Vai al contenuto
itogami

Forgiatore Occidentale

Messaggi consigliati

premetto che non l'ho letto tutto, ma a me sembra che sia un insegnante di tecniche di combattimento e che non centri nulla con il forgiare delle lame!


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
premetto che non l'ho letto tutto, ma a me sembra che sia un insegnante di tecniche di combattimento e che non centri nulla con il forgiare delle lame!

 

 

Riporto quanto scritto sul link;

 

Proprio grazie all'intercessione del Maestro Kajihara, Carniel Sensei ottiene il permesso si studiare la forgia e la pulitura delle lame tradizionali giapponesi. Questa attività lo porterà ad essere uno dei più rinomati forgiatori e pulitori in occidente, con la creazione di pezzi unici, preziosi e raffinati, oggetto di ammirazione in numerose mostre. Annualmente dirige anche degli stage per la realizzazione di queste lame presso la sua forgia risalente al medioevo, dono del cantone di Neuchatel al suo illustre cittadino.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Chiedo scusa :cry:

Lì dice tutto, fa riferimento anche ad altri enti, su cui ci si può basare per eventuali ricerche

 

io non ho trovato nulla a riguardo chiedevo appositamente se qualcuno lo conosceva.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Riporto quanto scritto sul link;

 

Proprio grazie all'intercessione del Maestro Kajihara, Carniel Sensei ottiene il permesso si studiare la forgia e la pulitura delle lame tradizionali giapponesi. Questa attività lo porterà ad essere uno dei più rinomati forgiatori e pulitori in occidente, con la creazione di pezzi unici, preziosi e raffinati, oggetto di ammirazione in numerose mostre. Annualmente dirige anche degli stage per la realizzazione di queste lame presso la sua forgia risalente al medioevo, dono del cantone di Neuchatel al suo illustre cittadino.

 

quando posterà delle foto di lame forgiate da lui giudicherò :arigatou:


Mentre Ippei cercava di elaborare una teoria che giustificase il fatto che una koto fosse al contempo torii-zori,koshi-zori e saki-zori.. Kentozazen says:<SOCCIA CHE HADA!>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Faccio parte della Taki no Kan e seguiamo il Maestro Carniel. Chiedi pure e se posso ti risponderò volentieri


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Faccio parte della Taki no Kan e seguiamo il Maestro Carniel. Chiedi pure e se posso ti risponderò volentieri

 

 

Ciao , la cosa che mi ha lasciato perplesso è che un popolo come i giapponesi molto uniti alla loro cultura tanto da considerare l'arte della forgiatura come tesoro nazionale, abbiano potuto insegnare i segreti di quest'arte ad un occidentale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ciao , la cosa che mi ha lasciato perplesso è che un popolo come i giapponesi molto uniti alla loro cultura tanto da considerare l'arte della forgiatura come tesoro nazionale, abbiano potuto insegnare i segreti di quest'arte ad un occidentale.

 

Capisco la perplessità, ma la risposta è molto semplice. Il Maestro Carniel è stato per molti anni (decine) allievo del Maestro Mochizuki Minoru e del Maestro Sugino Yoshio, soggiornando per lunghi periodi in Giappone, ed è stato solo dopo molto tempo e solo grazie all'intercessione di questi due grandi Maestri che è stato introdotto presso il Maestro Kajihara. Per il resto il Maestro Carniel fa diversi stage in Italia e porta sempre delle lame con sè. Il prossimo credo sarà alla Primavera del Budo

 

Carniel Sensei è una persona che da anni si dedica per passione alla forgia. Non ha mai avuto la presunazione di elevarsi al pari dei suoi maestri (nel kotoken ryu ha il secondo dan) ma con umiltà persegue la pratica e lo studio. Indubbiamente la sua qualifica di ingegnere lo ha aiutato non poco per meglio comprendere quanto imparato nel paese del sol,levante in merito alla metallurgia ma ciò che ha sempre contraddistinto la sua opera è quello di non ritenersi mai arrivato e di studiare sempre e comunque. Carniel Sensei non è certo molto conosciuto in Italia, neppure dal punto di vista del budo dove costituisce invece uno dei massimi esponenti, e fino a che non hanno cominciato i suoi allievi quì a presentarlo negli stage in giro per lo stivale ai più era sconosciuto. La tendenza a non volersi mostrare a pensare più al fare che all'apparire non hanno certo agevolato il lavoro di conoscenza al grande pubblico.


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non saresti in grado di postare qualche foto di qualche lavoro di Carniel Sensei... personalmente m'interessa molto...


Andrea

 

www.taai.it

www.iwamaryu.it

www.aikidogarda.it

www.takemusuaikidokyokai.org

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Capisco la perplessità, ma la risposta è molto semplice. Il Maestro Carniel è stato per molti anni (decine) allievo del Maestro Mochizuki Minoru e del Maestro Sugino Yoshio, soggiornando per lunghi periodi in Giappone, ed è stato solo dopo molto tempo e solo grazie all'intercessione di questi due grandi Maestri che è stato introdotto presso il Maestro Kajihara. Per il resto il Maestro Carniel fa diversi stage in Italia e porta sempre delle lame con sè. Il prossimo credo sarà alla Primavera del Budo

 

Carniel Sensei è una persona che da anni si dedica per passione alla forgia. Non ha mai avuto la presunazione di elevarsi al pari dei suoi maestri (nel kotoken ryu ha il secondo dan) ma con umiltà persegue la pratica e lo studio. Indubbiamente la sua qualifica di ingegnere lo ha aiutato non poco per meglio comprendere quanto imparato nel paese del sol,levante in merito alla metallurgia ma ciò che ha sempre contraddistinto la sua opera è quello di non ritenersi mai arrivato e di studiare sempre e comunque. Carniel Sensei non è certo molto conosciuto in Italia, neppure dal punto di vista del budo dove costituisce invece uno dei massimi esponenti, e fino a che non hanno cominciato i suoi allievi quì a presentarlo negli stage in giro per lo stivale ai più era sconosciuto. La tendenza a non volersi mostrare a pensare più al fare che all'apparire non hanno certo agevolato il lavoro di conoscenza al grande pubblico.

 

Questa attività lo porterà ad essere uno dei più rinomati forgiatori e pulitori in occidente, con la creazione di pezzi unici, preziosi e raffinati, oggetto di ammirazione in numerose mostre.

 

Potresti elencare alcune mostre, e magari qualke foto di questi pezzi unici?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

purtroppo non so darti informazioni a riguardo. Se vai sul sito del dojo del Maestro trovi i contatti che ti permettono di sentire direttamente lui. Scrivi pure in italiano, lo legge e lo parla senza troppe difficoltà. Solitamente è disponibile per rispondere a queste curiosità


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Questa attività lo porterà ad essere uno dei più rinomati forgiatori e pulitori in occidente, con la creazione di pezzi unici, preziosi e raffinati, oggetto di ammirazione in numerose mostre.

Già l'idea di voler fare il forgiatore e il politore mi pare veramente utopistica, è come voler fare il progettista della nasa e anche l'astronauta.

Con tutto il rispetto per i suoi sforzi che mi auguro diano i risultati che cerca.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Già l'idea di voler fare il forgiatore e il politore mi pare veramente utopistica, è come voler fare il progettista della nasa e anche l'astronauta.

Con tutto il rispetto per i suoi sforzi che mi auguro diano i risultati che cerca.

 

Beh, Harald Bohr, il fratello di Niels Bohr fu celebre professore a Cambridge e fece studi che sono diventati pietre miliari dell'analisi matematica. E nel 1908 vinse la medaglia d'argento alle Olimpiadi

 

Non tutti possiamo essere Harald Bohr, ma almeno possiamo provarci.

 

Un po' come possiamo provare a fare i politori anche se non abbiamo gli occhi a mandorla :vecchiocinese:


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...