Vai al contenuto
Sakuraba

tutti i pezzi di una katana

Messaggi consigliati

Hai fatto bene ad avvisarmi....Avevo altre foto in serbo :rouletterussa: !

:crepapelle: e che mi sono lasciato prendere dall'O.T.!

Sei molto bravo, ma non possiamo ospitare troppe discussioni di questo genere, ci terremmo a mantenerci sui nostri interessi, spero capirai.

Certo siamo in Off Topic.

Ma l'attività di coltellinaio è un po' fuorviante per noi e tende a invitare alla partecipazione utenti non interessati alla nihonto. Per questo facciamo filtro.

Modificato: da Kentozazen

Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Grazie appena saro' in grado di acquistare il damasco (un metro di lunghezza 5cm di larghezza e 6mm di spessore e 800 euri :disperato: )cerchero' di fare delle foto del procedimento costruttivo.Nel frattempo grazie a tutti,se l'argomento vi interessa vi posto foto di altri coltelli autocostruiti.

 

Ma sei sicuro di voler utilizzare il damasco? Non è meglio prima provare con i materiali utilizzati per le spade per battodo tipo AISI 1055? Forse è meno costoso e comunque temprabile? Non è che c'è l ho con il damasco ma preferisco una katana in Aisi che in damasco perchè quella trama d'acciaio secondo me con le katane stona parecchio, a differenza di quelle nordiche o mediorientali.


Le questioni di maggiore gravità vanno trattate con leggerezza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ma dai kento, dopo tutto siamo nella sezione off topic :gocciolone:

 

Wolverine, all'inizio volevo intervenire anch'io ma temevo d'esser visto come troppo rigido.

Il fatto è che, dopo tutto, è vero sì che siamo nella sezione off topic ma è anche vero che qui ci dovrebbero essere discussioni saltuarie, di contorno.

Se già le sezioni fiori di ciliegio e arte della guerra sono già di contorno rispetto al mondo nihonto, pensa un pò quanto può essere tenuta in conto la sezione off topic.

Non è rigidità, credimi, è solo volontà di indirizzare energie e sforzi verso il tema centrale - le nihonto - concentrandosi sullo studio e sulla crescita del livello tecnico del forum e di tutti i suoi utenti. Ci si può distrarre di tanto in tanto, ma non in maniera sistematica e polarizzante come in questo topic o nell'altro del coltello.

:arigatou:

Modificato: da Musashi

<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sì certo è vero però poi ci si riempie di attività per certi versi contrastanti. La sezione off topic è il luogo della pausa da nihonto, non vorrei stravolgere le cose.

Nè tantomeno voglio essere troppo rigoroso in questa sezione.

Però l'utente medio deve essere interessato in primis alla nihonto e poi al resto, non il contrario.E' costato lungo lavoro creare un forum specializzato.

Spero possiate comprendere.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...ecco io e Musashi abbiamo risposto in contemporanea.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora diciamo che questa sezione non è "Off Topic" ma è "Solo un po' Off Topic", da quanto ho capito il timore è che un nuovo utente si avvicini al forum non per lo studio della nihonto ma per motivi più banali, magari accentuati proprio dai post OT. Non si potrebbe allora rendere visibile l'area OT solamente ad utenti con un numero minimo di messaggi inviati? Così facendo chi non ha almeno, per fare un esempio, dieci messaggi inviati non saprebbe nemmeno dell'esistenza di un'area OT, inoltre avendo accesso limitato i contenuti non sarebbero indicizzati nei motori di ricerca evitando già in partenza visite non "gradite".

 

Comunque io sono arrivato in questo forum cercando informazioni sulla tempra in forgia, non sapevo nemmeno cosa fosse una nihonto, adesso però l'argomento mi affascina e, pur non capendoci ancora nulla, mi piace leggere tutte le aree di questo forum.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non vorrei intaccare il mio Karma con queste parole, ma spero si possano leggere cose interessanti su questo forum,perche' a scriverle ti passa la voglia.... :gocciolone:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
... spero si possano leggere cose interessanti su questo forum,perche' a scriverle ti passa la voglia.... :gocciolone:

Dipende da cosa ritieni interessante :gocciolone:


Alberto

 

"Prega affinchè l'altro non sfoderi, ma alla fine, se non fosse possibile evitarlo, mettilo a morte con un colpo solo, e prega perchè riposi in pace"

"la verità, niente di più sovversivo"

 

Sempre sia lodata la funzione "CERCA"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

come è finita? l'acciaio migliore da usare per un progetto del genere, spece se è il primo e quindi inevitabilmente pieno di sbagli, è quello delle balestre delle sospensioni dei camion, trovabile a costo zero o quasi da uno sfasciacarrozze. è molto resiliente e adatto a spade lunghe, se ben temprato tiene anche molto bene il filo.

a dire il vero, volendo tagliarci, rimane la scelta migliore anche per le prossime se decidi di continuare. molti ottimi coltelli da campo sono fatti con quell'acciaio.

ovviamente devi stemprarlo con una ricottura prima di lavorarlo.

lascia stare gli inox, e sopratutto n690, che non eccelle per nulla.

 

ah, alla fapa la tempra differenziata non la fanno, e nemmeno la tempra normale io ci farei visto che fanno infornate di vvari acciai diversi con temprature "medie".

la tempra è l'anima della lama, discorso che aumenta di importanza con la lunghezza della lama stessa. se usi un acciaio da balestra di sospensione puoi temprarlo da solo, si trovano molte risorse in rete per imparare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A Bologna si può trovare chi fa tempra in atmosfera controllata, tempra criogenica e tempra differenziata.

Se chiedi in qualche Forum di coltelli dovresti poter avere tutte le informazioni.

Anch'io costruisco coltelli, però l'idea di costruire una katana con metodi da coltellinai (non intendo esser dispregiativo, ma solo farmi capire) è davvero un pensiero da lasciar perdere.

Ci sono tante forme su cui sbizarrirsi.

Una imitazione di una katana capisco che sia affascinante, ma, se veramente imparerai a conoscere queste lame, capirai che è proprio un'eresia.

 

Shirojiro

 

PS Prima che venga chiuso l'off topic ne approfitto per postare 3 immagini di un mio prodotto (...Sandro , mi sono deciso a postare)

Lunghezza 30cm spessore 6 mm, 62 HRC

 

Progetto 02  Finito 01.jpg

Progetto 02 Finito 03.jpg

Progetto 02 Finito 05.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per quanto riguarda la produzione di una "katana" con metodi da coltelinaio mi rendo conto che sia una eresia già da ora, ma costruire una spada ispirata alle katana, studiandone realmente le caratteristiche e non ponendosi con domande stupide e scarsa propensione alllo studio, ma soprattutto senza avere la presunzione i fare una katana reale, non sia così condannabile...prbabilmente avrebbe comunque più fascino i una Practical cinese industriale, anche per il solo fatto di derivare da un lavoro artigianale e da uno studio sinceramente interessato. opinione personale naturalmente.

 

inoltre, prima che venga chiuso l'off topic ne approfitto per farti i complimenti per la finitura, sembra fatta molto bene, e la lavorazione del manico pare molto laboriosa. complimenti!

ammetto tuttavia di non amare la forma "tracker", la trovo difficilmente spendibile in un uso diverso dalla vetrinetta. ovviamente è solo una mia opinione, derivata dalle esperienze che ho visto io.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

come è finita?

 

 

E' finita in "scheletri nell'armadio"la lama di fabbricazione italiana costruita in meno di tre giorni dall'operaio sakuraba.Scusate la tardiva risposta ma ho capito che provare a imitare lame giapponesi non da' grande soddisfazione(a meno che non si utilizzi una bella forgia)e oltretutto avendo "toccato" una nihonto vera ho capito che e' gia' difficile avvicinarsi alla qualita' delle finiture di una spada giapponese fatta a mano pur utilizzando macchine supermoderne che annullano la fatica di lavorare l'acciaio......ma non e' la stessa cosa.Non che non mi sia divertito comunque......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante