Vai al contenuto
luca piatti

Koshirae Dalla Fine Edo A Meiji

Messaggi consigliati

eheh...classici koshirae shinshinto super appariscenti...

 

Il secondo ha una forma particolare, mi ricorda molto un'altra lama che ho avuto modo di vedere a Torino, se non spaglio si chiama Teppei Koshirae o qualcosa del genere, sono realizzate per essere infilate in particolari aperture dei pantaloni della divisa utilizzate dai militari subito dopo l'haitorei...insomma era un modo per far apparire le lame giapponesi un pò come le sciabole occidentali.

 

Ken tu ti ricordi meglio?



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sì è così hai ragione, dovrei cercare l'articolo credo che la definizione fosse "Toppei", una forma estetica che ha avunto popolarità per non più di un ventennio nella metà dell'ottocento.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Aikuchi koshirae come quello del tanto della prima foto si trovano anche in periodi precedenti a quelli dell'ultimo periodo Edo.

La Koshirae centrale appartiene al periodo Bakumatsu (Baku=abbreviazione di bakufu ossia riferibile al dominio Tokugawa,Matsu=fine che nell'insieme si traduce come ultimi giorni del dominio Tokugawa e del periodo Edo),era in uso anche prima dell'Haitorei e viene anche chiamata Toppei-Koshirae ma anche Koshirae zubon (pantaloni)...(ne esistono alcune col saya ricoperto da pelle di coccodrillo ecc...).

L'ultima Koshirae è in samezaya con Kojiri in argento con mon (almeno cosi mi pare di intravedere),presumibilmente è dello stesso periodo. :arigatou:

 

P.S.: riguardo le divise occidentali,per meglio rendere l'idea, posterei un immagine raffigurante alcun samurai di Satsuma durante la guerra di Boshin ...

 

Satsuma_samurai_during_boshin_war_period.jpg

 

toppei.jpg

(altro esempio di Koshirae in stile "Toppei",voluto dalla Bakufu come segno di rinnovamento ,prendendo a modello le truppe Napoleoniche all'epoca presenti in Giappone)

Modificato: da shimitsu masatsune

La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ragazzi guardate che se anche di fine edo i koshirae inseriti da Luca appartengono a dei musei e sono oltre il tokubetsu Hozon come valore :ohmy:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Riapro questa discussione perchè parlando un pò sono saltate fuori alcune nuove interessanti notizie sui Toppei Koshirae.

Stiamo per tirare fuori un nuvoo articolo.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Posto qui una doverosa precisazione:

 

I toppei koshirae si diffusero durante il tardo Edo e il Bakumatsu come una forma molto raffinata di finiture, che sebbene usando materiali preziosi come lo shakudo e lo shibuichi, mantenevano uno stile molto semplice. Forse per questo motivo viene acquisito come proprio dello stile Higo.

Sulle origini proprie di questo stile non è possibile pensare ad ispirazioni occidentali. Sebbene fossero di moda nel periodo Meiji-Bakumatsu dove comunque le contaminazioni erano all'ordine del giorno, l'ispirazione prima di questo stile si può ricercare nei Toppai Nari Kabuto, gli elmi da battaglia risocontrabili nel periodo Edo: la forma particolarmente affusolata di questi kabuto, richiama il kojiri dei Toppai koshirae.

La stessa denominazione Toppai è un punto in coomune, malgrado i due manufatti siano distaccati da quasi due secoli.

Toppai è scritto con kanji ormai desueti e pertanto di difficile interpretazione ma è una parola che indica il concetto militare di "sfondamento".

Nei Toppai koshirae quindi non dobbiamo cogliere i riferimenti all'occidente, al contrario lo spirito di ritorno alle origini delle lame shinshinto, al concetto di nihonto come lama da battaglia, in questo senso questo tipo di koshirae si sposerebbe in modo eccelso con una lama di Suishinshi Masahide per esempio, o di quei suoi allievi che hanno riproposto le potenti lame da battaglia nel tardo periodo Edo.

Semmai l'ispirazione prima di questo stile si può ricercare molto più indietro nel tempo nei copricapi e in alcuni elmi cinesi, così come si possono vedere in alcune illustrazioni di samurai e bushi realizzate da Hokusai ad esempio.

L'ispirazione occidentale quindi è da riferisi soltanto alla coincidenza con le forme di alcune montature all'occidentale, comunque brutte e semplificate, che nulla hanno a che vedere con i veri Toppei koshirae in auge tra gli ultimi Samurai e i ricchi borghesi he li hanno spesso usati, in quel periodo, come koshirae di wakizashi di pregio.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante