... anche eprchè mi aspettavo che la ruggine attecchisse in modo più... come dire... più regolare

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...