Vai al contenuto
GiulioC

Katana mumei Ko-Mihara (tardo Kamakura / inizio Nanboku-cho) - NBTHK Tokubetsu Hozon

Messaggi consigliati

Ciao a tutti,

posto qui la scheda del mio primo acquisto. Essendo anche la prima scheda che preparo chiedo venia per qualsiasi errore o imprecisione possiate riscontrare. Anzi fatemi sapere se notate qualche errore, sarà un'occasione per imparare.

Posto le fotografie originali del ben conosciuto venditore oltre a qualche fotografia raffazzonata datta da me con un semplice cellulare. Purtroppo in questo periodo ho poco tempo da dedicare ad attività non lavorative, ma, qualora fosse di interesse, mi riprometto di postare in futuro altre foto fatte con la macchina fotografica ed eventualmente anche dettagli con il microscopio digitale.

 

Katana mumei Ko-Mihara - NBTHK Tokubetsu Hozon

 Tardo Kamakura / inizio Nanboku-cho

 Origami:                                    NBTHK Tokubetsu Hozon

 

Sugata:

Curvatura:                                 Tori-zori 

Nagasa:                                   70.3 cm

Sori:                                          1.8 cm

Motohaba:                                 3.23 cm

Sakihaba:                                  2.24 cm

Motokasane:                              0.6 cm

Sakikasane:                               0.335 cm

Kissaki:                                    4 cm

Nakago:                                   19.3 cm

Nakago sori:                              0.2 cm

 

Mune:                                        Iori-mune, mune-hikushi

Shinogi:                                     Shinogi bassi e Shinogi-ji stretto

Hiraji:                                         Hiraniku Kareru

 

Kissaki:                                     O Kissaki

Nakago:                                    O suriage, con Nakago-jiri di tipo kiri (leggerissimo kata yamagata soltanto accennato)

Yasurime:                                  Kiri

Horimono:                                 no

Hi:                                             no

 

Jihada:                                     Itame hada mischiato a Mokume hada con presenza di Ji-nie e alcuni piccoli Shirake-utsuri.

Hamon:                                    In generale Niedeki Suguha con leggeri Gonome—midare in alsune sezioni. Presenza di piccoli Ashi e yawarakai Nioiguchi.

Boshi:                                      Di tipo Hakikake.

 

Koshirae:                                 Koshirae di lacca lucida rossa nella parte alta, nera e piu’ ruvida nella parte inferiore. Fuchi e Kashira decorati con delle specie di piccole nuvole stilizzate in oro. Menuki in oro a forma di aragosta (uno con la coda arrotolata, mentre l’altra distesa). Tsuba di stile Mokko con intarsi in oro Nunome Zogan di scuola Jakushi. E’ inoltre presente un Kozuka in ferro formato Kawachi Kami Kunisuke (attribuzione non certa) con decoro rappresentante una freccia con un messaggio annodato ad essa. Kongo Habaki.

 

19115-2.jpg

IMG_8224.jpg

19115-3.jpg

19115-4.jpg

19115koshirae.jpg

IMG_8209.jpg

IMG_8211.jpg

IMG_8214.jpg

IMG_8216.jpg

IMG_8217.jpg

IMG_8219.jpg

IMG_8221.jpg

IMG_8222.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Giulio,

Koshirae molto bello, anche la lama non csherza, complimenti per essere il primo acquisto. 👍

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno Giulio, complimenti per l’acquisto.

Mi torna poco il dato del kasane (motokasane 0,33 cm ?).

Inoltre, sei sicuro che lo shinogi sia “low” ? In teoria su una lama di questa scuola dovrebbe essere “high”, accompagnato da un ko shinogi “long”; e infatti il ko shinogi appare, in foto, correttamente lungo.

Ovviamente, però, è impossibile valutare l’altezza dello shinogi da una foto 🙂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno Gianluca, hai ragione, per le misure è stato un typo. Corretto direttamente nel post originale.

Per lo shinogi mi rimetto alla tua esperienza. Essendo alle prime armi sull'osservazione e avendo al momento piu' che altro riferimenti bibliografici ho azzardato quello che credevo di vedere. Ho provato a fare la scheda senza copiare bovinamente quella del venditore accettando il rischio di possibili errori. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eh, immaginavo !

Kasane di 0,6 mi torna; un kasane sottile in rapporto al mihaba e al nagasa (che doveva avere)

Certo, una lama con questo tipo di sori, mihaba largo, kasane sottile e kissaki allungato, parla più di Nambokucho che di Kamakura. Ma questa è una considerazione...da accademia. L’attribuzione che hai messo è sostanzialmente corretta. 
 

L’altezza dello shinogi è un dato che, generalmente, si valuta “al tatto”; quindi è ovvio che, per poterlo calcolare correttamente, ci vuole una notevole esperienza su lame vere. 
Comunque, poiché questa lama mi pare abbastanza “da manuale” in tutti i suoi dettagli, credo che lo shinogi sarà senz’altro high. In sostanza, più è ampia la differenza tra lo spessore del kasane (che ti ricordo si misura all’altezza del mune) e quello tra i due spigoli dello shinogi  e più si parla di shinogi high. Ossia, la lama ha una sezione leggermente più “romboidale”, per così dire.
 

Per quanto riguarda la scheda tecnica, posso solo suggerirti di guardare meglio e scovare altri hataraki interessanti (che mi pare di scorgere anche dalle foto) 🙂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ben arrivata anche da parte mia Giulio. 😀

Oltre ai libri per come dice anche Gian "scovare altri hataraki", ti consiglio di utilizzare anche questo riepilogo delle attività nello hamon: 

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, G.Luca Venier ha scritto:

Eh, immaginavo !

Kasane di 0,6 mi torna; un kasane sottile in rapporto al mihaba e al nagasa (che doveva avere)

Certo, una lama con questo tipo di sori, mihaba largo, kasane sottile e kissaki allungato, parla più di Nambokucho che di Kamakura. Ma questa è una considerazione...da accademia. L’attribuzione che hai messo è sostanzialmente corretta. 
 

L’altezza dello shinogi è un dato che, generalmente, si valuta “al tatto”; quindi è ovvio che, per poterlo calcolare correttamente, ci vuole una notevole esperienza su lame vere. 
Comunque, poiché questa lama mi pare abbastanza “da manuale” in tutti i suoi dettagli, credo che lo shinogi sarà senz’altro high. In sostanza, più è ampia la differenza tra lo spessore del kasane (che ti ricordo si misura all’altezza del mune) e quello tra i due spigoli dello shinogi  e più si parla di shinogi high. Ossia, la lama ha una sezione leggermente più “romboidale”, per così dire.
 

Per quanto riguarda la scheda tecnica, posso solo suggerirti di guardare meglio e scovare altri hataraki interessanti (che mi pare di scorgere anche dalle foto) 🙂

Grazie mille Gianluca per i consigli. Gli hataraki al momento sono probabilmente la cosa piu' difficile da riconoscere velocemente, è un continuo passare da repertorio fotografico di supporto a lama e viceversa.

Per le misure ti confermo che il kasane è stato preso all'altezza del mune col calibro. Nella prima versione del post si era solo sfasata la colonna con i numeri scalando di una posizione (tanto che prima avevo 4 cm di sakikasane, in realtà la lunghezza del boshi).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Francesco Marinelli ha scritto:

Ben arrivata anche da parte mia Giulio. 😀

Oltre ai libri per come dice anche Gian "scovare altri hataraki", ti consiglio di utilizzare anche questo riepilogo delle attività nello hamon: 

 

Grazie mille Francesco! Decisamente utile, ne faro' tesoro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Congratulazioni anche da parte mia per la nuova arrivata: ora hai un libro che non è un libro. leggerlo e rileggerlo è la cosa più bella, una cosa che va fatta con calma, intimamente.

Le foto che hai fatto non sono affatto male per essere "le prime". complimenti!

Onestamente sarei curioso di cosa ne esce col microsopio 😀

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, Enrico Ferrarese ha scritto:

Congratulazioni anche da parte mia per la nuova arrivata: ora hai un libro che non è un libro. leggerlo e rileggerlo è la cosa più bella, una cosa che va fatta con calma, intimamente.

Le foto che hai fatto non sono affatto male per essere "le prime". complimenti!

Onestamente sarei curioso di cosa ne esce col microsopio 😀

 

Detto fatto 🙂

 

Wed Feb 17 00-10-32.jpgSun Feb 28 12-10-23.jpgSun Feb 28 12-09-16.jpgSun Feb 28 12-08-42.jpgSun Feb 28 12-06-15.jpgSun Feb 28 12-03-26.jpgSun Feb 28 11-57-54.jpgSun Feb 28 11-57-24.jpgSun Feb 28 11-57-09.jpgSun Feb 28 11-56-53.jpgSun Feb 28 11-56-01.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, GiulioC ha scritto:

Detto fatto 🙂

Sun Feb 28 12-10-23.jpg     Sun Feb 28 12-09-16.jpg   Sun Feb 28 12-03-26.jpg

Giulio perdona se abuso della tua pazienza.. riusciresti a cerchiare sulla lama dove sono queste "evidenze" ?  (le prime due foto sono evidenti, la terza riguarda quella serie "di punti neri" sulla hada (nie??).

:arigatou::arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi mando un paio di ulteriori immagini con mappatura uno a uno, nei prossimi giorni se interessa posso mandarvene altre.

Il microscopio è quello che piu' base non si puo' (si trova su qualsiasi e-commerce scrivendo "digital microscope" e costa una trentina di euro). Purtroppo è talmente base che anche l'ingrandimento preciso non viene visualizzato (la messa a fuoco è a ghiera il che rende anche piuttosto difficile fare foto nitide, è comunque max 200x).

image.png

image.png

image.png

image.png

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Veramente grazie, GiulioC.

 

(quei puntini neri nelle foto centrali, sono "nie" ??)
:arigatou::arigatou:

 

...e complimenti per la tua spada.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dalla mia conoscenza ancora basica le definirei ji-nie, ma lascio l’ultima parola a utenti del forum ben più esperti di me 🙂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(premetto che qua son l'ultimo a poter dare pareri.. ma appurato che dovrebbero essere nie., ji-nie -in quanto sul ji- forse queste "ara-nie", in quanto più "ampie" (??))

Mi accodo con te.. nell'attesa di qualche migliore delucidazione.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Credo che si potrebbero definire Mura nie.

mura-nie (叢沸) – Lit. “clump of nie.” Accumulations of nie or individual but uneven and irregular nie particles. Normally, mura-nie are considered as detrimental to the aesthetics of a blade and in most of the cases they are not intended.

 

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante