Vai al contenuto
Castelli Gianfranco

Katana, fine Edo

Messaggi consigliati

Qualcuno è interessato a vedere questa lama polita?

Mishina per esempio. :happytrema:


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Qualcuno è interessato a vedere questa lama polita?

Mishina per esempio. :happytrema:

 

Non fare il modesto ! Sai che interessa a tutti.

 

Comunque c'è una domanda rimasta senza risposta.

Quale è la effettiva lunghezza (Nagasa) della lama ?

 

P.S. A quale epoca/forgiatore si può presumibilmente far risalire la lama ?

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ok ok faccio foto ed inserisco in serata. :gocciolone:

 

E' questa la lama di cui mi hai parlato in PM?

Comunque siamo tutti curiosi di vedere il risultato finale.

 

Yamagata :arigatou:


skilledlogo.jpg"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) che tradotto significa "Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è ancora terminata, mi ci dedico a tempo perso viste le condizioni...

Comunque ecco qui.

sugata_copy.jpg

misur.jpg

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La lama era martoriata, vedete questa frattura disastrosa, inoltre si è arrivati al jingane quasi ovunque ma eccovi una porzione ove l'hada è ancora intergro.

hada.jpg

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stimo il suriage in 7 cm. Con conseguente aumento del koshizori.

Yamashiro il den.

Mi è spiaciuto molto dover prendere atto che la frattura è particolarmente profonda e , come vedete parte addirittura dal nakago.

A mio parere è molto antica, direi pre muromachi. Opinioni?


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo shira

shiralegg.jpg

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Stimo il suriage in 7 cm. Con conseguente aumento del koshizori.

Yamashiro il den.

Mi è spiaciuto molto dover prendere atto che la frattura è particolarmente profonda e , come vedete parte addirittura dal nakago.

A mio parere è molto antica, direi pre muromachi. Opinioni?

 

Non ci sono altre foto?

Potresti postarle nella sezione dedicata ai Kantei.Non mi sembra tanto antica,almeno non da periodo Kamakura.

A giudicare da hada e hamon (sebbene non sia mai corretto fare una valutazione senza informazioni adeguate mi sento abbastanza sicuro circa l'attribuzione) direi Mihara,non mi risulta alcun Norimitsu che forgiasse così.La lama è Gimei molto probabilmnte.

Modificato: da shimitsu masatsune

La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mihara? Non mi pare Shimi. Ma non è detto, la tua capacità di kantei è assai superiore alla mia. :arigatou:

Non escludo la possibilità di gimei anzi...

Però secondo me non ci siamo, lo shinogi non è alto e lo shinogi ji non è ampio anzi lo definirei abbastanza stretto con scarso fumbari, il jigane non è particolarmente bianco e l'hada basilarmente mokume muta al masame approssimandosi allo yakiba. Kaeri corto. Escluderei quindi Ko Mihara.

Sue Mihara a mio parere non compatibile per la non sussisternza di un ko mokume "granuloso" (è un mokume liscio molto compatto ove ancora presente).

Io resterei sulla yamashiro den magari addentrandosi in pieno Muromachi

Cercherò di fare foto migliori e di postare il boshi non appena terminato col narume.

Per la cronaca , anche se non necessariamente esaustivo, Hawley segnala due Norimitsu in Yamashiro, entrambi meglio definiti come Heianjo Norimitsu, uno del 1334 e l'altro del 1469.

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non dici assolutamente stupidaggini Jarou, in effetti c'è un segno che può far pensare alla tua ipotesi...

Il fatto è che la frattura che vedi nell'ultima foto parte dalla zona della lama e arriva fino al nakago.

 

Sull'identificazione della lama nutro diversi dubbi...comunque sono stupito della bellezza che è saltata fuori da questa vecchia lama stanca.

 

Bravissimo Ken!



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate se sono mancato alla discussione !!! ma ero preso dai preparativi delle mie incombenti ferie......

inazitutto ringrazio milioni di volte andrea per la meraviglia che ha tirato fuori con le sue ietre magiche!!!!

ora vi scrivo un paio di misure ed ipotesi a cui ero giunto insieme a YamaArashi prima del restauro.....

 

SHINTO

 

NAGASA 62 cm

HAMON KO-NOTARE HAMON SU BASE SUGUHA

TRACCE DI CHOJI O DI ASHI NEL SUGUHA

SURIAGE NAKAGO DI 9 CM

MEI NORI MIMITSU FORSE DI ECHIZEN 1624

MUNE MUNE TAKASHI

KISSAKI OKISSAKI

HADA

BOSHI

 

scusate ma sono un po fuori allenamento e ora devo cercare di tradurre tutta la quantita di dati che avete postato.... grazie a tutti!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante