Vai al contenuto
Davide dotta

Buke yashiki

Messaggi consigliati

Lo so, sto diventando molesto, ma se vi do fastidio ditemelo!
Ci troviamo come sempre nella prefettura di Ishikawa, qui nella città di Kanazawa, un tempo sotto il dominio del clan Maeda, collaboratore di Toyotomi Hideyoshi!
Qui siamo siamo nel quartiere delle buke yashiki( case samurai), ovvero il quartiere samurai. Nella zona sono presenti diverse case e una stalla, questa ultima e le abitazioni degli ashigaru, sono ricostruzioni moderne, invece questa che vedete nelle foto, è la villa Nomura ancora nel suo stato originale.
Come sempre buona visione!

DSC_0123.JPG

DSC_0124.JPG

DSC_0125.JPG

DSC_0126.JPG

DSC_0127.JPG

DSC_0128.JPG

DSC_0129.JPG

DSC_0130.JPG

DSC_0131.JPG

DSC_0132.JPG

DSC_0133.JPG

DSC_0134.JPG

DSC_0135.JPG

DSC_0136.JPG

DSC_0137.JPG

DSC_0138.JPG

DSC_0139.JPG

IMG_3122.JPG

IMG_3123.JPG

IMG_4642.JPG

IMG_4643.JPG

IMG_4644.JPG

IMG_4645.JPG

IMG_4646.JPG

IMG_4647.JPG

IMG_4648.JPG

IMG_4649.JPG

IMG_4650.JPG

IMG_4651.JPG

IMG_4652.JPG

IMG_4653.JPG

IMG_4654.JPG

IMG_4655.JPG

IMG_4656.JPG

IMG_4657.JPG

IMG_4658.JPG

IMG_4659.JPG

IMG_4660.JPG

IMG_4661.JPG

IMG_4662.JPG

IMG_4663.JPG

IMG_4664.JPG

IMG_4665.JPG

IMG_4666.JPG

IMG_4667.JPG

IMG_4669.JPG

IMG_4670.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci fa assolutamente piacere!

Dove possibile avresti modo di inserire qualche info sulle lame esposte? Vedo delle belle lama Kaga... Kiyomitsu :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ci sono pochissime informazioni, giusto il tipo di lama se è presente la firma e l'epoca, non molto di più. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Davide della condivisione, ho una curiosità, nella prima foto postata il Tanto in questione (bellissimo) ha come una finestra più chiara che parte dalla linea dell'hamon e rimane aperta sino al mune, scusate per la descrizione arrabattata, sulla prima foto pensavo fosse un riflesso della luce e la teca poi invece il "riflesso" si ripeteva nelle altre foto del Tanto tradendo la realtà, qualcuna sa dirmi se la cosa è voluta o se è casuale? E ancora, le "rondelle" custodite nella teca sfondo blu dove sono rappresentate (credo) le generazioni dei fabbri succeduti, cosa sono? Grazie in anticipo per chi vorrà colmare le curiosità in questione :arigatou:


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... a me pare "un riflesso" (nella quarta foto dello stesso, sparisce).

Le "rondelle", se non erro son monete.. chiamate "mon"-Kan'ei Tsūhō.  (ancora oggi diverse monete hanno il foro.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie Beta illuminante come al solito.

 


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, Altura ha scritto:

..... nella teca sfondo blu dove sono rappresentate (credo) le generazioni dei fabbri succeduti, .....

Comincio a pensare che quella sorta di diagramma rappresenti l'evoluzione del costo .. forse di una spada.

e tanto per... Kan'ei Tsūhō è un pò come individuare la "zecca dei Tokugawa", svalutazione inclusa..  https://www.lamoneta.it/topic/182044-4-mon-kanei-tsūhō-il-destino-dello-shogunato/

 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, betadine ha scritto:

Comincio a pensare che quella sorta di diagramma rappresenti l'evoluzione del costo .. forse di una spada.

e tanto per... Kan'ei Tsūhō è un pò come individuare la "zecca dei Tokugawa", svalutazione inclusa..  https://www.lamoneta.it/topic/182044-4-mon-kanei-tsūhō-il-destino-dello-shogunato/

 

Dovrebbe essere solo come si è evoluta la moneta, l'avevo letto ma ora non ricordo. Chiedo venia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi un grafico sulla "svalutazione" (forse dell'epoca Tokugawa) ... da un mon a una collana ..  :arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Potrebbe essere, ma a dirla tutta, di monete non ne capisco proprio niente. Mi spiace non poter  essere  più preciso!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, Davide dotta ha scritto:

Purtroppo ci sono pochissime informazioni, giusto il tipo di lama se è presente la firma e l'epoca, non molto di più. 

tutte info "superflue", se hai la lama ben visibile sotto agli occhi. È anche vero che la storis di una lama è la cosa più difficile da teamandare...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi incuriosisce molto la katana kambun 加州住藤原信忠, è un kaji, sembrerebbe nativo di kanazawa, su cui non trovo nulla... nessun nobutada nei miei index

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si kashu è la parte a sud di Kanazawa Che oggi si chiama kaga. Scusa le targhette indicano solamente il periodo e il tipo di lama e se presente al firma, per il resto non c'è scritto nulla. Di solito le informazioni sono quelle, ho riscontrato solo maggiori informazioni nella oodachi di shirayama hime. Che ho postato nuovamente nella sezione oodachi di Francesco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si ad esser più precisi Kashū (加州) è la forma abbreviata derivata cinese di Gashū (賀州), l'antica provincia di Kaga, corrispondente oggi a parte della prefettura moderna di Ishikawa. Kanazawa fu ed è ancora la città capoluogo della zona. Lì confluirono e prosperano gran parte dei kaji che si trasferirono dalle altre antiche province quali Mino, Echizen, Owari ed altre, quando all'inizio dello Shinto iniziò la fase decrescente della domanda di lame.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

2 ore fa, Enrico Ferrarese ha scritto:

si ad esser più precisi Kashū (加州) è la forma abbreviata derivata cinese di Gashū (賀州), l'antica provincia di Kaga, corrispondente oggi a parte della prefettura moderna di Ishikawa. Kanazawa fu ed è ancora la città capoluogo della zona. Lì confluirono e prosperano gran parte dei kaji che si trasferirono dalle altre antiche province quali Mino, Echizen, Owari ed altre, quando all'inizio dello Shinto iniziò la fase decrescente della domanda di lame.

Secchione!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

proprio no, ma sono estremamente affascinato dalle kashu-to, che hanno delle caratteristiche particolari e quindi è normale che tutto ciò che le riguardi mi interessi molto 😀

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Enrico Ferrarese ha scritto:

proprio no, ma sono estremamente affascinato dalle kashu-to, che hanno delle caratteristiche particolari e quindi è normale che tutto ciò che le riguardi mi interessi molto 😀

Ho giusto l'incontro mensile con l'associazione questa domenica, il tema saranno appunto le lame kashu,spero stavolta di riuscire a fare delle foto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante