Vai al contenuto
Lorenzo

[maestri Chokin] Kanō Natsuo

Messaggi consigliati

Ma quale impegno, figurati. Anzi, da come traspare nell'articolo, si vede che nonostante tutto di quest'uomo ne so poco. Mi piacerebbe sapere dove è nato, cosa vedevano i suoi occhi, perchè amasse cosi' tanto la natura, se si sposo', insomma tante info che probabilmente si possono recuperare e forse mi aiuterebbero di piu' a capire come si formo' questo artista.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi hanno veramente colpito i lavori di questo maestro, ho provato a cercare maggiori informazioni e su questo sito

http://www.nihontokanjipages.com/tosogu.com/

sembrerebbe che abbia scritto (o sia stato pubblicato) un libro nel 1924 "TAGANE KO SANROKU" ma non torna con la data della sua morte 1898???

Purtroppo non capisco benissimo l'inglese ma anche con babelfish sembra sia così????

 

Ne riporto l'estratto:

To return to the early books, not much more can be said about those published in the 18th century. There were about 20 various editions printed between 1800 and 1876, by such authors as, Matsudaira Rakuo (SHUKO JUSHU), which is still valid and useful, Iwase Kioden, Tsuge Masatada, Kawazu Sampaku, Umetada Schichizemon Munetoki (KINKO TANKI, 1827), Tanaka Ichigasai (KINKO JINKI, 1839), Kurihara Nobumitsu (ZANKO FURIAKU, 1844), Noda Yoshiaki (KINKO KANTEI HIKKETSU, 1820 reissued 1917), and in the last years of the 19th century we have the first book by Kuwabara Yojiro (TAGANE NO MEII, 1899), and (SOKEN KINKO DAN, 1904). In the 20th century come of the early books of note are Col. Nagaya (HIGO KINKO ROKU, 1902, second edition 1909), Matsumura (TAGANE NO HANA, 1903 - 5, 1911 - 12, and second edition 1971), Kuwabara Yojiro (CHOKINKO NEMPIO, 1909), Tsunashiro Wada (HOMPO SOKEN KINKO RYAKUSHU, 1913, and his famous FURUKAWA’S COLLECTION, 1913), Akiyama Kyusaku (TOBAN OGYO SETSUMEI, 1916), Honami Koga (KINKO JIN MEIROKU, 1920), Ogura Yokichi (AKASAKA TSUBAKO ROKU, 1921), Kuwabara Yojiro (KINKO ICHIRAN, 1922, later reprint), Kano Natsuo (TAGANE KO SANROKU, 1924), Ogura Soemon (HIGO KINKO ROKU, 1925, second edition 1929), Akiyama Kyusaku (NOBUIE TSUBA SHU, 1926), Torigoye Kazutaro (SHAKAIGAKU SHIRON, 1930, and NIHONTO SHINSETSU, 1934 - 36), Ogura Soemon (GOTO ICHIJO, 1935, and MEISHI TO TOKEN, 1935), Kawaguchi Noboru (TSUBA TAIKAN, 1935), and Kuwabara Yojiro (TOKEN KINKO SORAN, 1937, and NIHON SOKEN KINKO SHI, 1941). You can see the continuity of the work of this rather small group of authors and what they produced fifty years ago. Many of these should be considered source material that can still contribute to the available knowledge of the beginning student of today.

 

Infine qui un libro con alcuni suoi lavori:

 

Kano Natsuo Meihin Hen, Yoshida and Ikeda

 

 

 

A comprehensive study of the most acclaimed kinko of the Meiji period, Kano Natsuo. This book covers all the bases, with excellent photos of Natsuo's kodogu, paintings, and kinko work. An amazingly talented artist. Large format. As new, with slip cover. $300.SOLD (PK)

 

 

 

natsuo.jpgnatsuo1.jpgnatsuo2.jpgnatsuo3.jpg

 

Se ho scritto o riportato fesserie Vi prego di cancellare il post, mi spiacerebbe inquinare questo bellissimo resoconto! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non lo so, il museo di Boston e anche questo sito:

 

http://www.wcas.northwestern.edu/slidelibr...apnArtists.html

 

Me lo danno come vissuto fino al 1898, ma non è cosi' importante no? :gocciolone:

 

Meglio aggiungere qualche altro dettaglio dei suoi lavori :popcorn:

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Veramente sbalorditivo, pensare che queste incisioni e tecniche varie vengano fatte su un fuchi e kashira mediamente di circa 3 cm. incredibile :shock::fuso::shock: !!!

 

In pausa pranzo, ho sfogliato The Japanise sword ed a pag 166 chi ti ritrovo? Proprio lui, il maestro!

Sembra fosse l'ultimo più grande esponente dello stile Machibori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo è uno dei soli quattro esemplari rimasti, dopo le distruzioni della WWII, con motivo peonia.

Gli altri tre sono rispettivamente:

- presso il Tokyo National Museum

- presso il Nezu Institute of Fine Arts

- presso il Boston Museum of Fine Arts (esemplare postato da Jarou all'inizio dell'articolo)

 

Nel 2003 è stato battuto da Christie's con base d'asta tra i 170 ed i 190.000 dollari

 

out.jpeg

 

out1.jpeg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di nulla, ringraziate piuttosto Jarou che si è sobbarcato l'onere di tradurre dall'inglese e omogeneizzare le diverse notizie che gli ho segnalato. :arigatou:

 

Koala

  • Like 1

Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e no, ora mi sto riposando ... al lavoro! :gocciolone:

  • Like 1

Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che stile, che personalità e che padronanza del vuoto nei lavori di questo maestro!

Lorenzo, qualche giorno fa ho visto le foto dei lavori del tuo maestro credo... un album firmato Ford, è lui?

Grazie a te e a quanti hanno collaborato a questo articolo.

 

Gianrico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Grazie. Si, è il mio maestro. Più che altro ora è un amico, ma da lui ho ancora molto da imparare.

 

 

Ho apprezzato molto i suoi lavori. C'è qualche link a tuoi lavori qui o in rete?

 

AC

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante