Vai al contenuto
GiulioC

Masamune in Austria: Museo della città di Steyr

Messaggi consigliati

  Cercando alcune notizie in internet mi sono imbattuto per caso in questo museo. Non ci sono ancora stato, ma in caso cercherò di reperire più informazioni.

Ci sono poche notizie in giro e del resto anche sul forum non mi pare sia menzionato. Vi riporto quello che ho trovato, qualora qualcuno abbia più informazioni vi prego di contribuire.

Pare che nella città austriaca di Steyr (nell'Alta Austria, poco fuori Linz e 166 km a ovest di Vienna) sia conservata una Masamune.

Come dicevo ci sono poche informazioni a riguardo, o almeno io ne ho trovate, per ora, poche. Ogni tanto negli elenchi di Masamune conservate nei musei viene citato, ma sporadicamente.

La lama è conservata nel museo della città che non ha neppure un sito dedicato:

https://www.steyr.at/Museum_der_Stadt_Steyr

C'è poi una pagina Wikipedia in tedesco che manco la menziona nel testo:

https://de.wikipedia.org/wiki/Museum_der_Stadt_Steyr

Credo, ma non ci sono conferme esplicite, che facesse parte della collezione di Albrecht von Roretz (1847-1884) che lavorò come medico in Giappone. Ci sono arrivato da questo articolo:

https://web.archive.org/web/20131221124208/http://www.nachrichten.at/oberoesterreich/weihnachten/Schwerter-der-Samurais-zum-Advent;art115283,1244441

La Nagoya University School of Medicine lo cita ancora nei sui archivi:

https://www.med.nagoya-u.ac.jp/medlib/history_en/archive/print/1876roretz.html

 

Sulla spada in sé c'è veramente poco, ma ho trovato un video su Youtube:

 

 

 

(ogni tanto quando mando i link di Youtube dalla Svizzera ad amici Italiani questi non funzionano, in tal caso il titolo del video è “Samurai Katana Sword made by MASAMUNE” o potete cercare “Masamune Steyr”).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Facendo qualche altra ricerca ho trovato menzione in un post su Nihonto Message Board.

https://www.militaria.co.za/nmb/topic/26973-albrecht-von-roretz-collection/

Pare che Sesko sia stato invitato per studiarla, ma non sia potuto andare causa trasferimento negli US.

Pare ci sia anche una Muramasa, cosa che potrebbe interessate Francesco. Purtroppo il catalogo disponibile online è di bassissima qualità e mi pare abbiano pure pubblicato la firma al contrario:

https://www.eisenwurzen.info/wp-content/uploads/2017/11/Messer-und-Schwerter-Stadtmuseum-Steyr.pdf

 

Ho trovato su circuito antiquario due cataloghi, uno del 1897 e uno del 1960... A questo punto mi sono incuriosito e li ho ordinati. Francesco, qualora potessero essere di interesse per le tue ricerche (ammesso contengano informazioni maggiori / migliori di quello che trovi sopra), fammi sapere e sarà mia premura mandarti delle scansioni appena arrivati. Ovviamente questo vale per chiunque sia interessato.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Giulio e grazie per la condivisione.

Mi era saltata agli occhi quella "Masamune" lo scorso inverno ma non ho avuto possibilità di approfondire. Non nascondo il mio scetticismo al riguardo. Immagino che "hataraki" possa avere dopo quella foto in mano al curatore postata su NMB........

Peccato che Markus non abbia avuto la possibilità di controllare nel dettaglio la loro collezione.

La Muramasa invece ha potenzialità per essere genuina, se nei cataloghi ci fosse riportato ulteriore materiale con piacere ci controllerò.

Evidentemente chi ha redatto il pdf non doveva essere un conoscitore della materia: province inesistenti, periodi di attività dei forgiatori e kanji capovolti...

Curioso di vedere se nei cataloghi vi avranno inserito le foto dei nakago delle lame in collezione..


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Ciao a tutti, come promesso ecco un aggiornamento dopo aver preso visione dei "cataloghi".

Purtroppo le informazioni sono piuttosto deludenti (ed è un eufemismo), ma posto comunque tutto a scopo di archivio.

I due cataloghi consultati sono i seguenti:

·         KATALOG über die Erwebungen für die Anton Petermandl sche Messer-Sammlung der k.k. Fachschule und Versuchs-Anstalt in Stadt Steyr im Schuljahr 1896/97.

·         Katalog zur Anton Petermandl schen Messersammlung im Heimathaus Steyr.

Nel primo e più risalente non c’è menzione alcuna di lame giapponesi. Sono riportate solo 5 lame asiatiche da India, Cina e Nepal. Il catalogo non sembrerebbe tenere conto della collezione Albrecht von Roretz dalla quale dovrebbero arrivare le lame che ci interessano e si focalizza unicamente sul lascito Petermandl. Le due collezioni ora costituiscono un corpus unico all’interno del museo di Styr. Parliamo di questo:

IMG_9325.jpg

Il secondo catalogo (senza data, ma del 1960 secondo fonti online), invece, cita diverse lame giapponesi, ma con scarne informazioni. La cosa curiosa é che in questo catalogo non v'é alcuna attribuzione a Masamune o Muramasa.

Riporto qui sotto le pagine rilevanti.

IMG_9316.jpgIMG_9317.jpgIMG_9318.jpgIMG_9319.jpgIMG_9320.jpgIMG_9324.jpg

Direi che non ci resta che andare a vederle in Austria. Volendo potremmo anche contattare il museo in anticipo e chiedere al curatore la possibilità di analizzarle.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Giulio.

Può essere interessante fare una trasferta.

Tuttavia non mi farei troppe illusioni. La quasi totalità delle “antiche” collezioni di armi, comprese alcune in Giappone peraltro, contengono “grandi nomi” dall’attribuzione quantomeno discutibile. 
Purtroppo il fatto che questi lasciti siano stati tramandati magari per 10 generazioni conferisce un’aura di sacra genuinità che difficilmente si riesce a scalfire senza nel contempo recare “offesa” ai diretti interessati. Un problema che riguarda, giusto per fare un esempio, le raccolte dello Stibbert, di Cà Pesaro e di Solingen, che pullulano di “repliche” ottocentesche di scuole prestigiose del periodo Koto. Repliche che sono magari, oggigiorno, ugualmente di gran pregio ma che, in ogni caso, dovrebbero essere collocate cronologicamente al loro posto nei cataloghi ufficiali pubblicati. Ciò è difficilissimo che accada, prova ne sia il nuovo catalogo dello Stibbert che contiene gli stessi errori di attribuzione di 30 anni fa. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, G.Luca Venier ha scritto:

Grazie Giulio.

Può essere interessante fare una trasferta.

Tuttavia non mi farei troppe illusioni. La quasi totalità delle “antiche” collezioni di armi, comprese alcune in Giappone peraltro, contengono “grandi nomi” dall’attribuzione quantomeno discutibile. 
Purtroppo il fatto che questi lasciti siano stati tramandati magari per 10 generazioni conferisce un’aura di sacra genuinità che difficilmente si riesce a scalfire senza nel contempo recare “offesa” ai diretti interessati. Un problema che riguarda, giusto per fare un esempio, le raccolte dello Stibbert, di Cà Pesaro e di Solingen, che pullulano di “repliche”ottocentesche di scuole prestigiose del periodo Koto. Repliche che sono magari, oggigiorno, ugualmente di gran pregio ma che, in ogni caso, dovrebbero essere collocate cronologicamente al loro posto nei cataloghi ufficiali pubblicati. Ciò è difficilissimo che accada, prova ne sia il nuovo catalogo dello Stibbert che contiene gli stessi errori di attribuzione di 30 anni fa.

 

:ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la condivisione e per le precisazioni sulle repliche ottocentesche.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, betadine ha scritto:

Grazie per la condivisione e per le precisazioni sulle repliche ottocentesche.

Affinché non vi siano fraintendimenti sui termini, rammentiamo che tra i forgiatori dell’Ottocento impegnati a realizzare repliche (non necessariamente utsushi) di lame Koto c’erano anche Naotane, Kiyomaro e Suishinshi Masahide (solo per elencare i più famosi). Quindi la terminologia che ho usato non va intesa in senso spregiativo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la precisazione.. avevo intuito il senso delle tue parole. 

Riprodurre con l'intento di replicare/ispirarsi ad una determinata opera, un tipico periodo.. non é cosa poco. 

Le scuole o "i periodi artistici", in ogni tempo, ne sono testimonianza. 

 

Hai fatto bene a puntualizzare, considerata la comune accezione che viene attribuita al termine replica.  :arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante