Vai al contenuto
Kentozazen

Mokume, Itame e Masame

Messaggi consigliati

Semanticamente parlando ciò che è itame è mokume, cosi' come ciò che è masame è mokume. Restringendo il campo all'applicazione pratica nei lavori con il metallo (compresa la nihonto) il mokume è quanto ha un aspetto legnoso, e nel caso della nihonto non è chiaramente definibile con i termini itame o masame.

 

Non avevamo già aperto un'altra discussione a riguardo?

Edit: ops; è questa la discussione che dicevo :martellate:

Modificato: da Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Lo ayasugi ha un preciso metodo di preparazione certo.

Io discutevo sul fatto che mokume e itame non fanno necessariamente risalire ad una tecnica precisa. Non è che facendo in un modo viene sempre mokume e facendo nell'altro sempre itame, insomma è un po' più complessa credo.

 

 

L'ayasugi hada est obtenu par torsion du sunobe (tire-bouchon) avant la mise en forme définitive. Pour le mokume il est obtenu en écrasant l'itame par endroit pour l'arrondir (c'est pour ça que les lames en mokume pur sont très rares).

 

 

Grazie per la traduzione salutchinois.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
L'ayasugi hada est obtenu par torsion du sunobe (tire-bouchon) avant la mise en forme définitive.

 

Molto interessante lamentoc, ma come dice giustamente Lorenzo, kawagane e shingane in questo modo si mescolerebbero...o mi sbaglio?

 

Mi pare più plausibile che la torsione avvenga allo stadio precedente l'unione dei due acciai, solo sul kawagane, immagino con successiva precisa ribattitura. Ma sono solo ipotesi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ma torcendo il sunobe, che contiene nella sua struttura kawagane e shingane, dove finiscono l'uno e l'altro? Le operazioni devono essere fatte sul kawagane e basta.

 

 

La présence de shingane n'est pas une obligation, on peut allier deux aciers différemment carbonés en les corroyant ensemble, celà donne un beau hada bien marqué et avec les mêmes propriétés mécaniques.

 

 

 

Grazie per la traduzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto con grande interesse questa disussione e devo dire che, per un neofita come me, è stata molto pregnante per far capire la differenza sostanziale tra masame, itame e mokume. Tra i primi due non vi sono problemi di riconoscimento, l'esempio di Lorenzo è quanto di meglio può esistere per paragonare le diverse formazioni, mentre la differenza tra itame e mokume sembra tanto una sfumatura nemmeno tanto evidente per chi è meno esperto.

Concordo sulla necessità di definire precisamente la nomenclatura in rapporto al tipo di hada non soltanto per coloro che frequentano questo forum, ma anche e soprattutto per capirci universalmente parlando.

La mia curiosità pratica tenderebbe però a capire come può generarsi la differenza tra itame e mokume, tornando all'esempio del tronco dell'albero, il mokume rassomiglia ai nodi del legno, evidenziabili in un taglio longitudinale del tronco stesso, molto umilmente ritengo che debba essere causata dall'intersecarsi di piani diversi della laminatura della lama nel corso dei vari ripiegamenti in sede di forgiatura ma non mi spiego come. Mi sembra che solo Ikkiù abbia provato a dare una sua idea.

Sarebbe interessante arrivare alla soluzione del caso che meglio farebbe capire il perché dell'aspetto che può osservarsi in presenza di mokume.

Pacifico :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...