Vai al contenuto
KATSUMOTO

Il Cane Dei Samurai L'akita Inu

Messaggi consigliati

Buondì Ragazzi,

 

Volevo tediarVi con un altra mia passione che riguarda il Giappone: l'Akita Inu, chiamato anche "il cane dei Samurai", e eletto in Giappone come razza a Monumento Naturali Nazionale.

 

Qualche cenno:

 

Classificazione FCI: gruppo 5 (Spitz e cani di tipo primitivo)

 

 

sezione 5 (Spitz e razze affini)

 

 

CENNI STORICI: Originariamente, tutte le razze canine giapponesi erano di taglia piccola o media e non esisteva nessuna razza di grande mole. Dal 1603 nella regione di Akita, gli Akita Matagi (cani di taglia media per la caccia all’orso) erano usati come cani da combattimento. Dal 1868 gli Akita Matagi furono incrociati con i Tosa ed i Mastini. Conseguentemente la taglia di questa razza aumentò e le caratteristiche associate con il tipo spitz furono perse. Nel 1908 il combattimento dei cani fu proibito, tuttavia questa razza fu preservata e migliorata come razza giapponese di grande taglia. Fu così che nove stupendi esemplari di questa razza furono dichiarati Monumenti Naturali nel 1931. Durante la Seconda Guerra Mondiale (1939-1945) era uso comune utilizzare i cani come fonte di pelliccia per l’abbigliamento militare. La polizia ordinò la cattura e la confisca di tutti i cani eccetto i pastori tedeschi che erano usati per scopi militari. Alcuni appassionati cercarono di contravvenire all’ordine incrociando i loro cani con i pastori tedeschi. Quando la seconda guerra mondiale finì, gli Akita erano stati drasticamente ridotti di numero ed esistevano in tre distinti tipi: 1) Akita Patagi, 2) Akita da combattimento e 3) Akita da pastore. Questo creò una situazione molto confusa per la razza. Dopo la guerra, durante il processo di restaurazione della razza pura, Kongo-go, un cane della linea Dewa, le cui caratteristiche mostravano l’influenza del Mastiff e del Pastore Tedesco, ebbe un periodo di breve ma enorme popolarità. Tuttavia sensibili e appassionati eruditi non approvavano questo tipo come vera e propria razza giapponese così si sforzarono di eliminare il sangue di razze estranee facendo incroci con gli Akita Matagi con lo scopo di ristabilire la razza pura originaria. Essi riuscirono così a stabilire la linea pura della razza di grande taglia conosciuta ai giorni nostri.

 

Grazie dell'attenzione... :vecchiocinese:

ryu.gif

mugen_4.gif

storie.gif

fun44.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

bell'articolo! non sapevo nulla al riguardo...

 

beh, sembra un incrocio tra husky e chow!


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
bell'articolo! non sapevo nulla al riguardo...

 

beh, sembra un incrocio tra husky e chow!

 

In effetti sia la Siberia che la Cina non sono poi così lontane, e il tipo primitivo spiz é lo stesso, in più la regione di Akita é al Nord del Giappone, e fà parecchio freddo.

Comunque la razza risulta essere autoctona da secoli.

Vi ragguaglio anche sui dati mofologici:

Altezza:

- maschi circa 67 cm

- femmine circa 61 cm

con variazione di 3 cm in più o in meno tollerata.

Peso: da 34 a 50 kg

Daiboh_Maru.jpg

foto1.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Davvero interessante Katsumoto, grazie :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Davvero un bel articolo. Sinceramente non lo sapevo; ed immaginati che mia mamma ha un negozio di animali. Ne abbiamo venduti molti di Akita Inu ma non sapevo che fosse una razza giapponese :ok: Io no, sicuramente mia madre si :blush: che ignorante che sono :confused:


skilledlogo.jpg"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) che tradotto significa "Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

assomiglia molto all'husky ma credetemi ha un carattere molto migliore... pero ha lo stesso modo di abbaiare, come gli husky e i samuiedo.. che è davvero irritante

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' quello nel mio avatar...poi mi ha detto sandro che la scritta vicino significa poprio "cane di akita" o qualcosa del genere!!


"...io e te 3 metri su una ruota..."

"...tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero..."

 

Alex90

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E' quello nel mio avatar...poi mi ha detto sandro che la scritta vicino significa poprio "cane di akita" o qualcosa del genere!!

Si,significa esattamente Cane di Akita :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
assomiglia molto all'husky ma credetemi ha un carattere molto migliore... pero ha lo stesso modo di abbaiare, come gli husky e i samuiedo.. che è davvero irritante

 

Concordo.. l'husky ce l'avevano i miei nonni (è morto 4 anni fa' di vecchiaia) e non abbaiava mai, quando voleva fare rumore piu' che altro latrava :glare:

 

Tralaltro aveva lo stesso colore dell'akita in foto, e, anche quel disegno "equivoco" in bianco sulla fronte :hehe:

 

2927664520083054072YJUHpV_th.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Concordo.. l'husky ce l'avevano i miei nonni (è morto 4 anni fa' di vecchiaia) e non abbaiava mai, quando voleva fare rumore piu' che altro latrava :glare:

 

Tralaltro aveva lo stesso colore dell'akita in foto, e, anche quel disegno "equivoco" in bianco sulla fronte :hehe:

 

2927664520083054072YJUHpV_th.jpg

 

Beh,

 

Per degli esperti o anche solo appassionati cinofili, tra l'Akita e l'Husky c'é una differenza abissale:

l'Akita é un cane che può raggiungere agevolmente i 40 kg e più, l'Husky 22-25 kg,

l'Akita é un cane più vicino come utilizzo ai cani da guardia, provate a far fare la guardia a l'Husky,

l'Husky é prettamente un cane da slitta, non così il nostro Giapponese.

Morfologicamente l'Akita é prima lupoide e poi spitz, il contrario per il Siberiano.

Insomma il giorno e la notte.

Mi permetto anche di dissentire riguardo al vizio di abbaiare come un Samoiedo, o ugulare come un Husky, forse qualche femmina lasciata perennemente sola in giardino, ma i maschi di Akita hanno un vocione che impressiona, e si fanno sentire solo in caso di minaccia.

Altre grosse differenze sono colore, tipo di pelo, espressione molto Orientale, angolature arti, coda e non ultimo carattere.

E poi l'Akita non é mai divenuto una moda.

Insomma come tutto del Giappone anche il nostro Akita inu é particolare :ichiban:

articolo_1_Keido_delle_bian.gif

articolo_2_Keido_delle_bian.gif

BANDOU_TAROU_SHIRAI_3.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Beh,mi permetto anche di dissentire riguardo al vizio di abbaiare come un Samoiedo, o ugulare come un Husky, forse qualche femmina lasciata perennemente sola in giardino, ma i maschi di Akita hanno un vocione che impressiona, e si fanno sentire solo in caso di minaccia.

 

Come abbaia un akita non lo so.. prima parlavo del mio ex husky, cane bello, ma davvero insopportabile. Non fa' niente di quello che gli chiedi, è tremendamente opportunista e quando tenta di abbaiare è davvero insopportabile.

 

Ora ho un pastore tedesco, e quello secondo me è il cane piu' bello del mondo :ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non dimenticate anche il tosa-inu

Il Tosa Inu è conosciuto più comunemente con il nome di “cane giapponese da combattimento”. Il Tosa-Ken, Tosa Inu o Tosa-Token, è originario dell’isola di Shikoku nella Prefettura del Kochi. Studiato espressamente per i combattimenti in arena è detto essere il prodotto dell’allevamento selettivo del cane di Kochi con le migliori razze importate dall’Occidente tra cui il Bulldog (1872), il Mastiff ( 1874), il Bull Terrier (data sconosciuta), il Bracco Tedesco ( 1876) e il Grande danese ( 1924). Questo ha unito le taglie e la forza dei cani occidentali con il coraggio, la lealtà e l’abilità di lotta dei cani Giapponesi. Il Tosa è un cane massiccio e atletico con una sorprendente agilità nonostante la sua possente conformazione. Esiste in diverse tonalità di colore anche se è maggiormente preferito quello avente il mantello rosso. I maschi arrivano a pesare 60 70 kg anche se sembrano molto più grandi per la loro costituzione muscolare molto solida. Sono protettivi nei confronti del loro padrone e sono noti per la loro pazienza e devozione verso la loro famiglia.Il Tosa non è un cane che facilmente si adatta alla convivenza con altri cani: è quindi sconsigliabile acquistarne uno se si è già in possesso di un cane. E’ preferibile che il proprietario di un Tosa abbia già esperienza di altri cani di taglia grande. Sono considerati degli ottimi compagni di gioco per i bambini. :samurai:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@Yamagata Masakage'

Davvero un bel articolo. Sinceramente non lo sapevo; ed immaginati che mia mamma ha un negozio di animali. Ne abbiamo venduti molti di Akita Inu ma non sapevo che fosse una razza giapponese ...

 

Eppure si vede subito che ha gli occhi a mandorla! :cool:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per molto tempo ho desiderato un akita, ma la mia casa è piccola e non posso dedicargli molto tempo per farlo sfogare in campi aperti. In Giappone è molto popolare lo "Shiba", sembra un akita in miniatura.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante