Vai al contenuto
Lorenzo

Hirado Kunishige

Messaggi consigliati

Ultimamente uno studio sui materiali mi ha fatto ricordare questo topic. Qualcuno sa dirmi di che materiale sono fatti i fuchi e kashira che ho postato? ( i miei, intendo )

C'è un particolare in una foto che è una prova inconfutabile, vediamo se qualcuno ci arriva :ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Shibuichi?


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dai su, provate!

 

Possibile che a nessuno interessi il koshirae? chi ne realizzava le parti era artista tanto quanto i tosho! non si puo' amare la spada giapponese e non interessarsi alla tradizione plurisecolare dietro ai tousogu!! Avanti, nessuno ha mai desiderato di possedere almeno una tsuba? Cominciamo a capire come sono fatti i pezzi, per studiarli nei dettagli e capirne la qualita'!

 

Due risposte ci sono.

 

E' shibuichi. Perche'?

E' shakudo. Perche'?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' shibuichi. Perchè...... perchè è grigio bruno e dall'aspetto morbido. Dicci di più.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' proprio nero invece, peccato per la foto. Ad occhio nudo si, si presenta con un effetto satinato sui fondi, mentre sulle superfici con togi è lucido.

 

C'è un dettaglio che è inconfondibile tuttavia.. la chimica ci aiuta. Il retro del kashira.. è color argento. Come mai?

 

Per via del decapaggio effettuato prima della patina. Il decapaggio è una sorta di acidatura che nel caso della patina dei tousogu serve a pulirli dai residui grassi o di ossido prima del trattamento rokusho. Reagendo diversamente il rame e l'argento, l'argento rimane in superfice e dove non lo si vuole bisogna eliminarlo prima della patina.

 

Lo shakudo è una lega rame oro, non contiene argento.

Lo shibuichi è una lega rame argento, quindi, per forza deve essere shibuichi, in questo caso kuroshibuichi , che contiene circa il 40% di argento ed il resto di rame.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Verissimo, Jarou, ma a me risulta che lo shakudo non patinato sia dello stesso colore del rame (a differenza dello shibuichi che è più chiaro e rosato), e guardando il fuchi mi sembra che il colore sia proprio quello; come spieghi questa cosa?


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Per via del decapaggio effettuato prima della patina. Il decapaggio è una sorta di acidatura che nel caso della patina dei tousogu serve a pulirli dai residui grassi o di ossido prima del trattamento rokusho. Reagendo diversamente il rame e l'argento, l'argento rimane in superfice e dove non lo si vuole bisogna eliminarlo prima della patina.

Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Verissimo, Jarou, ma a me risulta che lo shakudo non patinato sia dello stesso colore del rame (a differenza dello shibuichi che è più chiaro e rosato), e guardando il fuchi mi sembra che il colore sia proprio quello; come spieghi questa cosa?

 

Purtroppo la foto è un po' giallastra, mentre dal vivo è proprio grigio argento, con dei pezzettini di pece posizionati probabilmente per non farlo ballare sulla tsuka dov'era montato. spero che il topic sia stato utile per i collezionisti! Se ci sono domande si puo' approfondire :tioffrounabirra:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma anche il fuchi? Lo vedo rosso scuro...


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Due domandine:

L'oro applicato è anch'esso lavorato sul kashira tramite takazogan?

La sostanza violacea è la pece di cui hai parlato prima giusto?!

:ciuccio:


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Due domandine:

L'oro applicato è anch'esso lavorato sul kashira tramite takazogan?

La sostanza violacea è la pece di cui hai parlato prima giusto?!

:ciuccio:

 

L'oro è applicato dipingendolo con una tecnica piuttosto difficile e pericolosa, in soluzione con il mercurio. Servono diverse applicazioni per ottenere quell'effetto.

 

La sostanza violacea è la pece.. vorrei toglierla, qualche giorno lo faccio, visto che ho pensato di mettere in vendita questo set.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ok, quindi la parte in rame è applicata... Era questo che non mi tornava.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante