Vai al contenuto
Gaijin999

Lame Seconda Guerra Mondiale

Messaggi consigliati

Per gli ufficiali giapponesi della seconda guerra esisteva solo la katana?? Qualcuno di voi ha mai sentito parlare di "tanto NCO"?

Tornando alla katana, era sempre senza filo oppure qualche ufficiale ha proceduto, nel periodo bellico, all'affilatura?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Senza filo? Una gunto senza filo? No no il filo c'era eccome, su tutte.

Tanto NCO è un modo per definire un tanto da sottufficiale, ve ne erano parecchi, come per tutte le forze armate del mondo però siamo nel campo del militaria e non in quello nihonto.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Kentozazen, tutte le gunto erano col filo e senza hamon? Mi sai dire se c'era qualche punzone particolare, e se si , dove?? Anche sui tanto NCO??? Altra domanda: che tipo d'acciaio era quello delle gunto?? Acciaio al carbonio, 440 .....??? Thanks!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

bisogna fare una grande distinzione,le gunto in generale hanno sia l'hamon che il filo!, le nco invece nn sono temprate ma hanno cmq il filo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gaijin nella sezione nihon token ci sono articoli interessanti in proposito , scorri i titoli vedrai che trovi risposta alle tue domande , se poi non trovi qualcosa approfondiamo. :arigatou:


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Kento ho trovato qualcosa su gunto,kendaito e showato (articoli tuoi eh eh), ma sui tanto NCO nulla...chi mi sa dire qualcosa su di loro??? Erano punzonati?? Che lunghezza raggiungevano?? C'è qualche caratteristica che li differenzia dai falsi? Ogni notizia, come sempre, è preziosissima... :happytrema:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dove hai visto un tanto NCO ??

io ero rimasto che i sottoufficiali avevano una spada...

 

Comunque gaijin, liberati dal concetto di tipo di acciaio o filo/non filo sono concetti che esistono solo nel mondo delle imitazioni

 

Una spada ha il filo, le spade senza filo sono pezzi di ferro.

E il tipo di acciaio non importa, quello giapponese non è classificato da un numero, si chiama tamahagane ed è semplicemente il migliore che esiste per una spada.

 

Le NCO invece erano fatte a partire da una barra di acciaiazzo di basso valore e realizzate industrialmente senza seguire la tradizione della forgiatura



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
YamaArashi"Una spada ha il filo, le spade senza filo sono pezzi di ferro.

E il tipo di acciaio non importa, quello giapponese non è classificato da un numero, si chiama tamahagane ed è semplicemente il migliore che esiste per una spada.

Le NCO invece erano fatte a partire da una barra di acciaiazzo di basso valore e realizzate industrialmente senza seguire la tradizione della forgiatura"

Yama questo lo sappiamo già, la mia domanda riguardava ESCLUSIVAMENTE le NCO che, come dici tu, erano una semplice barra di acciaiazzo: e chiedevo,appunto, questo acciaiazzo che tipo di acciaio è? Lo sappiamo già che erano di acciaio di basso valore e non forgiato ecc ecc, ma QUALE TIPO di acciaio utilizzavano sti giapponesi per le NCO? Voglio sapere quale tipo di acciaio era utilizzato per le NCO, non mi servono informaz. sul tamahagane!!! Solo sull'acciaio scarsissimo delle lame 2da guerra

Per C3CCO: No, non intendo le baionette,ma proprio i tanto che, come afferma Kentozazen poco su, anche se fanno parte del reparto "militaria"esistono, eccome.

Per Matteo: grazie per l'indirizzo, la foto delle parti originali sono molto indicative...aoi art va spulciata con attenzione eh :gocciolone:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque , non mi risulta che esista la definizione "NCO tanto" però posso offrirti i seguenti dati.

Per quanto riguarda la Marina militare erano in uso dei tanto che venivano ospitati in koshirae abbastanza elaborati che ricordano per stile le kyu gunto, tale forma estetica venne sviluppata nel 1883 e tali tanto prendono appunto questo nome "1883",essi vennero utilizzati seppur con qualche variante estetica sino alla fine del secondo conflitto mondiale dai soli ufficiali. La lama contenuta nel koshirae poteva essere di fattura industriale oppure nihonto.

Per quanto riguarda l'esercito non risulta dai documenti secondo ricercatori quali Fuller che fosse di comune uso un determinato tanto, è comunque da escludersi a priori la possibilità che ve ne fossero modelli destinati ai sottuficiali; tuttavia sono stati raccolti alcuni rari esempi di tanto da ufficiale per l'esercito, si suppone che venissero portati in sostituzione della più scomoda gunto. Anche in questo caso non vi sono sufficienti dati statistici per individuare un particolare modello di lama, si tratta comunque di tanto particolarmente lunghi e stretti privi di sori.

Esiste anche un oggetto definito spesso in passato ed anche attualmente "Japanese army or naval dirk" si tratta un un pugnale relativamente comune e facilmente reperibile, la custodia è dritta in ottone e sull'impugnatura sono spesso presenti tre fiori simili al sakura, in termini di stile potrebbe facilmente ricordare il "1883" nipponico e questo fatto lo ha reso popolare tra i collezioni, pochi sanno che in realtà si tratta di pugnale dell'esercito nazionalista cinese e la grande quantità sul mercato è dovuta al fatto che fosse in dotazione a molti soldati cinesi.

Esiste anche il "kamikaze tanto" che a dispetto della difficilissima reperibilità vanta nel mercato del collezionismo una certa frequenza, a dimostrazione di quante riproduzioni possano esserci in giro.

Non posso dare informazioni relativamente al tipo di acciaio con cui venivano costruiti i tanto giapponesi di produzione "di massa" non ritengo altresì che si possa individuare un unico tipo di acciaio in quanto per questo genere di oggetti venivano utilizzate differenti leghe.

Nessuna punzonatura particolare si può indicare per alcun modello qui sopra descritto.

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Magari se non li conosci già:

 

http://home.earthlink.net/~steinrl/dirks.htm

http://www.h4.dion.ne.jp/~t-ohmura/gunto_002.htm

 

Dove troverai molte risposte abbastanza esaurienti sul mondo delle gunto e dei pugnali militari giapponesi.

 

In ogni caso i libri di Fuller, "Japanese swords and dirks" e quelli che lo hanno seguito(anche se costosi

e di difficile reperibilità), sono sicuramente la fonte più esauriente e completa sull'argomento.

 

:arigatou:


Giuro sul mio Onore di Cintura Nera; di Preservare anziché Distruggere; di Evitare lo scontro anziché Confrontarmi; di Confrontarmi anziché ricevere del Male; di fare del Male anziché Storpiare; di Storpiare anziché Uccidere; di Uccidere anziché di Morire; di Morire anziché disonorare la mia Cintura.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio Gabriele per gli utilissimi indirizzi, e Kento per le risposte esaurienti. Anzi al volo caro Kentozazen ti chiederei anche se vi erano dei punzoni sulle katane (sempre gunto 2da guerra) o se ne hai mai sentito parlare. Coi tanto stiamo a posto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molti tipi di punzonatura si possono reperire sulle gunto, non mi risulta invece nulla sulle NCO. Tra le punzonature più frequenti il marchio di Seki e il fiore di sakura ma ve ne sono tanti altri, la stella per esempio è il simbolo del Rikugun Jumei.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sulle NCO i punzoni non sono sullo pseudo fuchi?

Sì hai ragione io pensavo alla lama.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Gaijin999,

 

parlando di acciaio utilizzato durante la WWII per la realizzazione delle Gunto, non dobbiamo dimenticare quello ottenuto dalla fusione di vecchie rotaie ferroviarie.

Tali rotaie erano state fornite al Giappone (oppure sono state anche requisite in Manciuria) dalle acciaierie inglesi o svedesi verso la fine del 1800.

 

Nel caso non ti fosse noto, NCO significa: Non Commissioned Officer (equivalente al grado di sottufficiale).

 

Relativamente ai pugnali, Ken ti ha risposto in modo esauriente.

 

Per quanto riguarda le punzonature, queste si trovano sia sui Fuchi ma anche e sopratutto sulle lame.

In particolare, dopo il il 1940, era diventato obbligatorio punzonare tutte le lame (fornite all'esercito od alla marina) realizzate con metodi non tradizionali - ossia industrialmente.

 

Ci sono molti marchi punzonati sulle lame e di molti non si conosce appieno il significato. Alcuni indicano la zona di produzione, altri gli arsenali di raccolta e successiva distribuzione delle Gunto, altri l'epoca (es: Showa), ecc......

Tanto "per fare scena", allego alcuni di questi marchi.

 

Marchi_su_Gunto.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le info, Paolo...questi punzoni erano applicati sul nakago, che tu sappia?? Hai qualche immagine di questo tipo di lame, per poter vedere l'esatta ubicazione di tali segni??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante