Vai al contenuto
GianC.B.

Scheda Koto Hiroyasu Katana

Messaggi consigliati

Paolo, cosa ne dici?

 

Bella domanda.

 

A parte una risposta generica del tipo "gran bella lama", da un punto di vista concreto posso solo basarmi su dei confronti "teorici" sul Sugata e poco altro non avendo informazioni su alcuna lama di Hiroyasu tranne quelle da te fornite in questo topic.

 

Ho in "collezione" 58 lame definite Katana e 75 lame definite Tachi, riferibili al periodo Nanbokuchô; quasi tutte le lame sono più o meno suriage.

Tralasciando le Tachi, il Nagasa medio delle 58 Katana è intorno ai 69 cm (ben 12 hanno un Nagasa compreso tra 69,00 e 69,90 cm); escludendo gli estremi, la più corta è di 60,30 cm mentre la più lunga è di 74,24 cm

Passando al Sori, la media si colloca invece intorno ad 1,60 cm e solo due hanno un Sori di 2 cm; escludendo gli estremi, il Sori meno profondo è di 1,0 cm ed il più profondo di 2,40 cm

Per quanto riguarda il Kissaki, la media è sui 4,5 cm passando dai 3,10 ai 5,70 cm (sempre con esclusione degli estremi e quindi anche quello della tua lama)

Il Kasane (Moto-kasane) di 0,7 cm è nella media così come il Moto-haba di 3,0 cm ed il Nakago di 18,70 cm mentre invece il Saki-haba di 2,50 cm si pone nella parte "alta" della curva.

 

Infine lo Hamon in Ko-gunome e Gunome midare è molto presente nelle lame di tale periodo; in particolare la scuola Samonji si caratterizza per un Hamon del tipo Ō midare e Gunome midare e per una Yakiba abbastanza stretta verso lo Ha-machi e più ampia verso il Monouchi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Paolo, grazie per la tua risposta.

in effetti le lame di Hiroyasu(credo tutte o quasi solo attribuite) sono poche e mostrano stili anche molto differenti.

tra l'altro la mia ha una sorella quasi gemella, eccola...

5.jpg

 

4.jpg

 

 

con, però, alcuni parametri differenti:

nagasa: 71,3cm

sori: 1,21cm

motohaba: 3,18cm

sakihaba: 2,82cm

motokasane: 0,9cm

questa lama però, non è ubu ed è definita come nagamaki naoshi, e l'assenza del kaeri sembra confermare questa ipotesi.

questa lama proviene dalla collezione dei Matsudaira.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oh la la, che sventola!

Dai, su, posta altre foto della lama polita, magari qualche altro particolare in più (tessuto, attività, hamon, boshi) ci stuzzicherà oltremodo....


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.............................

in effetti le lame di Hiroyasu(credo tutte o quasi solo attribuite) sono poche e mostrano stili anche molto differenti.

..................................

 

Effettivamente di Hiroyasu sembra esistano firmati solo alcuni Tantō.

Molto interessante la "gemella" della tua lama; unico problema è la piccola dimensione delle immagini da te postate poichè utilizzi ImageShack.us.

 

Prova ad usare lo strumento disponibile qui nel Forum; le immagini risulteranno più "ricche".

Nel file allegato ho provato a spiegarne il semplice utilizzo.

 

Forum - Inserimento Immagini.doc

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho riletto il post ed alcune cose dette da Andrea (lama ubu) e da Paolo (mentre invece il Saki-haba di 2,50 cm si pone nella parte alta della curva) oltre ad aver visto le differenze che ci sono nella gemella postata da GianC,non potrebbro far pensare ad una Nagamaki naoshi, effettivamente lo hamon restringe leggermente sul kisaki.

Ho trovato questa in rete:

 

11051-2.jpg

 

Presa da: http://www.aoi-art.c...sale/11051.html

 

Scusate se ho detto castronate. :arigatou:

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mauri, nessuna castroneria, ci mancherebbe. la possibilità di un nagamaki risagomato l'abbiamo presa in considerazione anche kento ed io... ma la mia lama a differenza di quella postata ha un kaeri normale(nelle foto probabilmente non si apprezza...) ed un codolo con un solo foro e che si presenta uniforme su tutta la superficie e sui bordi, per quello diciamo che non è un codolo risagomato(nei nagamaki naoshi viene risagomato anche il nakago, non solo il kissaki... l'ultima foto che hai postato si riferisce poi ad una lama che presenta fumbari inverso, cioè ha il sakihaba più ampio del motohaba, che è abbastanza caratteristico dei nagamaki del nambockucho, anche se non è una costante.

G.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie GianC per la risposta, effettivamente le foto raccontano sicuramente poco, ho trovato lame che sembrano simili e sono definite Nagamaki naoshi, ve le posto comunque:

 

8_9.jpg

 

Presa da: http://www.choshuya....01/page/8_9.jpg

 

Hojoji_thp.jpg

 

Presa da:http:/http://www.nihontocraft.com/Hojoji_Naginata_Naoshi_Katana.html


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

ho re-inserito le foto con il meccanismo spiegato da te...come va ora?

 

 

 

Le immagini prese da Choshuya purtroppo sono sempre "piccole" indipendentemente dal metodo di caricamento.

Sarebbero invece interessanti immagini della tua lama con particolare riferimento al Kissaki - Kaeri

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante