Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Castelli Gianfranco

Katana

Messaggi consigliati

Katana

shinto - Tadayoshi - Scuola Hizen

 

01_Tadayoshi_5_insieme.jpg

Mei: Hizen no Kuni Tadayoshi

Tsukurikomi: Shinogizukuri iori mune

Periodo: Shinto, 1747-1750

Scuola: Tadayoshi, Hizen

Ha-watari: 70,3 cm

Sori: Torizori 1,3

Moto-haba: 3

Saki-Haba: 2

Kasane: 0,55

Saki-Kasane: 0,47

Kissaki: Chū Kissaki

Hada: Ko-Mokume

Hamon: Suguba

Hataraki:

Boshi: Komaru

Nakago: Ubu

Yasurime: Ha Agari kurigizi

Horimono: -

 

02Tadayoshi_5_d.jpg

03_Tadayoshi_5_s.jpg

04_Tadayoshi_5_koshirae_parti.JPG

05_Tadayoshi_5_tsuba_p.JPG

06_Tadayoshi_5_tsuba_a.JPG

07_Tadayoshi_5_tsuka_s.JPG

08Tadayoshi_5_kashira.JPG

Modificato: da YamaArashi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianfranco,

che bella ninhonto!

Scusa la mia ignoranza, ma di che epoca ?? il nagako sembra poco ossidato.

 

Complimenti!!


Budo

______________________________________

Se c'è qualcosa che manca ai samurai, questa è la paura.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianfranco che dire, il koshirae ? semplicemente stupendo, lo tsuba da solo farr? almeno 300 $ :ohmy:

la lama poi ? bellissima (suguha decisamente bello) e perfettamente polita,anche se purtroppo non riesco a vedere la hada ... l'avrei preferita con un kissaki pi? lungo ma io sono fissato con gli o-kissaki cosa ci volete fare :hehe:

? per caso una shinsakuto? l'ossidazione del nakago non si vede molto bene ma mi pare non sia presente!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo progetto gfc! sono ansioso di vedere tutte le tue lame... Commenteremo tutti insieme qui! cerca solo di inserire tutti i dati di cui sei in possesso (anche le misure principali magari) Le foto non sono affatto male!

 

Bella lama! davvero elegantissima. Ma di che epoca ??



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

bellissima gianf!!!!...e ti dir?.....il disegno dello tsuba mi piace a tal punto che forse lo copier? per il prossimo che far? per l'ultima waki!! veramente bella!!!

vai vai con le altre foto!!!! :ok:


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi io l'ho vista dal vivo ed ? eccellente. Ma forse l'altra Tadayoshi mi piace ancor di pi?. Per non parlare poi della Emura, quella Gianfranco ti prego di inserirla al pi? presto, tanto per rendere chiaro che non ? vero che in epoca showa facevano solo lame di second'ordine, mentre la esaminavo mi son quasi commosso ed avevo i peli dritti sulle braccia. Che grande forgiatore Emura!


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e vai gianfranco!

un vero capolavoro lo Hoso Jabaraito Kumihage Zuka ? veramente eseguito magistralmente e da un tocco di classe alla Tsuka :cool:

la politura ? recente???

se s? chi ? l'autore????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

hei gianfranco se ti posso correggere il fuchi -kashira non rappresentano fulmini ma un motivo a svastica utilizzato molto nel periodo shinto sui tuoi tosogu ? frammentato ma ? cmq riconoscibile

vabb? anke se non ? importante ? pur sempre una cosa in pi? :laugh:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la svastica deriva da molti simboli di antiche culture, in particolare ? la versione rovesciata del Manji, un antichissimo simbolo usato nel buddismo che rappresenta il flusso ciclico dell'universo. Nelle culture antiche orientali ? quindi spesso usato e non ha nulla a che vedere con il nazismo.

E' anche vero che esistono gunto con svastiche vere e proprie, create durante la seconda guerra mondiale.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non sapevo che vi fossero gunto con il simbolo della svastca, hai qualche fonte?

Comunque lo stesso termine svastica deriva dal suo omonimo sanscrito "savasti", la qual cosa sottolinea l'origine buddista o forse ancor pi? antica risalente addirittura al culto bon tibetano.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

un altro punto a mio sfavore :( nn sono ricco!!!!

e poi n'altra cosa ma il maestro jappo xche mai si sarebbe venduto una cosa del genere di 250 anni,che sicuramente gli veniva tramandata?(io sinceramente nn lo farei manco se stessi in mezzo la strada!!!piuttosto facce seppuku :cinese:


Il mondo in cui viviamo, la vita e la morte, il bene e il male, il piacere e la sofferenza, è tutto dentro la nosta mente, li facciamo noi.

Non cercate la verità al di fuori, è tutta dentro noi stessi, nel nostro più profondo Io.

Ogni mattina e ogni sera dovremmo continuamente pensare alla morte,sentendoci già morti da sempre;in tal modo,saremo liberi di muoverci in ogni situazione.

Ricordate che quanto più il POTERE è GRANDE tanto meno gli è necessario agire.Il potere supremo è immobile al centro dell'universo:gli basta rivelarsi e tutto sara fatto secondo la sua occulta volontà.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nataku non scriviamo "Jappo" :ichiban: in questo forum, è un termine un pò dipreggiativo, per lo meno per loro!!!!

Ciao

 

Funboy


Le parole possono ferire, il silenzio può guarire. Sapere quando è opportuno parlare e quando invece tacere è compito dei saggi.

La conoscenza può ostacolare, l'ignoranza liberare. Sapere quando è opportuno conoscere e quando ignorare è compito dei profeti.

La lama, indifferente a parole, silenzio, conoscenza o ignoranza, taglia in modo netto. Questo è il compito dei guerrieri.

(Suzume no Kumo)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sorry :( scrivero nihon-no allora :)


Il mondo in cui viviamo, la vita e la morte, il bene e il male, il piacere e la sofferenza, è tutto dentro la nosta mente, li facciamo noi.

Non cercate la verità al di fuori, è tutta dentro noi stessi, nel nostro più profondo Io.

Ogni mattina e ogni sera dovremmo continuamente pensare alla morte,sentendoci già morti da sempre;in tal modo,saremo liberi di muoverci in ogni situazione.

Ricordate che quanto più il POTERE è GRANDE tanto meno gli è necessario agire.Il potere supremo è immobile al centro dell'universo:gli basta rivelarsi e tutto sara fatto secondo la sua occulta volontà.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianfranco ecco le informazioni che mi avevi richiesto....

 

La quinta generazione della linea dinastica della famiglia di spadai della famiglia Hizen è conosciuta col nome di GoDai Tadayoshi.

GoDai Tadayoshi (il cui vero nome fu Hashimoto Shinsaemon) nacque nel 1696 nel feudo di Saga-han e suo padre fu Omi Daijo Tadayoshi (quarta generazione).I suoi lavori certi a lui attribuibili vanno dal 1716 fino alla sua morte avvenuta nel 1775.Il mei posto sui nagako delle sue lame,mentre il padre Omi Dijo era ancora in vita, recita: Hizen Kuni Tadahiro.

GoDai è anche conosciuto per molti Daimei eseguiti sotto il nome del padre,dopo la morte di quest'ultimo nel 1747 GoDai cambiò il suo mei in Hizen-no-Kuni Tadayoshi ricoprendo il ruolo di capo della scuola Tadayoshi,ricevette il titolo di Omi-no-Kami nel 1750 e dopo aver ricevuto tale onoreficenza si firmò come Hizen Kuni Omi-no-Kami Tadayoshi.

GoDai fu il primo ma certamente non l'ultimo a firmare le sue opere con l'appellativo "Omi-no-Kami" (infatti sia la sesta che la settima generazione usavano firmarsi con l'appellativo "Omi-no-Kami" ereditato dalla quinta generazione) ed è conosciuto soprattutto grazie al suo nomignolo.

 

GoDai Tadayoshi ebbe una prolifica produttività in quanto maestro spadaio dovuta essenzialmente alla sua longevità producendo un ampio numero di buone spade.Sebbene GoDai faccia parte delle ultime generazioni della famiglia Tadayoshi sembrebbe dimostrare ,piuttosto, diversi aspetti comuni alle prime generazioni.GoDai Tadayoshi rappresenta l'ultimo dei maestri spadai dell'era Shinto.Già a partire dalla sesta generazione,infatti,è possibile riscontrare peculiarità riconducibili all'era Shinshinto.

 

SUGATA: la quinta generazione lavorò prevalentemente seguendo la Den Yamashiro come tutti i predecessori della famiglia Tadayoshi.Il sori è principalmente di tipo Tori-zori con shinogi alto.Il Kasane è spesso ed è presente anche un'accentuato hiraniku.

 

HADA:due tipi di ji-hada è molto comune trovare nelle lame appartenenti alla scuola hizen e sono:

Konuka-hada (a chicchi di riso) e nukame-hada (pioggerella nebulosa).Questi due tipi di hada sono tipici delle lame Hizen e sono volgarmente meglio conosciuti come "Hizen-hada".

 

HAMON: l'hamon di tipo Chu-Suguha è molto frequente è si può riscontrare una spiccata presenza di Nie nell'Hamon ma prevalentemente esso è composto in Nie-Deki.Mentre nelle prime generazioni possiamo trovare esmpi di hamon di tipo Notare,Gunome,Choji,nella sesta generazione come nelle ultime generazioni è molto più frequente trovare un Hamon prettamente di tipo suguha.Ci sono delle dovute eccezioni da fare,occasionalmente è possibile trovare lame temprate in choji-midare con shinto yakidashi.

 

BOSHI:l'hamon all'interno del boshi nei lavori di GoDai diventa ampio e termina solitamente in Ko-maru boshi con Kaeri che torna all'indietro verso il mune.

 

NAGAKO: tutte le lame forgiate da GoDai Tadayoshi mostrano principalmente un nagako-jiri di tipo iri-yamagata e tutte quelle firmate col mei di Tadayoshi sono in Kuri-jiri.

 

MEI: come tutta la linea dinastica degli spadai appartenuti alla famiglia tadayoshi GoDai firmava le sue katane in Tachi-mei.

I suoi mei sono i seguenti:

 

-HIZEN KUNI TADAHIRO (1716-1747)

 

-HIZEN KUNI TADAYOSHI (1747-1750)

 

-HIZEN KUNI OMI no KAMI TADAYOSHI (1750-1770)

 

-OMI no KAMI TADAYOSHI (1770-1775)

 

 

P.S.: spero di esserti stato utile :ok:

Tadayoshi_5.JPG

Go_Dai_monouchi_boshi.jpg

5_mei.jpg


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento
Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante