Vai al contenuto
eraschobju2

RECENSIONI - "Il Samurai"

Messaggi consigliati

Konnichiwa :arigatou:

Ho avuto modo di leggere recentemente uno dei romanzi più noti di Shusaku Endo: "Il Samurai".

Shusako Endo è stato uno dei più affermati scrittori giapponesi contemporanei.

In questo suo romanzo, che si ambienta fra Giappone, Nueva Espana, Spagna e Roma all'inizio del XVII secolo, Endo affronta uno degli argomenti a lui più congeniali: il difficile incontro fra Occidente ed Oriente e le incomprensioni derivanti da culture così diverse narrate attraverso il racconto di un samurai "di campgana" che, per cercare di riconquistare le terre più fertili dei suoi antenati, che gli erano state confiscate dal suo Daimyo, accetta una impossibile missione diplomatica per cercare di ottenere nuovi rapporti commerciali fra Messico (Nueva Espana) e Giappone. Viene affiancato in questa impresa da altri due samurai pari grado (ma profondamente diversi caratterialmente) e da un Francescano spagnolo che oscilla fra fede in Cristo e volontà di potere.

Endo, convertitosi da giovane al cristianesimo, coglie lo spunto storico della chiusura del Giappone alle nazioni colonizzatrici europee (in particolare Spagna, Inghilterra ed Olanda) fortemente voluta da Tokugawa Ieyasu e delle conseguenti persecuzioni dei giapponesi convertitisi alla nuova religione, per cercare di far capire a noi occidentali lo spirito che anima il popolo giapponese e le forti radici di immanenza che permeano la cultura giapponese in cui il concetto di una vita ultraterrena, intesa come una ascesa verso un regno superiore, è impossibile da realizzare.

"... E' facile insegnare loro che la vita è aleatoria. Sono sempre stati sensibili a questo aspetto della vita. Ciò che è incredibile è la capacità dei Giapponesi di accettare e persino di apprezzare la caducità della vita. Tale capacità è tanto sviluppata in loro che essi giungono a crogiolarsi in questa consapevolezza.... Detestano l'idea di esprimere precise distinzioni fra uomo e Dio. Secondo loro, anche se ci fosse qualcosa di più grande dell'uomo, sarebbe pur sempre qualcosa in cui l'uomo potrebbe un giorno trasformarsi".

Insomma trovo sia un romanzo che, al di là della storia narrata e che si ispira a reali accadimenti, cerchi di farci capire come i Giapponesi vedano la vita in senso lato e che quindi unisce il piacere della lettura di episodi e caratteri profondamente intrisi di bushido, a concetti di trascendenza visti attraverso due modi diversi di concepire l'essere umano e l'immortalità.

 

Scusatemi se vi sono sembrato noioso.... vi assicuro che il libro non lo è affatto e credo che ognuno di noi che voglia cercare di avvicinarsi al mondo del Sol Levante, debba averlo fra i libri della propria biblioteca.

 

Shusaku Endo Il Samurai ed. Luni Editrice

 

Domo Arigatou :arigatou:

Modificato: da eraschobju2

Tooyama ga

Medama utsuru

Tombo kana

 

Montagne remote

riflesse negli occhi delle libellule

 

(Kobayashi Issa)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie :arigatou:


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comperato subito e letto in brevissimo tempo.

 

Ottimo suggerimento, grazie mille!

 

VALERIO :arigatou::arigatou::arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante