Vai al contenuto
Cagli0str0

Katana Kanefusa

Messaggi consigliati

grazie sandro sei sempre un mito O.O

 

quando mi arriva faccio una bella macro sul nakago... cosi' studiamo meglio la mei

Di nulla! E' un piacere. Facendo una buona foto possiamo tracciare sicuramente meglio il kanji :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
> Poi devi fare denuncia ai Carabinieri (o altro dipende dal luogo in cui risiedi) entro 90 giorni.

nella tua esperienza se io la denuncia la faccio direttamente alla questura della provincia cambia qualche cosa ? con una precedente lama avevo fatto cosi' !

 

Non lo so, domani chiedo.

 

> Non c'è il limite che mi avevano detto di 8 lame. Se ne possono detenere queste se ne vogliono.

superato un tot di cui mi parlava la questura ma di cui non mi ricordo il numero ho intenzione di fare il porto d'armi come "collezionista", cosi' spero di alleviare alcune grane...

 

Non esiste porto d'armi come collezionista. Non c'è motivo di fare richiesta di collezionismo perchè vale solo per armi da fuoco e precisamente per chi vuole detenere più di 6+3 armi da fuoco antiche e nuove (o viceversa non ricordo). Dal momento che la quantità è libera, ma vanno tutte denunciate, non esiste la voce collezionismo di armi bianche.Per il porto di arma sportiva, questo ti permette di evitare di chiedere il nulla osta alla questura per detenere ogni singola arma (che poi entro 90 giorni va denunciata). Con il porto di arma sportiva hai l'autorizzazione fino a che è valido il porto di acquistare armi bianche sul territorio nazionale o europeo. Se acquisti dall'estero devi chiedere il nulla osta per importazione.

ATTENZIONE non so bene come stiano le cose, ma i Carabinieri mi dissero che per denunciare un'arma (penso acquistata in Europa) occorre una dichiarazione di vendita e la denuncia di chi ti ha venduto l'arma. Comunque mi informerò meglio (io le ho).

 

> Puoi anche non denunciarlo come arma (il Tanto , il waki ecc), ma ognuno fa come crede meglio.

a me hanno sempre detto di farla passare come oggetto sportivo... tipo per tameshigiri, iaito o similare... fanno meno storie... e poi raggiunto un certo numero per tutelarsi prendere la licenza di detenzione d'armi per collezionismo

 

Certo, ma potrebbero fare molte storie ed anche sequestro se la lama è chiaramente antica o affilata. Io non sono proprio sicuro che si sia in regola dichiarandole attrezzi sportivi. Come ho detto una lama tagliente non potrebbe essere usata in palestra. Io per non avere problemi denuncerò tutte le lame che acquisterò. Ad ora sono 10 le lame che mi devono arrivare. 5 Katane 4 Wakizashi e 1 Tanto. Denuncerò tutto così chi acquisterà da me potrà avere un documento valido con cui fare a sua volta denuncia.

 

> Più preoccupante invece l'obbligo di chiedere il permesso in carta da bollo per portare una lama, non i coltelli, da qualche parte (mostre, convegni ecc) alla questura della provincia in cui si porta la lama. :martellate:

questo sarà un bel problema... visto che dovrà andare dal politore... :P

 

Pensa che io dovrò fare delle mostre con 8 lame !

 

vediamo come va... appena so qualche cosa ti dico !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
L'ideogramma Kane è uno dei più complessi nelle mei ed i suoi tratti variano da un forgiatore ad un altro. L'ideogramma standard è questo 兼. Mino Kanefusa tracciava i suoi caratteri quasi in Shodō: in questo nakago i kanji sono molto difficili da notare, quindi ho seguito in parte quelli che sono riuscito a scorgere e in parte li ho disegnati più o meno dove sarebbero potuti essere

 

 

Grazie Sandro,

 

anche io ho provato a dare una "interpretazione" che allego

 

9034.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille per la tua interpretazione Paolo. Stavo dando un'occhiata ad altre mei, e mi sono accorto che l'ideogramma Kane viene scritto all'incirca in questo modo :arigatou:

Kane.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

di questi difetti che ne pensate ?

 

possono portare ad aperture gravi secondo voi ?

 

aperture.jpg


Andrea

 

www.taai.it

www.iwamaryu.it

www.aikidogarda.it

www.takemusuaikidokyokai.org

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'ultima foto mi sembra che presenti Kitae ware, ma non ne sono sicuro. Correggetemi se sbaglio. Forse non sono difetti gravi, tuttavia aspetta il parere di Kentozazen :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Kitae ware è vero ma leggero e compattato sullo shinogi ji, si ridurrebbe con togi.

Difetti piccoli, certo se non ci fossero stati sarebbe stato meglio, ma si tratta di cose di poco conto.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se non sbaglio nel punto indicato è presente Yazuba: tipico delle scuole Sue Seki (medio - tardo Muromachi)

 

Yazuba.jpg

 

 

Scusate l'errore. "Yahazu ba" si scrive con la "h"

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
è la prsenza nell'hamon di un disegno a chela di granchio se non sbaglio

 

Le formazioni a forma di chele di granchio si chiamano "Kani no tsume" o "Kani no hasami " o "Koshibiraki"

Sono presenti nella parte più alta (verso il Mune) di una ondulazione di Midare; ossia nello Yakigashira.

Formazione tipica della scuola Sukesada del tardo Muromachi

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ma non si chiamano Yaki kuzure ? intendi le chele di granchio assai tipiche e diffuse in molte lame del periodo sengoku ?

 

 

Il termine "Yaki kuzure" non lo conosco.

Comunque, come hai detto, le formazioni "Kani no tsume" le troviamo anche nel periodo Sengoku in lame Kazuuchi mono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Lo Yahazu ba sono formazioni di Midare a forma di "coda di pesce o di rondine"

 

:arigatou:

 

grazie 1000 ... il termine Yazuba mi aveva tratto in Inganno :-P

 

premettendo che fino alla politura è un esercizio assai difficile... io non ce lo vedo tanto lo Yahazu Midare... però non ho molta esperienza... quelli che vedevo nei testi erano più "regolari"...

 

io lo vedrei più qua ^_^''

yahazu.jpg


Andrea

 

www.taai.it

www.iwamaryu.it

www.aikidogarda.it

www.takemusuaikidokyokai.org

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il termine "Yaki kuzure" non lo conosco.

Comunque, come hai detto, le formazioni "Kani no tsume" le troviamo anche nel periodo Sengoku in lame Kazuuchi mono.

 

 

YAKI-KUZURE , nagayama 186:

 

:vecchiocinese:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ha ragione gianfranco...4!!! http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=559 :ghigliottina: :ghigliottina: :ghigliottina: :ghigliottina:

sei fortunato gianfrà!!! :tristissimo:

 

Rileggendo bene ... non ho ragione. O-wazamono = 3 persone.

 

Anche se poi la mia Kanemoto è una Saijo O-wazamono quindi sempre 4 persone.

 

Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante