Vai al contenuto
Castelli Gianfranco

Katana, fine Edo

Messaggi consigliati

Bhè direi che a rivederla adesso ci sono molte cose da correggere sulle nostre prime impressioni....

Malgrado il suriage direi che è una lama piuttosto corta per essere una koto di Yamashiro, mi viene più da pensare a una Hizen.

 

Appena abbiamo le misure precise vediamo che ne pensa Paolo



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non credo che sia un tsugi-nakago,non ne ha le caratteristiche quindi lo escluderei,però non ti sbagli del tutto...Credo sia molto più probabile un ware creatosi durante l'assemblamento dei pani nella fase dello kumi-awase tra la porzione di Shingane ( che va a costituire il nakago) e il Kawagane (hiraji).Spesso la differenza tra i diversi tipi di acciaio è meglio apprezzabile ,in alcuni tsukurikomi come il Kobuse o il Makuri o l'hon Sam'mai ecc,proprio nella porzione di lama sotto l'habakimoto.


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Lo shira

 

Davvero elegante. E' molto simile a quello della mia kanetoshi


skilledlogo.jpg"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) che tradotto significa "Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nemmeno a me sembra che si tratti di un tsugi nakago (reso evidente dalla frattura che scende dalla lama al nakago)

Devo fare i miei complimenti a Ken........davvero bravo un lavoro magnifico. Aspetto di vedere le foto del kissaki una volta che la politura sarà terminata naturalmente.

 

Yamagata :arigatou:


skilledlogo.jpg"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) che tradotto significa "Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Non credo che sia un tsugi-nakago,non ne ha le caratteristiche quindi lo escluderei,però non ti sbagli del tutto...Credo sia molto più probabile un ware creatosi durante l'assemblamento dei pani nella fase dello kumi-awase tra la porzione di Shingane ( che va a costituire il nakago) e il Kawagane (hiraji).Spesso la differenza tra i diversi tipi di acciaio è meglio apprezzabile ,in alcuni tsukurikomi come il Kobuse o il Makuri o l'hon Sam'mai ecc,proprio nella porzione di lama sotto l'habakimoto.

Ha ragione Shimi non è tsugi, è un difetto di forgia probabilmente evidenziatosi dopo alcune politure, tenete presente che la porzione fratturata del nakago era in origine lama.

Qualcuno ha detto lama corta, 69/ 70 cm è corta ? Ragazzi c'è suriage! Guardate dove è posizionate la mei.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hai anche il resto del koshirae?


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah ok la saya era quella ok. Ora ricordo. Arigato


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Scusa la mia scarsa memoria ....chi è Paolo.....

 

 

Anche se non sono l'unico Paolo del Forum............... dovrei essere io :gocciolone:

 

Ken, complimenti ! un ottimo lavoro. Mi piace molto lo Hada. :ok:

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Paolo alla luce di quanto evidenziato sin'ora hai qualche ipotesi ulteriore sull'epoca? oppure rimani sulle posizioni iniziali? certo non è facile, viste le numerore politure il sugata si può essere modificato notevolmente.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche Hada () e hamon potrebbero aver subito qualche modifica,l'hamon ad esempio potrebbe essere meno brillante e aver perduto qualche hataraki....


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Paolo alla luce di quanto evidenziato sin'ora hai qualche ipotesi ulteriore sull'epoca? oppure rimani sulle posizioni iniziali? certo non è facile, viste le numerore politure il sugata si può essere modificato notevolmente.

 

 

..... "un bel tacer non fu mai scritto" :vecchiocinese:

 

Troppo difficile, almeno per me.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
:whistle:

hada.jpg

post_3_1189619376_thumb.jpg


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mmm, cosa vorresti dire? Mi convince il giusto, tu dimmi cosa stai alludendo e io ti dico cosa vedo.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mentre stavo fischiettando pensavo alla vaga somiglianza tra i due mokume liscii molto compatti...


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante