Vai al contenuto
Ughen

Tsuba Kantei

Messaggi consigliati

Ok il diametro lo avevo azzeccato ad occhio.

 

Cominciamo ad aggiungere un po' di dati.

 

Materiale: acciaio

Stile: sukashi

Forma: marugata

 

Da quel che vedo sono certo che sia autentica, edo.

 

La prima cosa che noto è che quei segni all'interno del seppadai, intorno al nakago ana, solitamente sono sul lato omote e non ura.

 

Ripensandoci però, quello non è un kogai ana, ma un kozuka ana. Ha quella forma solo per mantenere il disegno dei tre cerchi equidistanti. Secondo me Ughen hai postato ura prima e omote dopo.

 

 

Tralaltro quei segni, cosi' fatti, dovrebbero ricondurre ad una scuola particolare..

Modificato: da Jarou

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eccolo grazie mille Ughen!

Domanda i cerchi nell'antico Giappone simboleggiavano qualche cosa in particolare?


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottima intuizione Jarou !

 

Quale è lo spessore ?

Lo spessore al bordo è uguale o diverso rispetto allo spessore al Seppadai ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ottima intuizione Jarou !

 

Quale è lo spessore ?

Lo spessore al bordo è uguale o diverso rispetto allo spessore al Seppadai ?

 

lo spessore non cambia è costante paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il disegno è molto carino e potrebbero anche essere degli occhiali.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
io ci ho visto un simbolo fallico ahahaha

 

Allora quello non era uno scherzo :laugh:


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comunque...ho trovato!!

 

Scuola Yagyu, rappresentava si simboli della Yagyu Shinkage Ryu

I tre cerchi simboleggiano le tre stelle (ci avevo pensato inizialmente, ma da prime ricerche ho trovato solo sfere, poi Paolo mi ha stimolato maggiormente :gocciolone:) con gli insegnamenti buddisti, uno rappresenta il rispetto per la laegge, uno la capacità di migliorare se stessi, e l'altro di vedere la verità. Mentre il cerchio, o meglio anello che le congiunge indica il principio della filosofia marziale che porta l'individuo a coprire tutte le direzioni, l'anello può anche essere inteso come un risveglio spirituale.

Modificato: da Mattia

Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:rouletterussa:

 

Come mai?

 

Ho trovato anche che nella scuola Owari venivano rappresentati i tre cerchi, che anch'essi rappresentano le tre stelle che si riferiscono al sole, luna e stella polare, ma non eran collegate da nessun cerchio, quindi l'ho esclusa, (forse erroneamente!)

Modificato: da Mattia

Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Come mai?

 

Se la domanda era rivolta a me ed alla mia affermazione che lo Tsuba non può essere Yagyū , esamina attentamente le caratteristiche degli Tsuba di questa scuola.

Sono Sukashi ma non in modo così "esasperato" come lo Tsuba di Ughen.

Le Yagyu sono massicce ed in genere di tipo " Yō sukashi" ossia "Tsuba sukashi con solo traforo a Silhouette positiva" e la parte "vuota" generalmente occupa meno della metà della superfice dello Tsuba (poi naturamente ci sono le eccezioni - che sono comunque sempre massicce)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la risposta Paolo, ho trovato solo un paio di foto di tsuba di questa scuola tutto il resto scritto.

 

 

Inizialmente la scuola Yagyu prese la tradizione dalla scuola Owari e successivamente mutò il proprio stile, per ora continuo a pensare che sia una tsuba della prima scuola Yagyu :gocciolone:


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Owari?

 

 

Allego uno Tsuba Owari che richiama un poco quello di Ughen.

Però le Owari hanno il Seppadai più tondeggiante e la parte piena esistente sopra il culmine del Nakago-ana è più stretta di quella dello Tsuba del Kantei.

 

 

ovari.jpeg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante