Vai al contenuto
Simone Di Franco

Yoshihara Yoshindo Sensei 2007

Messaggi consigliati

I.N.T.K.

 

10 – 11 novembre 2007

Casa Guidi (Sesto Fiorentino)

 

 

 

TOGI KENSHŪ

Seminario propedeutico alla politura

a cura di Mr Leon Kapp & Massimo Rossi

inteso a dare le prime fondamentali impostazioni ed istruzioni

sulla corretta politura delle Tōken,

aperto esclusivamente ai Soci che volessero con dedizione, pazienza ed umiltà,

apprendere questa difficile arte millenaria.

Tutti i partecipanti dovranno obbligatoriamente procurarsi

almeno le prime tre pietre, oltre ad una lama forgiata

da utilizzare per la propria personale politura.

Sarà possibile partecipare anche a chi non ha mai provato

a polire, ma volesse iniziare a farlo. A tutti sarà data

la possibilità di procurarsi per tempo la attrezzatura necessaria.

Le adesioni dovranno pervenire alla ns. Segreteria

entro il 30 settembre 2007

La quota è fissata in € 150,00 – Pagamento alla prenotazione

Saranno accettati al massimo n. 10 Soci partecipanti che,

nei momenti liberi, potranno gratuitamente assistere

al Seminario di habaki

Sabato: 10-12,30 e 16-19

Domenica: 9-13 e 15-18

 

 

HABAKI KENSHŪ

Dimostrazioni di fabbricazione di habaki (prima parte)

tenuto da Yoshihara Yoshindo Sensei

L'incontro è inteso ad insegnare la costruzione dello

habaki

I partecipanti potranno osservare le tecniche di sagomatura e chiusura attorno alla lama.

La seconda parte del seminario, relativamente alle tecniche di finitura, sarà tenuta nel 2008.

Aperto a tutti i Soci.

Le adesioni dovranno pervenire alla ns. Segreteria

entro il 30 settembre 2007

La quota è fissata in € 50,00 – Pagamento alla prenotazione

Saranno accettati al massimo n. 10 Soci partecipanti.

solo il Sabato: 14-18

 

 

 

 

Tutti i non soci potranno chiedere di aderire alla INTK al momento della domanda di partecipazione al corso.

Agli incontri saranno ammessi esclusivamente gli iscritti.

Non sono ammessi i non-soci, né accompagnatori, né visitatori.

 

info: Segreteria Intk – Via Bengasi, 7A – Pistoia

c.c.p. n. 45442886 – Ass.Italiana Spada Giapponese



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

volevo aprire un topic proprio dopo aver ricevuto l'email dal ns. segretario con l'annuncio dell'evento. Se prima il mio era un dubbio adesso è una certezza...o meglio, sono certo di essere perplesso...scusate il gioco di parole.

Perplesso perchè di un corso per 10 aspiranti politori se ne era parlato e posso concordare col numero chiuso e sul fatto che l'interesse possa essere limitato ma sul resto mi sento un pò deluso. Che un corso per fare un habaki sia diviso in due parti (una nel 2007 e l'altra nel 2008) in un così vasto lasso di tempo e peraltro limitato a pochi, non so che pensare...

Deluso perchè speravo che INTK, onorata per la seconda volta di ospitare Yoshihara sensei e mr. Kapp e nell'intento di approfittare delle loro vaste conoscenze e competenze, avesse in programma un evento che potesse abbracciare l'interesse un pò di tutti e coinvolgere non solo pochi ma una buona quota dei soci attivi sia sotto il profilo dell'oggetto dell'evento che dei soggetti che vi accedono, così da permettere un più vasto proficuo scambio di idee e informazioni su questa falsa riga http://www.intk-token.it/forum/index.php?s...5&hl=kantei

La mia critica spero sia vista come costruttiva e input per ulteriori interventi e commenti di altri che condividano o disapprovino le mie osservazioni.


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

credo che un numero ridotto di partecipanti sia a garanzia di un insegnamento individuale più meticoloso, il problema è che se i candidati fossero molti di più qualcuno dovrebbe rimanere escluso......

 

per quanto riguarda il corso per la costruzione degli habaki, non vedo male la divisione dello stesso in due parti; nel frattempo si può fare un po' di esperienza e arrivare alla parte della finitura con una base già consolidata


"Bellezza, gioventù e fascino cominciano ad appassire quando appaiono la prima volta.

Attraverso le prime foschie della primavera, scorgiamo il Ponte d'Autunno"

----

mai confrontarsi con un imbecille, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Condivido le '' perplessitá '' di Musashi anche se forse non é questo il topic piú adatto per parlarne.

 

Indubbiamente avere a disposizione un politore come Mr. L. Kapp é un’occasione troppo ghiotta per lasciarsela scappare ed é giusto e legittimo che quelli veramente interessati al tema della politura e con almeno un minimo di esperienza qualificata alle spalle (quattro, cinque, sei tra di noi ....?) ne approfittino e non siano disturbati da troppi ''osservatori esterni'' forse piú curiosi che attenti.

Quindi, mentre non posso che apprezzare l’iniziativa per un corso cosí altamente specialistico, contemporaneamente mi piacerebbe che la INTK utilizzasse la vasta gamma di conoscenze qualificate che sicuramente ha, anche per organizzare incontri fruibili da una piú ampia gamma di appassionati di Nihonto.

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Condivido le '' perplessitá '' di Musashi anche se forse non é questo il topic piú adatto per parlarne.

 

Indubbiamente avere a disposizione un politore come Mr. L. Kapp é un'occasione troppo ghiotta per lasciarsela scappare ed é giusto e legittimo che quelli veramente interessati al tema della politura e con almeno un minimo di esperienza qualificata alle spalle (quattro, cinque, sei tra di noi ....?) ne approfittino e non siano disturbati da troppi ''osservatori esterni'' forse piú curiosi che attenti.

Quindi, mentre non posso che apprezzare l'iniziativa per un corso cosí altamente specialistico, contemporaneamente mi piacerebbe che la INTK utilizzasse la vasta gamma di conoscenze qualificate che sicuramente ha, anche per organizzare incontri fruibili da una piú ampia gamma di appassionati di Nihonto.

 

condivido il fatto che questo topic non è la sede appropriata, l'ultima parola al webmaster.

 

Per il resto Paolo ha espresso esattamente ciò che intendevo dire, non una parola in più nè una meno...


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io aggiungo che, essendo escluso dai due eventi per mia incapacità poi a proseguire, mi sarebbe comunque piaciuto avere un'occasione di incontrare amici del Forum e dell'associazione.

Mi fa sempre piacere stare in compagnia e ascoltare i discorsi e, scambiare esperienze, mi è senz'altro molto utile.

Mi dispiace aspettare un anno intero fino alla riunione primaverile.

 

Shirojiro, :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Accidenti mi son accorto che potrei essere l'ultimo classificato per partecipare al seminario .


Non seguire un sentiero tracciato da altri , ma tracciane uno tu affinchè gli altri possano seguirlo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La mia personale visione della cosa è la seguente. Trovo che la conoscenza del togi a livello teorico possa essere di grande utilità per tutti i seri appassionati.

Raramente mi capita di riconoscere anche in "studiosi navigati" la capacità di giudicare la qualità di una politura, in questo senso una conoscenza diretta e più approfondita delle difficoltà esecutive e degli errori più comunemente riscontrabili sarebbe utile a molti per riuscire poi a distinguere un buon lavoro da uno mediocre. Da un lato quindi ritengo che un approfondimento sulla politura darebbe strumenti utili a tutti e contribuirebbe a distinguere con maggior chiarezza tra i lavori mediocri presentati spesso in rete (anche su siti nipponici) e opere di grande maestria; dall'altro mantengo forti riserve sulla possibilità di creare nuovi talenti con un breve corso dei seppur talentuosi Massimo e Leon. Tre pietre in due giorni mi sembra un po' come gli spot dimagranti "7 kili in tre giorni".

L'incontro sarebbe utile a molti se indirizzato al riconoscimento di una buona politura, ci sarebbe da parlare tanto credetemi, ci sarebbe da confrontarsi su cosa preservare, sul tema "sino a che punto spingersi" , essere conservativi o rigorosamente e pericolasamente accademici? Come ed in che misura la finitura shiage deve risaltare? Dove il sashikomi e dove l'hadori? Quanto l'hadori è introduzione al tema dell'hamon e quanto esso è sottolineatura dello stesso? Intensità dei contrasti. Elementi trascurati ed elementi trascurabili. Punti di maggiore difficoltà a cui un collezionista dovrebbe prestare attenzione. Stili di finitura in rapporto a tradizione e scuola. Trucchetti vari ed accorgimenti su come riconoscerli.

Rispetto moltissimo la scelta del consiglio in toto e non mancherò comunque all'appuntamento anche se penso che non porterò alcuno strumento di lavoro non ritenendo utile per il sottoscritto la pratica pubblica ed il livello di approfondimento che immagino verrà proposto in tempi così limitati, immagino inoltre che sia preclusa la possibilità di confronto tecnico tra i togishi essendo l'esiguo tempo dedicato a rapidi e sommari insegnamenti di base, sono anche certo che chi vorrà partecipare al seminario arricchirà comunque la propria conoscenza in un ambito spesso riservato a pochi eletti. Di certo non mi perderò la dimostrazione del M° Yoshihara.

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
...L'incontro sarebbe utile a molti se indirizzato al riconoscimento di una buona politura, ci sarebbe da parlare tanto credetemi, ci sarebbe da confrontarsi su cosa preservare, sul tema "sino a che punto spingersi" , essere conservativi o rigorosamente e pericolasamente accademici? Come ed in che misura la finitura shiage deve risaltare? Dove il sashikomi e dove l'hadori? Quanto l'hadori è introduzione al tema dell'hamon e quanto esso è sottolineatura dello stesso? Intensità dei contrasti. Elementi trascurati ed elementi trascurabili. Punti di maggiore difficoltà a cui un collezionista dovrebbe prestare attenzione. Stili di finitura in rapporto a tradizione e scuola. Trucchetti vari ed accorgimenti su come riconoscerli...

 

magari fosse stato questo il tema di un incontro/conferenza!!! non vi sarebbe nulla da eccepire, anzi...

 

 

...Rispetto moltissimo la scelta del consiglio...

 

risepetto anch'io ma non condivido

 

 

...chi vorrà partecipare al seminario arricchirà comunque la propria conoscenza in un ambito spesso riservato a pochi eletti...

 

dieci persone non ti sembra già un numero ristretto rispetto alla totalità dei soci, più o meno attivi? dieci su quanti? la percentuale mi sembra esigua...

condivido il numero limitato perchè una tale dimostrazione non avrebbe permesso un numero più alto, avrei solo cambiato la formula dell'evento cercando di fare qualcosa che potesse interessare un pubblico più ampio (sempre INTK e più o meno qualificato) piuttosto che organizzare un evento per soli 10 soci...

 

Ripeto la mia non è polemica ma solo l'osservazione e forse un pò l'amarezza di chi ha aderito ad un'associazione il cui fine è lo studio delle nihonto, studio che è tanto più proficuo quanto più vi sia una vasta rete di diffusione di informazione tra i membri.


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

concordo con ken e musashi e come loro rispetto la scelta del consiglio di strutturare in questo modo la "manifestazione", credo che purtroppo (per vari motivi lavorativi) manchero a entrambi gli incontri...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Leggendo i vari post mi accorgo che l'argomento politura sia più un percorso alchemico iniziatico riservato a pochi eletti , che un percorso tecnico artistico riservato a chi voglia veramente imparare .


Non seguire un sentiero tracciato da altri , ma tracciane uno tu affinchè gli altri possano seguirlo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Leggendo i vari post mi accorgo che l'argomento politura sia più un percorso alchemico iniziatico riservato a pochi eletti , che un percorso tecnico artistico riservato a chi voglia veramente imparare .

 

 

Non sono un ''politore'' ma ho una minimissima conoscenza di cosa voglia dire ''polire una lama'' .

 

Non é affatto un ''percorso alchemico .........'' come forse i nostri interventi te lo hanno presentato e fatto intendere ma, se affrontato seriamente,, lo potrei ben definire ''un percorso di vita''.

Il ruolo del politore (serio e preparato) é abbastanza equiparabile a quello dello spadaio e come tale presuppone quindi anni di costante e serio studio e di pratico esercizio sotto la guida di maestri esperti.

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

straquoto paolo

 

se dobbiamo fare un paragone con l'ikebana in uno "stage" di 2 giorni cosa pretendi di imparare? nulla... delle volte solo a fare confusione

puo essere un buon modo di cominciare questo è vero ma poi ci DEVE essere la voglia il desiderio e l'umilta per andare avanti.. (anche se è uno corso mirato a coloro che non hanno mai provato a polire credo che almeno dello solide nozioni tecniche di base ci devano essere)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io la vedo abbastanza male, ma non mi addentro nel discorso perchè potri diventare pesante e fuori luogo.


Le parole possono ferire, il silenzio può guarire. Sapere quando è opportuno parlare e quando invece tacere è compito dei saggi.

La conoscenza può ostacolare, l'ignoranza liberare. Sapere quando è opportuno conoscere e quando ignorare è compito dei profeti.

La lama, indifferente a parole, silenzio, conoscenza o ignoranza, taglia in modo netto. Questo è il compito dei guerrieri.

(Suzume no Kumo)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stavo scrivendo per spiegare meglio le mie vedute , ma lo sguardo si è fermato sulla firma di Funboy, credo che quello che si legge dica moltissimo ;

 

:zitto: Su questo chiudo i miei interventi su questo topic


Non seguire un sentiero tracciato da altri , ma tracciane uno tu affinchè gli altri possano seguirlo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
La mia personale visione della cosa è la seguente. Trovo che la conoscenza del togi a livello teorico possa essere di grande utilità per tutti i seri appassionati.

Raramente mi capita di riconoscere anche in "studiosi navigati" la capacità di giudicare la qualità di una politura, in questo senso una conoscenza diretta e più approfondita delle difficoltà esecutive e degli errori più comunemente riscontrabili sarebbe utile a molti per riuscire poi a distinguere un buon lavoro da uno mediocre. Da un lato quindi ritengo che un approfondimento sulla politura darebbe strumenti utili a tutti e contribuirebbe a distinguere con maggior chiarezza tra i lavori mediocri presentati spesso in rete (anche su siti nipponici) e opere di grande maestria; dall'altro mantengo forti riserve sulla possibilità di creare nuovi talenti con un breve corso dei seppur talentuosi Massimo e Leon. Tre pietre in due giorni mi sembra un po' come gli spot dimagranti "7 kili in tre giorni".

L'incontro sarebbe utile a molti se indirizzato al riconoscimento di una buona politura, ci sarebbe da parlare tanto credetemi, ci sarebbe da confrontarsi su cosa preservare, sul tema "sino a che punto spingersi" , essere conservativi o rigorosamente e pericolasamente accademici? Come ed in che misura la finitura shiage deve risaltare? Dove il sashikomi e dove l'hadori? Quanto l'hadori è introduzione al tema dell'hamon e quanto esso è sottolineatura dello stesso? Intensità dei contrasti. Elementi trascurati ed elementi trascurabili. Punti di maggiore difficoltà a cui un collezionista dovrebbe prestare attenzione. Stili di finitura in rapporto a tradizione e scuola. Trucchetti vari ed accorgimenti su come riconoscerli.

Rispetto moltissimo la scelta del consiglio in toto e non mancherò comunque all'appuntamento anche se penso che non porterò alcuno strumento di lavoro non ritenendo utile per il sottoscritto la pratica pubblica ed il livello di approfondimento che immagino verrà proposto in tempi così limitati, immagino inoltre che sia preclusa la possibilità di confronto tecnico tra i togishi essendo l'esiguo tempo dedicato a rapidi e sommari insegnamenti di base, sono anche certo che chi vorrà partecipare al seminario arricchirà comunque la propria conoscenza in un ambito spesso riservato a pochi eletti. Di certo non mi perderò la dimostrazione del M° Yoshihara.

 

Una piccola domanda...Ma è stato mai promosso uno stage sul riconoscimento di una "Buona" spada ?


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante