Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2022.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

Accedi per seguirlo  
ghemon74

Una Considerazione

Messaggi consigliati

Ciò che mi ha colpito , dopo aver letto i vari post del forum che analizzano l'affascinante mondo delle nihonto è stato proprio lo spirito e l'entusiasmo che traspira dalle varie discussioni trattate.

Ragazzi in tutta franchezza , collezioniamo e veneriamo strumenti che pochi secoli fà erano considerate armi idonee ad arrecar gravi danni all'avversario se non la morte , ed in questo i giapponesi eccelsero creando quanto di più sofisticato , perfetto e tecnologico ci potesse essere nello scontro diretto , (escludendo la mera polvere da sparo).

Ma oggi avere tra le mani una lama storica , romanticamente simo portati a pensare ai samurai , ai duelli da films ecc , ma questo , dandolo anche per scontato e rappresentandolo al mondo d'oggi ci fà riflettere.

Le armi sono progettate per l'offesa , ma le nihonto simbolicamente per me rappresentano l'impegno che porta all'eliminazione del male , diciamo l'impegno verso le virtù , quali il rispetto , l'onore e la vita morale e quanto di più nobile possa venire dall'uomo.

Non potrei concepire e collezionare lame giapponesi senza questo spirito nobile. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non ne ho ancora una ma concordo pienamente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo che questo è il mio personale modo di intendere le nihonto , e sinceramente mi fà molto piacere che sia una linea di pensiero condivisa anche da voi. :seratinaamici:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

molto petico come pensiero e devo dire anche molto ...occidentale :smile:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Le armi sono progettate per l'offesa , ma le nihonto simbolicamente per me rappresentano l'impegno che porta all'eliminazione del male , diciamo l'impegno verso le virtù , quali il rispetto , l'onore e la vita morale e quanto di più nobile possa venire dall'uomo.

Non potrei concepire e collezionare lame giapponesi senza questo spirito nobile. :arigatou:

 

Peccato però che non è sempre stato così. Con le nihonto sono state fatte anche stragi di innocenti. Per questo motivo non comprerò mai una nihonto,perchè è probabile che abbia ucciso qualcuno. Un giorno, forse, prenderò una shinsakuto. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Peccato però che non è sempre stato così. Con le nihonto sono state fatte anche stragi di innocenti. Per questo motivo non comprerò mai una nihonto,perchè è probabile che abbia ucciso qualcuno. Un giorno, forse, prenderò una shinsakuto. :arigatou:

 

 

questa visione e' condivisa anche dai giapponesi. Un amico di famiglia di mia moglie riteneva che la sua nihonto fosse la causa delle sue sfortune, e, su consiglio di un bonzo se ne e' liberato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...peccato però che non possiamo trasferire a una lama (o a qualsiasi altro oggetto) la capacità di controllare le nostre azioni, sarebbe una bella scusa... non esistono lame buone o cattive, ma la mano che le impugna ne descrive il "carattere"...

anche se una lama ha ucciso, in realtà era una volontà umana a guidarla, ma la stessa lama potrebbe successivamente essere usata per difendere altre vite umane... e sia in un caso che nell'altro, la lama era solo acciaio, e nulla di più... e chi la conserva ha solamente l'oggetto, non la volontà buona o cattiva che la muoveva...

 

questo almeno è il mio pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io lavoro nel campo della pubblicità e conosco un po di fotografi. Uno di questi mi ha raccontato una storia un po incredibile.

Per lavoro, doveva essere realizzato un libro su questa collezione, ha fotografato un intera collezione di kris malesi.

 

Al momento di consegnare gli scatti, si è accorto che un kris non era riuscito nello scatto. Ha rifatto quella foto innumerevoli volte e da posizioni diverse e con diverse luci, ma niente; sto pugnale non veniva fuori. Una volta era sfuocao, l'altra era scurissimo, l'altra ancora era bruciato...insomma, niente.

 

Quando ha incontrato il collezionista e gli ha consegnato il lavoro gli ha detto del problema. Il cliente per nulla sorpreso gli ha risposto...:"è il nunero 4 (numero a caso perchè non me lo ricordo quale era)" il fotografo ha detto che effettivamente era quello. A questo punto il collezionista ha svelato che quello era un kris appartenuto a un bandito che era stato accertato aver ucciso un certo numero di persone proprio con quell'arma.

 

Strana storia vero? Il fotografo poi mi ha regalato il libretto fatto sulla collezione e alla pagina inerente a quel kriss, c'era scritto del problema. Se lo ritrovo ve lo mostrerò.

 

So di storie simili anche su lame giapponesi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quoto Mirco1981 ... anche noi stessi studiamo l'arte della spada e/o della guerra per arrivare ad essere in grado di non usarla/farla ma sappiamo che non è così semplice, inoltre anche una spada che ha ucciso potrebbe averlo fatto provocando di conseguenza un bene per chi dalla spada e dal braccio è stato difeso. :arigatou:

 

chiedendo venia se "rompo" il mistico romanticismo, se non sbaglio per fare i kriss (almeno i più quotati) veniva usato ferro proveniente da meteoriti quindi ricco di impurità ... per "disturbare" la pellicola sarebbe bastata la presenza di qualche materiale leggermente radioattivo :arigatou:

 

se poi vogliamo metterci a discutere del fatto che spesso gli oggetti sembrano avere una loro specifica volontà e incidere anche sull'ambiente circostante OK credo che si trovino esempi a bizzeffe anche senza parlare di spade ... chiunque abbia lavato la macchina o i vetri delle finestre di casa appena prima di un improbabile temporale sa che cosa intendo :hehe:

 

:smile::arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non metto assolutamente in dubbio che una nihonto possa essere stata usata per difendere dei bisognosi; ciò che mi farebbe star male è il pensiero di possedere qualcosa in casa che abbia tolto la vita a qualcuno, indipendentemente se esso fosse "buono" o "cattivo".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Non metto assolutamente in dubbio che una nihonto possa essere stata usata per difendere dei bisognosi; ciò che mi farebbe star male è il pensiero di possedere qualcosa in casa che abbia tolto la vita a qualcuno, indipendentemente se esso fosse "buono" o "cattivo".

 

 

Accidenti ! Vado a distruggere tutti i miei trapani :polliceverso: sai quante vite hanno tolto ! :nausea:

 

 

... solo per sdrammatizzare :hiya:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ahahahahahahhahahahaha :happytrema::happytrema::happytrema: .

Bella questa Shiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per Shiro :ola::ola:


"Bellezza, gioventù e fascino cominciano ad appassire quando appaiono la prima volta.

Attraverso le prime foschie della primavera, scorgiamo il Ponte d'Autunno"

----

mai confrontarsi con un imbecille, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

SHIRO,SHIRO,SHIRO!!!! :ola::ola::ola::ola: a parte considerazioni e superstizioni varie, ricordiamoci che non sono le cose ad essere buone o cattive, ma chi le usa. La katana era considerata" spada che da' la vita" e se addirittura monaci zen si sono disturbati a considerarla e a dettarne le regole d'uso, un motivo deve esserci. Anche nel nome di un dio si sono compiute ( e si compiono) stragi, ma e' sempre l'uomo, l'esecutore ultimo a compiere nefandezze o atti mirabili. Non eseste il bene puro e il male puro, ricordatevi il simbolo del tao,solo il loro equilibrio mantiene in piedi l'universo. Entropia ed entalpia, se prevale una delle due, sono azzi amari. Cio' che noi studiamo ed apprezziamo, e' un oggetto, il piu' perfetto della sua categoria, ha una storia e un valore culturale. Anche molti cannoni esposti in castelli o fortezze hanno ucciso molti uomini, a volte innocenti, eppure i bambini ci si siedono sopra a cavalcioni...

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante