Vai al contenuto
betadine

Una simpatica (e strampalata) dispensa..

Messaggi consigliati

Come da titolo condivido volentieri questo reperto reperito on-the-net..
Ci sono, oltre alle note nomenclature, una simpatica scheda didascalica sull'evoluzione, le classiche epoche che han caratterizato il sugata e diverse indicazioni che riguardano l'amato bushi nella sua interezza.
Niente de che, ma simpatica e con alcuni «termini» forse poco noti..

Nel titolo dell'allegato anche la fonte.
Buona lettura
Definizioni_Armi_Armature_Modalita'_kkiennbudoclub.pdf


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarei curioso di sapere le fonti... :sweat:

Non intendo tanto per errate corrige, ad esempio:

MONOUCHI > Ultimo shin-scinto quarto della lama alla punta 

Ma proprio per quanto scrivono...

 

COMPEDIO RAPIDO DI TIPI E MISURE DI SPADE E TIPOLOGIE DELLE ARMATURE

Nel periodo medio Kamakura le spade si perfezionano notevolmente, viene definita l’“ikubo-kissakinotachi” (koshizori di 2,7 cm., lunghezza 66,1 cm.) La parola TACHI viene forse da “tachikiru” > tagliare in due – altri ideogrammi usati significano “spada orizzontale” o “grande spada”. Nel Nanbokuchō (1331/1391) la dimensione degli eserciti crebbe e grandi masse di truppe divennero una delle costanti dei campi di battaglia. I soldati a piedi non erano guerrieri professionali e si comportavano a modo loro. In questo tempo la spada divenne più lunga (misura media tre shaku > 90,90 cm. ma poteva arrivare a 100 cm.) e una più grande (1,30/1,50 m.) venne chiamata ōdachi. E’ il periodo in cui si trovano le armi più lunghe e grandi. L’uchigatana appare nel periodo Muromachi. In questo periodo si diffonde il Kumiuchi e prende importanza la “spada corta” al posto del coltello. All’inizio si tratta di una daga che si allunga (60cm.) di forma diritta, adatta a pugnalare. Così era all’inizio l’uchigatana, era una grossa daga diritta, poi divenne più lunga e curva fino a diventare una spada. Da questa derivò la katana che è identica alle ultime uchigatana. Portare la spada infilata nella cintura era più comodo per i soldati a piedi. Questo sistema però è certo solo dall’inizio del periodo Azuki-Momoyama (1576-1600). E, nello stesso periodo, appare il Daisho. Nel periodo Sengoku e nel primo periodo Edo le spade erano di 3 shaku/ 3 shaku e 4 sun cioè 90/1,02 cm. Nel periodo seguente, dopo il 1645, le spade erano di 2 shaku e 3 sun cioè 60,9 cm., a volte di 2 shaku e 9 sun (78 cm.). Nel pieno periodo Edo la Katana era standardizzata nella misura di cm. 69,69. Alcune spade venivano montate secondo delle caratteristiche dettate dalla scuola di appartenenzaNel periodo Edo la lunghezza delle spade era tabellata. Nel 1624 la lunghezza massima era 2 shaku e 9 sun (87,87 cm.), nel 1645 (84,84/87,87 cm.). La Katana standard (jōsun) per gli ufficiali era 69,69 cm.


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

kkiennbudoclub (l'avevo scritto che era nel titolo.. Definizioni_Armi_Armature_Modalita'_kkiennbudoclub)

Sul file purtroppo non sono riuscito ad entrarci (avevo notato anch'io alcuni termini strani e altri un pò discutibili, ma t'assicuro che non c'ho messo mano).
Ho specificato anche che è un pò "così-così" ma sulle armature e su alcune csd. azioni ho trovato riscontri sulla terminologia (colpi o simili..)

Se lo ritenete troppo sconcio si può spostare tranquillamente in off...


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come sapete bene, ho le mie paturnie e non posso reggere un testo editato e tradotto così male. Peccato, perché sarebbe ben utile e, in realtà, alcune cose sono pure interessanti. Ad esempio la menzione delle spade dritte, da affondo, in uso nel primo Muromachi. In verità nei testi classici a proposito di uchigatana non se ne sente parlare (a mia memoria) e mai mi è capitato di vederne una. Però al museo di Edo vi sono degli interessanti rotoli antichi che raffigurano gli Ashigaru, “gli stronzi della truppa” come li avrebbero chiamati in Vietnam, e tutti portano lame certamente diritte, molto simili alle strisce occidentali, portate alla cintura. 
Quindi l’ipotesi che il prototipo di uchigatana fosse al principio diritto non è proprio buttata lì. C’è da dire che quelle armi in particolare, certamente di arsenale quindi di fattura assai mediocre, si sono verosimilmente estinte abbastanza presto e probabilmente sono state rifuse per altri scopi contingenti, magari per realizzare alcune di quelle belle spade del periodo successivo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Intendevo le fonti da cui Loro hanno ripreso quanto riportato :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inserita: (modificato)

... mi chiedi troppo. Mi pare che sulla scheda didascalica sia riportato "un tizio", per il resto non so se sia il lavoro di qualche adepto di un dojo palermitano che sembra coincidere con i "kkiennbudoclub" (.)

Mettiamolo in "off" (così sta insieme a quella dispensa in giapp che DavideD prima o poi leggerà.))

 

A me, non essendo minimamente addentrato sulle armature, le tre distinzioni sono piaciute, al pari de l'intento omicida o del taglio segreto del tronco...
Ho modificato il titolo, ma per lo spostamento dovrete pensarci voi.)

Da una veloce ricerca ho la conferma che lo hanno pubblicato loro, proverò a contattarli per avere notizie e vedere se rintraccio l'autore o l'originale pre-traduzione.

Modificato: da betadine
investigazione..

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

con umiltà, ma io mi chiedo, perchè leggere qualcosa che contiene errori e di cui non si capisce la fonte?

credibilità zero...

"MONOUCHI > Ultimo shin-scinto quarto della lama alla punta"

Davvero non si può leggere, è offensivo per questo forum...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Enrico..
se giustamente lo ritieni offensivo, hai tutti i mezzi per elimiare il post
se ritieni che possa essere curiosamente buffo, lo potresti spostare in OT

Probabilmente ho sbagliato in primis io a non postarlo direttamente in OffTopic tra le varie menate già da me postate.

Saikeirei und Dogeza


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora.. alla fine dell'anno scorso ho dovuto far acquistare un ulteriore gb di spazio di database (appena portato il forum dal vecchio al nuovo sistema il tutto pesava 600mb...) altrimenti addio forum...

Sarò forse io, ma si, lo trovo offensivo visto che non ci trovo nulla di buffo nè di curioso in quella definizione... Al contempo non voglio nemmeno essere castrante, ma mi piacerebbe che si considerasse il costo dello spazio che non è infinito... al prossimo giro di boa non potrò allargare ancora spazio, ma sarò costretto a snellire che è un lavoro pesante e odioso (per tutti)

Arigatou 🙇‍♂️

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Enrì .. butta!!  (cancella..elimina., non ci sono problemi.   Il buffo non era riferito a quella frase, ma a varie descrizioni pratiche.)
Non mi offendo, ci mancherebbe... e non ho mai preso in considerazione "lo spazio non infinito".  I'm sorry


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/1/2022 alle 23:20 , Francesco Marinelli ha scritto:

Sarei curioso di sapere le fonti... :sweat:

.. allora, un piccolo passo.
Come detto li ho contattati e il gentilissimo M° Amari del KKienn Budo Club di Palermo (http://www.kkiennbudoclub.it/index.html) ha prontamente risposto dandomi un ulteriore appiglio..

Trovò su questo sito Gunbai: Ancient Japanese Warfare (gunbai-militaryhistory.blogspot.com)  diverse informazioni e poi collezionate.   
(tanto per... anche con lui concordiamo che l'interposizione di "sho shin" nella descrizione dell'ultimo quarto della lama, per indicare il monouchi è di palese e facile comprensione., sulla parte relativa alle misure ammette di non essere così addentro nello studio della spada giapponese, mentre anche lui non ha trovato coerenti alcune indicazioni su alcuni metodi usati dalle Koryu specializzate in Kacchu kenjutsu, considerata la passione per "la spada" nella sua primaria funzione sul campo.., trovando però utile per i novizi la dispensa nel suo contesto.)

Comunque, ora il passo successivo sarà quello di inviarla al Gunsen History non sapendo ancora in quale forma.. (ti terrò aggiornato).


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/1/2022 alle 23:55 , G.Luca Venier ha scritto:

...la menzione delle spade dritte, da affondo, in uso nel primo Muromachi. In verità nei testi classici a proposito di uchigatana non se ne sente parlare (a mia memoria) e mai mi è capitato di vederne una. Però al museo di Edo vi sono degli interessanti rotoli antichi che raffigurano gli Ashigaru, “gli stronzi della truppa” come li avrebbero chiamati in Vietnam, e tutti portano lame certamente diritte, molto simili alle strisce occidentali, portate alla cintura. ...

Gianluca.. in merito a quanto quotato prova a buttare un'occhio alla dispensa del MET, postata in "Libri e pubblicazioni".. a pag.16 tra i sugata, ma ancora meglio a pag.194 tra i koshirae, la forma pare essere molto dritta ed il periodo coincidere.., come meglio descritto (come tu ci hai giustamente riferito) anche a pag.197. :arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, so che vado fuori tema e sono l'ultimo arrivato e quindi ad aver voce in capitolo, ma avete pensato anche oltre al forum ad utilizzare la piattaforma discord? io la usavo all'epoca per il gaming e caricavo di tutto... si può fare una trasposizione anche delle sezioni e dei contenuti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 16/1/2022 alle 21:38 , betadine ha scritto:

Gianluca.. in merito a quanto quotato prova a buttare un'occhio alla dispensa del MET, postata in "Libri e pubblicazioni".. a pag.16 tra i sugata, ma ancora meglio a pag.194 tra i koshirae, la forma pare essere molto dritta ed il periodo coincidere.., come meglio descritto (come tu ci hai giustamente riferito) anche a pag.197. :arigatou:

Grazie beta, non riesco a vedere bene il sito da telefono quindi appena avrò accesso a un pc andrò a vedere 🙂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, G1an083 ha scritto:

Ragazzi, so che vado fuori tema e sono l'ultimo arrivato e quindi ad aver voce in capitolo, ma avete pensato anche oltre al forum ad utilizzare la piattaforma discord? io la usavo all'epoca per il gaming e caricavo di tutto... si può fare una trasposizione anche delle sezioni e dei contenuti

lascia stare discord abbiamo un problema di metodo prima che di spazio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante