Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Wasabi

Fukuro O Bag

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, ho fatto una ricerchina nel forum è l'unico post interessante era quello di shirojiro (al quale faccio i più sinceri complimenti, ovviamente anche alla moglie :arigatou: ).

Anche nel web ho trovato poca cosa, ma siccome son molto curioso di saperne di più, e poi perchè ne stò realizzando un paio con l'inestimabile aiuto della mia ragazza, sarta di 20 generazioni :laugh: , volevo chiedere a voi maggiori informazioni, più che altro di natura storica.

Cioè se vi è una storia anche dietro a tale componente, se avete archivi , foto e link di oggetti d'arte antichi e moderni, se anche per loro esiste una catalogazione ecc ecc

Insomma ogni informazione possiate darmi sarà molto gradita, anche perchè ho visto che come elemento è poco considerato.

 

Per quanto riguarda quelli che stiamo realizzando (ancora solo uno per prova, sono poco convinto della qualità dei materiali che ho acquistato!), i materiali li ho recuperati in un negozio specializzato...ehm...in tappezzeria e tende :gocciolone: ma la mia ragazza secondo me nonostante tutto ha fatto lo stesso un miracolo, nonostante la mia cattiva scelta dei materiali senza interpellarla.

Realizzato anche il fusaimo con relativi pendenti (non so come si chiamino, per Musashi i "giummi" va :hehe: ).

Fodera in raso coordinata e stoffa giallo oro con rilievi di foglie, ma nessuna stampa, quindi tinta unica con legggeri rilievi.

Per le misure ci siam basati al classico bag in cotone venduto a pochi euro, e per i riferimenti guardando alcune foto trovate in rete.

 

Se riesco ad attrzzarmi posto qualche foto, se interessati ovviamente.

Intanto ringrazio chiunque possa darmi informazioni dettagliate e storiche in merito, nonche eventuali negozi o link dove poter acquistare materiali di migliore qualità.

 

Grazie.

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Azz ! Un concorrente !!! :nunchaku:

 

Eh eh eh , dai posta qualche foto, sono curioso.

Tanto a me sono rimasti pochi Fukuro da vendere.

Inizialmente il lavoro era solo per le mie lame, ma non sono riuscito a metterne assieme tante :fico:

 

Shirojiro

Modificato: da Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:laugh: no ma quale concorrente Shiro, diciamo che a me serve per preservare i miei coltellacci e nel frattempo tengo impegnata la mia ragazza :felice:

Comunque, grazie per la risposta, speravo di riceverne di più sinceramente! Credo che alla fine sia un componente che faccia parte intergante, anche se non fondamentale, della spada giapponese e da qui la mia curiosità!

Un mio vecchio maestro, che poi era mio nonno, diceva sempre meglio ricevere una cattiva risposta che nessuna :laugh:

evidentemente la mia era una domanda stupida :laugh:

 

Tornando ai miei fukuro, si spero quanto prima di farti vedere qualche cosa, non ho una macchina digitale quindi devo attrezzarmi.

La mia ragazza ha optato per le cuciture interne, perchè la stoffa essendo unica tinta la cucitura si sarebbe vista.

Quindi ripiegata all'interno e stirata fino a schiacciare..

Nel frattempo ho scoperto anche tante cose che non sapevo, come il fatto che il raso ed altri tessuti hanno un senso, cioè per una direzione se passi il dito lungo la fibra è morbidissimo, per il lungo invece è ruvido...ehehehe ma guarda te!

 

Ok, spero di poterti far vedere qualche cosa ci terrei molto ai tuoi consigli :arigatou:

 

Arigatou gozaimasu

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ti posso dire che, a mia esperienza, ho sempre visto i fukuro (sacchetti) per shirasaya piu' piccoli di quelli per koshirae, di materiale morbido, spesso seta, a volte viola (economici) e a volte in seta decorata.

 

L'importante è che siano foderati di un tessuto morbido all'interno, se sono decorati, per non rovinare le lacche.

 

I fukuro per koshirae sono piu' grandi per far passare la tsuba, spesso sono piu' decorati. Sono sempre morbidi, evita di usare la seta degli obi che spesso è volutamente rigida. Il chirimen puo' essere un alternativa alla seta.

Trovo molto azzeccati i temi geometrici, piccoli e ripetuti, piuttosto che i fiori o altre decorazioni (ruota, palla) tipiche dei kimono femminili.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Jarou, farò tesoro dei tuoi consigli.

Nel frattempo allego foto del nostro primo esperimento, ripeto tessuti non di qualità se non per la fodera interna, purtroppo in zona non ho trovato di meglio (nemmeno i negozi cinesi mi hanno potuto aiutare, troppo occidentalizzati ormai..eheeh). Ma comunque, nel complesso credo sia venuto un discreto lavoro.

Premesso che ancora si deve passare il ferro da stiro, infatti noterete delle asimmetrie nelle giunture ed un eccessivo spessore.

Nel frattempo stò cercadno altre stoffe, stavolta magari con motivi.

 

Shiro ci tengo ad una tua opinione, magari ben accetti consigli se ci sono delle tecniche più esatte per le cuciture o altro, in quanto come potrai capire abbiamo improvvisato alla grande :angry:

 

P.S. Jarou, si in effetti questa che abbiamo fatto per prova è per koshirae.

 

Arigatou

Modificato: da Wasabi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'ho fatto io. Per il futuro, usa "gestisci allegati" e clicca sull'icona verde di fianco al file. Ti aggiungera' una riga di codice al messaggio, a me lo fa sempre in cima. Poi col taglia e incolla lo metti dove ti pare nel testo del messaggio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Shiro ci tengo ad una tua opinione, magari ben accetti consigli se ci sono delle tecniche più esatte per le cuciture o altro, in quanto come potrai capire abbiamo improvvisato alla grande :angry:

 

Ti dò alcuni suggerimenti.

Le cuciture nella parte superiore aperta vogliono molto strette e con un piccolo codolo in modo da nascondere il più possibile la fodera.

Nella parte alta esteticamente occorre un bordo di almeno 2-3 cm (è un lavoraccio con le cuciture), sempre per nascondere la fodera.

06_02.jpg03_06.jpg

Io ho usato gli obi di kimono che Jarou ha sconsigliato, ma abbiamo tolto la parte rigida e sostituita con un imbottitura molto morbida.

Se la tua ragazza non è più che esperta te li sconsiglio perchè moltissimi hanno all'interno (sotto l'imbottitura da togliere) fili di ricamo che corrono liberi per 20-30-40 cm per traverso e sono tutti da fermare cucendoli alla stoffa (senza far vedere la cucitura naturalmente. Ecco perchè quando li ho proposti in vendita ho detto che ci vogliono almeno 5 ora di lavoro per confezionarli e circa un 50-60 euro di puro materiale.

Il "cordoncino" che si chiama fusahimo non mi sembra stia bene così lavorato e in ogni caso è troppo corto.

Un fusahimo costa con tutte le spese sui 10 euro circa.

 

La legatura dovrebbe risultare più o meno così

CIMG4444.JPG

 

Shirojiro

Modificato: da Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Da cancellare

 

Spero non si riferisca al mio lavoro in oggetto :hehe:

 

Grazie per i numerosisimi consigli. Si in effetti il bordo che tu dici di 2-3cm in alto sull'apertura doveva venirci (ed un pò anche ai lati, circa 1 cm in quanto abbiamo seguito delle foto viste in rete), solo che si era in dubbio se lasciare la cucitura così (interna) ed agire di ferro (ma abbiamo scartato perchè non reggerebbe ai movimenti), oppure fare dei punti piccoli a mano tra la piegatura interna fodera e piegatura interna stoffa esterna, affinchè non si vedano all'esterno. Vabbè capisco che è difficile da spiegare specie per me che ne capisco quanto di furto con scasso :laugh:

 

Comunque come dicevo questa era una prova, ora grazie ai tuoi ottimi consigli cercheremo di migliorarli, in previsione di farne una buona per la prima nihonto (dopo l'acquisto della casa però :hehe: ) . Grazie anche per le foto che hai rifatto appositamente per mostrarmi le cuciture, apprezzo molto. Capisco il lavoraccio che avete dovuto fare, ma i risultati si vedono! Posso farti un paio di domande?

Il fusahimo, approssimativamente quanto è lungo e quanto di diametro? Per le tue cuciture e parametri quali riferimenti hai usato? cioè c'è una storicità in questo o avete seguito solo la maestria di tua moglie? (alla quale rivolgo ancora i miei più sinceri complimenti)

Grazie mille se vorrai rispondere, anche in privato se vuoi.

 

Arigatou

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo velocemente anche per gli altri possibili interessati.

Ci siamo basati su alcune foto viste e su fukuro che avevo acquistato assieme a lame importanti.

Mia moglie si è confezianata il vestito da sposa e sua sorella era la camiciaia di Minarelli, un negozio famoso in Bologna, dove le persone di un certo rango facevano fare camicie su misura con un rotolo intero di stoffa, cioè 24 camicie alla volta. Tutte le cuciture e le asole erano fatte a mano.

 

Il fusahimo è circa 280-300 cm.

I fukuro possono variare se fatti su misura per un koshirae.

Io sono stato sui 130-140 cm per le Katana, 105-115 cm per i Wakizashi, 63-70 per i Tanto

 

Per le larghezze mi sono basato sia sulla stoffa sia sulle possibili tsube. Quindi larghezza 15cm per Katana e Wakizashi e 10-12 per i Tanto

 

Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Shiro, il tuo intervento è stato per me molto importante e ti ringrazio. Ottimo curriculum, comlpimenti!

Comunque, ora mi sono intestardito ad approfondirne lo studio, di cercare materiali e informazioni magari contattando qualcuno (ben inteso, solo per approfondire, non intendo snobbare le tue informazioni :arigatou: ).

Spero mi farai cosa gradita se vorrai accettare in omaggio uno dei primi che faremo di buona qualità :arigatou:

 

con affetto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il fusaimo è da passamaneria cioè per tendaggi. Scusate non è ammissibile, ha pure le gonnelline. Comprate i fusaimo originali per quello che costano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si grazie Togishi, infatti queste erano le premesse non sapendo che pesci prendere. credo che in molti si sia iniziati con colle viniliche e vernici da falegnameria prima di passare a materiali originali e di qualità. Poi era una prova, sarebbe stato un peccato rovinare materiali di un sacco di soldi.

 

Grazie e buon fine settimana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

buon giorno signori come va ??? è da tanto che non ci si sente ! mia moglie.. alla fine mi sono sposato... vorrebbe fare dei fukuro sapete do ve posso trovare dei broccati giapponesi o se ne avete voi da vendere ????

 

grazie


Nicola Noldin

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento
Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...