Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2023.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

Mattia

[scuola] Kanayama

Messaggi consigliati

La scuola Kanayama

 

Le tsuba della scuola Kanayama sono tutte sukashi, iniziarono ad essere realizzate nel primo periodo Muromachi per poi scomparire totalmente nel periodo Edo. La maggior parte di queste tsuba sono relativamente piccole e molto sottili (massimo 5 mm di spessore) e i soggetti riprodotti sono semplici e di difficile interpretazione.

Le tsuba sono in ferro e sulla superficie si possono osservare interessanti disegni creati dal tekkotsu e da parti con un alta percentuale di carbonio. E' stato difficile identificare le tsuba prodotte da questa scuola anche perché possono essere scambiate per delle tsuba della scuola Owari (sukashi, simmetriche, piatte, in ferro e a strati) ciò nonostante le tsuba Kanayama sono fatte con un metallo più morbido ma il lavoro finito si presenta con una struttura più compatta, anche per via della minima differenza di colorazione, rispetto alle tsuba della scuola Owari.

 

Dr. Torigoye scrive che, durante il periodo delle guerre le tsuba Kanayama erano molto diffuse sulle più svariate montature sia per la loro semplicità che per la loro resistenza meccanica. Tuttavia nel periodo Tukogawa la creazione di queste tsuba si è ridotta notevolmente fino alla sua totale scomparsa, questo è dovuto alle nuove idee di pensiero, alla fine di numerose guerre e al diffondersi del commercio che richiedeva lavori sempre più elaborati e raffinati. I pezzi che ci sono ai tempi nostri sono pochi e la maggior parte di questi sono in pessime condizioni (dovuto anche alla corrosione del metallo) ma grazie a questa loro rarità e particolarità nella realizzazione con il tekkotsu sono dei "pezzi" molto ricercati dai collezionisti.

 

Alcuni testi che ci sono pervenuti descrivono le sukashi tsuba Kanayama come opere fragili a causa del loro spessore e grande asportazione di metallo, altri invece più recenti le descrivono come tsuba molto resistenti e versatili.

 

Kanaya1.jpg

 

Kanaya4.jpg

 

Kanaya5.jpg

 

Kanaya6.jpg


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie infinite Mattia.

 

Ci sono tuttavia diversi punti sui quali sono dubbioso. Il colore, il discorso del carbonio, la resistenza meccanica...

Riguardo alla resistenza meccanica ad esempio, ho letto di un ara-tameshi su di una osaka shinto spezzata in due all'impatto con una tsuba in shibuichi... il che non fa che farmi credere sempre più che non ve ne fosse necessità alcuna. Molti pezzi muromachi o precedenti sono anche inferiori ai tre millimetri di spessore.

Modificato: da Jarou

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di nulla! :tioffrounabirra:

 

Dalle foto che ho il colore non si riesce a capire bene sono tutte piccole, ma la differenza sia di colore che meccanica è data dalla presenza si tekkotsu, questa sera a casa amplio la mia ricerca e vedo di trovare qualche cosa di nuovo :ok:


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La maggior parte delle poche sukashi tsuba che ci sono ai tempi nostri sono in uno stato avanzato di corrosione, ora non so, ma non si vede subito se una tsuba corrosa è stata patinata?

Questo ragionamento vale solo nel caso in cui la tsuba è corrosa, su quelle in buono stato son d'accordo che possono essere spatinate e ripatinate quindi la colorazione può variare.


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ma il tekkotsu è un particolare tipo di acciaio?

 

Abbiamo postato insieme e ho visto solo ora il messaggio nella posta...

è l'insieme di acciaio ad alto tenore di carbonio con uno con basso tenore di carbonio, è una particolarità delle tsuba Owari e Kanayama.

A casa ho un articolo, questa sera lo posto.

Modificato: da tia592

Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo Tsuba sottostante è mumei, del periodo Muromachi e, dalla NBTHK, è attribuito alla scuola Kanayama .

 

Il soggetto rappresentato è una coppia di Masu: recipienti quadrati di legno usati come unità di misura del grano (1,804 litri).

I due Masu si pronunciano, naturalmente, "Masu Masu" che però in giapponese significa "sempre maggior prosperità".

Questo è quindi uno dei disegni di buon auspicio, sempre molto favorito dai tempi più antichi.

 

Lo Tsuba è in ferro, di forma Maru-gata e lo spessore al Seppadai è inferiore rispetto a quello del Mimi.

Anche se non ben distinguibile nell'immagine, il Mimi e lo Hiraji sono ricchi di Tekkotsu.

 

 

Masu.jpeg

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In questa foto il tekkotsu lo si può notare all'interno del seppadai, sul lato sinistro in corrispondenza del solco dello habaki.


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

potrebbe essere che alcune di queste tsuba riproducano anche dei mon, mi riferisco all'ultima della serie postata da tia

 

.............

Dr. Torigoye scrive che, durante il periodo delle guerre le tsuba Kanayama erano molto diffuse sulle più svariate montature sia per la loro semplicità che per la loro resistenza meccanica

.........

 

non lo avrei mai detto, molto interessante a guardarle sembrano "fragili"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
potrebbe essere che alcune di queste tsuba riproducano anche dei mon

 

Per quanto riguarda la scuola Kanayama personalmente dico di no (nelle ricerche che ho fatto tra scritti ed esempi non ho trovato nulla a riguardo, inoltre i motivi son di difficile interpretazione e molto semplici) mentre per la scuola Owari, molto simile alla Kanayama, i mon venivano riprodotti, la prima tsuba nel topic della scuola Owari rappresenta le foglie del kiri, non ho una descrizione della tsuba quindi non ne posso essere sicuro al 100% ma da quel che so dico che la Owari riproduceva anche i mon.

Forse Paolo potrà dirci di più.


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto che sono stato chiamato direttamente in causa .........

 

Molte ipotesi sono state avanzate relativamente alla zona nella quale nacque e si sviluppò l'artigianato delle Tsuba Kanayama.

Una delle più accreditate situa tale luogo nella provincia di Owari (attuale prefettura di Aichi) in prossimità della città di Nagoya. In quella zona esiste una località di nome Kanayama, esiste il Kanayama Shrine (antico e famoso tempio shintoista) ed inoltre in quella zona hanno a lungo operato molti forgiatori di lame (cui naturalmente servivano delle Tsuba).

 

Tornando alla domanda, i soggetti delle Tsuba Kanayama sono in genere semplici, astratti e realizzati con linee rette e/o curve; poco adatti quindi a raffigurare dei Mon.

 

Le Tsuba Owari, di contro, sono più "articolate" e "meno astratte" rispetto alle Kanayama ed i soggetti rappresentano sia figure geometriche curve o dritte che elementi della natura tipo erba, uccelli, foglie.

Ma anche in questo caso niente o pochi Mon.

Tra tutte le Owari (che spaziano sopratutto dal Muromachi al Momoyama) ho trovato solo uno Tsuba attribuibile al primo Edo (periodo Genroku) dove molto probabilmente è rappresentato un motivo araldico. (vedi immagine allegata)

 

owari.jpeg

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come al solito sei sempre di grandissimo aiuto!

Non sapevo la posizione geografica delle due scuole, ciò spiega la stretta relazione e le numerose caratteristiche che hanno in comune, un po' come la Heianjo e la Onin, ma questi sono altri due articoli :gocciolone::happytrema:

 

p.s però sui mon ci avevo azzecchato!

Modificato: da tia592

Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

esiste il Kanayama Shrine (antico e famoso tempio shintoista)

 

son tre anni che cerco di vistiarlo ma non ho mai abbastanza tempo..... dovro farmi timbrare il libretto anche la prima o poi

 

 

vi postero le foto del mon al piu presto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
dovro farmi timbrare il libretto anche la prima o poi

 

vado un attimo offtopic, ma potresti dirmi cosa intendi per timbrare il libretto??


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante