Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Buongiorno a tutti, mi sorge un dubbio sulla pronuncia della parola TANTO (inteso come pugnale)

in quanto è scritta sempre con una linea sulla lettera O. Questa linea è da considerarsi come un accento

sulla o, in italiano quindi tantò oppure la pronuncia è diversa ?

Scusate per la banalità ma è un cruccio che ho da tempo ma che non ho mai trovato modo di accertarmi.

grazie per le risposte.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora, partiamo da una cosa fondamentale, il tantou è un coltello e non un pugnale.

Detto questo la parola in questione si scrive 

短刀 ovvero たんとう tantou in alfabeto.

Ci sono diverse traslitterazioni. La più comune è con l'accento lungo sulla o, ma si può omettere aggiungendo una u dopo la o.

La pronuncia corretta è comunque con una "o" allungata, non accentata come in italiano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. si va sempre a finire sul fil di una lama.
Da un coltello a un'accetta è stato un breve passo.  (ahahahah)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio Davide per la risposta e la puntualizzazione sul pugnale/coltello ammetto di essere ignorante  su tante cose, 

a betadine invece dico che non c'è niente da ridere a meno ché non sia un saccente tuttologo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Rol, il particolare accento sulla o significa che la vocale è lunga. Purtroppo in italiano si è persa la differenza tra vocale lunga e breve, come invece era nel latino e nel greco, ed è rimasta solo la differenza tra vocale aperta e chiusa (es. la differenza tra bòtte “percosse” e bótte “recipiente”).

Graficamente il problema si risolve con l’accento lungo ma la pronuncia ? Di solito si allunga leggermente la durata della o, tipo “tantoo”, con vocale chiusa. Quindi non come la parola “però” ove peraltro la vocale è aperta.

La grafia “tantou” si trova esclusivamente nei testi in lingua inglese.  Usarla in italiano sarebbe strano, un po’ come abbreviare una direzione del vento in WSW (per West South West) invece che usare l’italiano OSO (Ovest Sud Ovest).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gianluca ora è tutto decisamente chiaro non ho più dubbi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inserita: (modificato)
5 ore fa, rol51 ha scritto:

  ... a betadine invece dico che non c'è niente da ridere a meno ché non sia un saccente tuttologo

Scusa Rol, la risata non era per te.. ma per una "n" mancante, dove il termine «accentata» (come in italiano) di Davide è stato traslitterato in  a c c e t t a t a  (da li l'accetta e la risata). Non certo per la tua domanda.

io ci ho messo una vita a comprendere che un "taci" era un tachi e non un richiamo agli antenati romani..

 

(aggiungo che )
@@DD ... però così non vale!! (e per evitare fraintendimenti, mi riferisco al correttore semi-automatico.))

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

OK betadine scuse accettate, non c'è problema.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:confused:  Fraintendimenti o inversioni di ruolo.. purtroppo son ricorrenti nel web...  :cinese:
      son le parole senza tono ad esser fredde e distanti.

comunque, beviamoci sopra .. :tioffrounabirra:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante