Vai al contenuto
Lone Wolf

Curiosità di un Neofita

Messaggi consigliati

Questa è una mia curiosità, mi scuso in anticipo per gli errori.

Sia nell'anbito delle Nihonto che sopratutto delle Shingunto quali erano i Maestri forgiatori che producevano lame che si distinguevano per la loro resistenza, robustezza, ovvero più votate alla funzionalità che all'estetica?

 

Grazie, Oss



image634.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le shingunto sono più o meno tutte equivalenti. Anche spostandosi sulle gendaito di epoca militare non credo vi siano sostanziali differenze.

La tua domanda apparentemente semplice diventa assai complessa esaminando il panorama nihonto in genere.

Non credo sia facile distinguere le nihonto sul parametro che hai posto. Avendo speso ore ed ore a spiegare continuamente che quasi sempre non si può separare l'estetica dalla funzionalità la tua domanda non mi piace per come è posta.

Sicuramente esitono scuole e tradizioni che producevano lame più resistenti ma la cosa va osservata a seconda del preciso periodo storico in funzione dell'uso e delle necessità dell'epoca.

Lame pensate per essere il miglior compromesso pratico per affrontare le armature mongole ,ad esempio, non è detto che da un punto di vista teorico risultino le più efficaci per sezioni grossi bambù, o per incidere senza danno un kabuto in metallo...e viceversa.

Le uniche lame in cui l'estetica è palesemente sacrificata in funzione della esigenza pratica sono le kazuuchi mono, nihonto di scarsa qualità forgiate nel muromachi in grande quantità per soddisfare appunto l'"esigenza pratica" di armare velocemente più combattenti possibile.

Tuttavia guardacaso si ritiene che proprio queste kazuuchi non siano dotate di grandi caratteristiche di resistenza proprio a causa della scarsa attenzione nel forgiarle e di conseguanza della spesso scarsa risultante estetica.

Se dovessi comunque indicare una tradizione che a lungo tempo -quasi incontrastata- ha dominato un epoca, direi che Bizen ha prodotto lame eccelse per estetica e per doti dinamiche.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Le shingunto sono più o meno tutte equivalenti. Anche spostandosi sulle gendaito di epoca militare non credo vi siano sostanziali differenze.

La tua domanda apparentemente semplice diventa assai complessa esaminando il panorama nihonto in genere.

Non credo sia facile distinguere le nihonto sul parametro che hai posto. Avendo speso ore ed ore a spiegare continuamente che quasi sempre non si può separare l'estetica dalla funzionalità la tua domanda non mi piace per come è posta.

Sicuramente esitono scuole e tradizioni che producevano lame più resistenti ma la cosa va osservata a seconda del preciso periodo storico in funzione dell'uso e delle necessità dell'epoca.

Lame pensate per essere il miglior compromesso pratico per affrontare le armature mongole ,ad esempio, non è detto che da un punto di vista teorico risultino le più efficaci per sezioni grossi bambù, o per incidere senza danno un kabuto in metallo...e viceversa.

Le uniche lame in cui l'estetica è palesemente sacrificata in funzione della esigenza pratica sono le kazuuchi mono, nihonto di scarsa qualità forgiate nel muromachi in grande quantità per soddisfare appunto l'"esigenza pratica" di armare velocemente più combattenti possibile.

Tuttavia guardacaso si ritiene che proprio queste kazuuchi non siano dotate di grandi caratteristiche di resistenza proprio a causa della scarsa attenzione nel forgiarle e di conseguanza della spesso scarsa risultante estetica.

Se dovessi comunque indicare una tradizione che a lungo tempo -quasi incontrastata- ha dominato un epoca, direi che Bizen ha prodotto lame eccelse per estetica e per doti dinamiche.

 

A che epoca appartengono Kentozazen?



image634.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Lone Wolf,

 

La tradizione Bizen sorge sul finire del primo secolo (970 d.c.) ed è presente per tutto il Koto, continuando poi ad influenzare le ere successive fino ai giorni nostri.

 

Una delle sue massime espressioni è, a mio parere, la scuola Ichimonji.

 

Per saperne di più, se te la cavi con l'inglese, puoi approfondire su http://www.sho-shin.com/contents.htm, oppure sui testi di riferimento più volte consigliati sul forum.

 

Nella sezione Kantei troverai che molte delle ultime lame esaminate sono di scuola Ishido, che è la 'prosecuzione' della scuola Ichimonji nello Shinto.

 

Buona lettura, Gisberto


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lone Wolf la tua domanda è più complessa di quello che sembra.

Se apprezzare artisticamente una lama non richiede nessun test pratico, misurare l'efficacia di taglio o la resistenza del filo o della lama richiede che la stessa sia provata su oggetti di riferimento da tagliare.

Attualmente non credo che nessuno possa permettersi una serie di test del genere, inoltre paragonare lame antiche di centinaia di anni con acciai più recenti sarebbe ovviamente poco corretto.

 

Credo quindi che gli unici riferimenti da prendere in considerazione siano gli antichi test di tameshigiri condotti nel periodo edo, come quelli del famoso boia dello shogun, Asaemon Yamada e le relative catalogazioni degli studiosi di nihonto di quei tempi, come i togishi della famiglia Honnami.

 

in questa discussione puoi capire meglio a cosa mi riferisco:

http://www.intk-token.it/forum/index.php?s...ic=559&st=0



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Attualmente non credo che nessuno possa permettersi una serie di test del genere, inoltre paragonare lame antiche di centinaia di anni con acciai più recenti sarebbe ovviamente poco corretto.

 

In che senso, ovvero essendo acciai antichi sono più "sensibili" rispetto ad acciai più recenti o, come ho sempre pensato,

che le tecniche di produzione antiche sono impareggiabili rispetto a quelle odierne?

 

una domanda off-topic:

per chi volesse eseguire battodo, ovviamente sarebbe un sacrilegio utilizzare To di tale valore,

che strumento acquistare? sinceramente mi scoccierebbe parecchio spendere un capitale per una "finta" katana.



image634.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh però usare una nihonto per fare battodo...

Rovinandola ulteriormente, mettendola a rischio...a che pro? Soprattutto agli inizi (ovvero azzarderei i primi cinque o sei anni)...ma anche dopo a meno che non si sia veramente bravi e "meritevoli".

Penso spesso che chi usa una nihonto autentica per pratiche potenzialmente dannose per la lama abbia qualche problema col proprio "super-io".


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Beh però usare una nihonto per fare battodo...

Rovinandola ulteriormente, mettendola a rischio...a che pro? Soprattutto agli inizi (ovvero azzarderei i primi cinque o sei anni)...ma anche dopo a meno che non si sia veramente bravi e "meritevoli".

Penso spesso che chi usa una nihonto autentica per pratiche potenzialmente dannose per la lama abbia qualche problema col proprio "super-io".

Di fatti è quello che ho detto io, non userei una nihonto per tale attività!

La mia domanda era cosa poter acquistare per poterlo fare, un attrezzo da allenamento che, anche dandoci dentro, se si rovina non è un problema.



image634.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono cose cinesi fatte abbastanza bene per il tameshi, a 300 / 400 euro. Nelle sezioni off topic c'è qualche riferimento, magari qualcuno ti manda un Pm con qualche indicazione in più.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante