Vai al contenuto
mauri

Spaccato Saya Con Inserto Per Kogatana

Messaggi consigliati

Vedendo il fodero di legno di una nhionto, mi sono chiesto come potesse essere fatto il foro che contiene il Kogatana (come in questo caso) o il Kogai. Non sò se nel forum si è già parlato di questo, ma avendo a disposizione un saya di un Wakizashi per uso scenico ho sviluppato delle foto che posto per metterle a disposizione di coloro che si sono posti il mio stesso problema.

 

Spero siano d'aiuto.

 

PC291905.JPG

P1061911.JPG

PC291904.JPG

P1061910.JPG

P1061912.JPG

  • Like 1

"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certamente interessante...

domanda mauri: la spaccatura lungo il pezzo che ospitava il kogai l'hai fatta tagliando perfettamente tu lungo il centro della lama ( :ok: ) o vi era già una linea di incollaggio che hai potuto sfruttare?

A vedere così sembra logico che l'incavo del kogai sia stato fatto allo stesso modo di quello della lama del waki, scavando due guancette che poi vengono incollate e sagomate perfettamente insieme.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Certamente interessante...

domanda mauri: la spaccatura lungo il pezzo che ospitava il kogai l'hai fatta tagliando perfettamente tu lungo il centro della lama ( :ok: ) o vi era già una linea di incollaggio che hai potuto sfruttare?

A vedere così sembra logico che l'incavo del kogai sia stato fatto allo stesso modo di quello della lama del waki, scavando due guancette che poi vengono incollate e sagomate perfettamente insieme.

 

Questo fodero non l'ho fatto io, mi sono limitato ad aprirlo per vedere come è stato costruito, l'incavo del kogai è stato fatto alla stessa maniera di quello della lama, lo spessore tra le due cavità è veramente minimo infatti se guardi bene l'ultima foto postata si vede un ricciolo,in quel punto ha sforato.

a quanto mi è dato di capire prima viene fatta la scanalatura della lama vera e propria,poi sbozzato il fodero viene fatto il taglio per il kogai, finita l'operazione vengono incollate le parti e rifinito il tutto.

  • Like 1

"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Questo fodero non l'ho fatto io, mi sono limitato ad aprirlo per vedere come è stato costruito, l'incavo del kogai è stato fatto alla stessa maniera di quello della lama, lo spessore tra le due cavità è veramente minimo infatti se guardi bene l'ultima foto postata si vede un ricciolo,in quel punto ha sforato.

a quanto mi è dato di capire prima viene fatta la scanalatura della lama vera e propria,poi sbozzato il fodero viene fatto il taglio per il kogai, finita l'operazione vengono incollate le parti e rifinito il tutto.

 

 

avevo capito.

Visto.

 

Quindi l'unico probema è quello di avere la massima cura e precisione nel momento dell'incavatura per il kogai, quindi fare un terzo pezzo, scanalato anchesso da incollare prima della rifinitura.

...almeno, io farei così invece di tagliare il pezzo direttamente dalla saya, a meno di non avere un discreto spessore per lavorare ancora alla rifnitura.

attendo il parere degli esperti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in tutti i casi il taglio a spicchio sulla saya và fatto,se no non si può fare la scanalatura dove rimane l'impugnatura del kogatana, considera che generalmente tra questa e il pezzo tagliato a spicchio c'è un riporto che può essere dello stesso legno o di altro materiale (corno di bufalo, argento ecc..) ti posto un'immagine per farti capire cosa intendo.PB250909.JPG


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Penso anch'io sia così, infatti generalmente il materiale usato è più resistente del legno del fodero, in questo smontato essendo per uso scenico non c'era proprio.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma non dovrebbe essere di corno? o sono ammessi anche altri materiali?

 

K.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto spesso è di corno, quello postato nella foto è in legno ma è errato per materiale e per forma, questo inserto è sempre pienamente complanare al saya e non stondato ed in rilievo, si incastra di precisione nella sua sede e spesso veniva ricoperto di lacca come il resto del saya.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
:arigatou:

Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Alcune foto prese dalibri di questo particolare fatto con materiali diversi.

 

 

P1091913.JPGP1091914.JPG

 

P1091917.JPGP1091919.JPG


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho dei dubbi sul primo, ma gli altri mi sembrano tutti in metallo come diceva Jarou.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche il primo è ok. Gli altri sono in metallo lavorato. Belli, non frequenti ma belli decisamente.

In tutti gli altri casi, dove non si vede, che sono la maggioranza, il tassello è come ho descritto sopra. :arigatou:


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Penso che in parte sia dovuto alle mode del momento, nei tempi di pace, l'estetica la faceva un pò da padrona, queste cose più "ricche" sono di alcuni periodi ben precisi, diciamo che forse è stato come nel nostro barocco.

Vi posto altre immagini

 

71__20Mounts_20copy.jpg

Handachi_20hirazukuri_20koshirai.jpg

Kaneyoshi_20koshirai.jpg

Mino_Kanesada__Nosada_.jpg

Tanto_20gassan_20styel_20koshirai.jpg[a

Motooki_20_aizu__20koshirai.jpg


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

belli


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante