Vai al contenuto

Iscrizione/rinnovo NBTHK Italian Branch

comunicazione di servizio

Diego T.

Samurai e cura delle lame

Messaggi consigliati

Molto probabilmente sarà una domanda stupida e ci saranno sicuramente argomenti che ne parlano nel forum ma non sono riuscito ha trovarli.

Come curavano le loro lame i Samurai? Se ne prendevano cura come noi al giorno d'oggi oppure avevano altri metodi?

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sto leggendo in questi giorni di: Mario Polia l'Etica del Buscido Introduzione alla tradizione guerriera giapponese ed. Il Cerchio in questo libro si parla anche del comportamento e del modo di curare le lame da parte dei Samurai.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nell 'Hagakure si evince in un detto che un samurai trasandato non rinunciava però a curare " affilare" ogni sera la pripria Katana.

 

Non sono sicuro se nel mio libro la traduzione affilare sia corretta , direi più curare come si fà oggi con le nostre nihonto ovviamente credo che la politura di tali lame sia stata più approssimativa e grossolana delle nostre .

 

E' un quesito che spesso mi sono posto anche io , ovviamente gli esperti faranno lume.


Il pino proietta la sua ombra sul muro.

La luna riflette sull'acqua.

Davvero non siamo nulla.

Sia il cielo e dare un lungo grido

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Affilare le proprie armi potrebbe essere preso anche in senso figurato.

Un pò come affinare le......


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Avevo già letto anche io che un samurai curava le proprie lame...ma il quesito è come...come se ne prendeva cura? Anche dopo uno scontro con la lama sporca magari di sangue, cosa faceva? Oppure la sera quando la riponeva, la puliva e la oliava? Non c'è qualche testo testimonianza documento file ecc. dove è descritto questo?

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Durante l'Azuchi/Momoyama il Sashikomi Togi era gà impiegato stando a quanto riporta Suishinshi Masahide nei suoi scritti.Sebbene spesso si tenda diffusamente ad enfatizzare una certa leggendaria primitività tecnica dei togishi nei tempi antichi bisognerebbe doverosamente almeno in parte smentire questa tesi.Molte delle lame storiche maggiormente apprezzate oggi hanno subito nel corso dei secoli le adeguate cure di artigiani esperti,capaci di coniugare fini pratici e conservativi allo stesso tempo.

Negli antichi testi relativi all'arte del Kantei infatti le relative nomenclature tecniche inerenti hataraki particolarmente difficili da scrutare basterebbero a far riflettere di quanto già nel periodo Muromachi dovesse essere,se non proprio sviluppata secondo gli oderni parametri,quantomeno evoluta l'arte della Politura.Nel tempo particolari tecniche si sono perdute,altre hanno sostituito quelle precedenti ed evolutesi hanno acquistato una maggiore diffusione in virtù della loro efficienza.

Sunagashi,Kinsuji,inazuma,yo,yubashiri e molti altri ancora sono tutti termini tecnici risalenti a questo periodo.In un era in cui il corretto funzionamento dell armi era basilare un togi opportuno era doveroso al fine di una corretta individuazione di anomalie quali i diversi kizu riscontrabili dopo un serio scontro.Spesso alcune traduzioni di testi antichi quali l'Hagakure generano qualche confusione.

Oggi ci sono metodi alternativi alla manutenzione di una katana ma come oggi Sin dai tempi antichi il choji-abura,nugui-gami e uchiko hanno sempre accompagnato le lame dei samurai.Inoltre arte dell'etichetta da seguire nel Kantei derivano in parte dall'etica samuraica :arigatou:


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi un samurai dopo aver sfoderato la sua lama, e aver affrontato un duello,

una volta tornato alla sua dimora si metteva a curare la sua lama con carta di riso olio e uchiko...

ma tu lo hai letto da qualche parte?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi un samurai dopo aver sfoderato la sua lama, e aver affrontato un duello,

una volta tornato alla sua dimora si metteva a curare la sua lama con carta di riso olio e uchiko...

ma tu lo hai letto da qualche parte?

 

Durante le campagne belliche kaji tosho e togishi,sayashi ecc.seguivano gli eserciti al fine di prestare la propria manodopera dopo ogni scontro.E' accaduto anche recentemente durante l'ultimo conflitto mondiale che unità specializzate si prestassero alla riparazione di spade danneggiate in battaglia.

Durante il periodo Edo esisteva un'offerta maggiore di questo genere di servizi rispetto a quella disponibile oggi che spaziava da artigiani ai massimi gradi al togishi di paese e naturalmente in virtù dell'entità del danno subito e alla levatura della lama e del suo proprietario una lama poteva essere ripolita oppure no.Durante periodi molto cruenti come quello del Sengoku Jidai,bisogna ricordare che una lama poteva essere usata diverse volte in una giornata,come riportano del resto anche alcune delle fonti storiche del tempo.

La manutenzione ,quella ordinaria oggi come un tempo era quella svolta con washi chojiyu e uchiko.


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Durante le campagne belliche kaji tosho e togishi,sayashi ecc.seguivano gli eserciti al fine di prestare la propria manodopera dopo ogni scontro.E' accaduto anche recentemente durante l'ultimo conflitto mondiale che unità specializzate si prestassero alla riparazione di spade danneggiate in battaglia.

Durante il periodo Edo esisteva un'offerta maggiore di questo genere di servizi rispetto a quella disponibile oggi che spaziava da artigiani ai massimi gradi al togishi di paese e naturalmente in virtù dell'entità del danno subito e alla levatura della lama e del suo proprietario una lama poteva essere ripolita oppure no.Durante periodi molto cruenti come quello del Sengoku Jidai,bisogna ricordare che una lama poteva essere usata diverse volte in una giornata,come riportano del resto anche alcune delle fonti storiche del tempo.

La manutenzione ,quella ordinaria oggi come un tempo era quella svolta con washi chojiyu e uchiko.

 

 

Per quanto riguarda fabbri e togishi che seguivano gli eserciti in battaglia, lo sapevo, come al giorno d'oggi ci può essere chi si occupa di riparazione o semplice manutenzione di armi da fuoco, o di mezzi nelle forze impiegate in battaglia...diciamo che la mia era più una curiosità sui samurai, e su quello che facevano loro...se prestavano così attenzione e cure alle loro lame come facciamo noi al giorno d'oggi, se poi mi dici che la manutenzione ordinaria è la stessa dei giorni nostri, è davvero una cosa interessante...ma sai per caso se la svolgevano direttamente loro o la affidavano a terzi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Diego forse ho capito intendi sapere se qualche samurai oltre all'ordinaria manutenzione passava anche le pietre sulla katana per mantenere il filo?


Il pino proietta la sua ombra sul muro.

La luna riflette sull'acqua.

Davvero non siamo nulla.

Sia il cielo e dare un lungo grido

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No no...solo la semplice manutenzione ordinaria...se veniva fatta da loro, come e con quale cura...ma forse chiedo un pò troppo...17gocciolone.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Shimitsu è stato molto esplicativo , si certamente credo che per un samurai fosse come un rito , per la straordiaria c'era il togi , da quanto ne so io ovviamente .


Il pino proietta la sua ombra sul muro.

La luna riflette sull'acqua.

Davvero non siamo nulla.

Sia il cielo e dare un lungo grido

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Shimitsu è stato molto esplicativo , si certamente credo che per un samurai fosse come un rito.

 

 

Una sorta di meditazione?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Era usanza nota quella di meditare con la propria spada.Era un abitudine di molti noti Daimyo.


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non lo sapevo, a meno che non ti riferisci a rituali quali il kuji no hou che a volte era eseguito con una lama.

Come si svolgeva tale meditazione con la spada ? Quale gestualità in somma ?

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non lo sapevo, a meno che non ti riferisci a rituali quali il kuji no hou che a volte era eseguito con una lama.

Come si svolgeva tale meditazione con la spada ? Quale gestualità in somma ?

 

GTO

 

Be tutte le scuole di spada chi più chi meno dopo un certo periodo che non ricordo hanno ricevuto influenze zen, quindi i kata, i semplici esercizi e ogni cosa che riguarda l'allenamento sono ed erano tutti meditativi. Qualcuno più esperto ti può dire anche quali eventi hanno condizionato la storia delle singole scuole nel tempo in questo senso.


Le questioni di maggiore gravità vanno trattate con leggerezza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Be tutte le scuole di spada chi più chi meno dopo un certo periodo che non ricordo hanno ricevuto influenze zen, quindi i kata, i semplici esercizi e ogni cosa che riguarda l'allenamento sono ed erano tutti meditativi. Qualcuno più esperto ti può dire anche quali eventi hanno condizionato la storia delle singole scuole nel tempo in questo senso.

 

 

Credo che non ci riferisse agli allenamenti o esercizi, ma più alla cura della spada come gesto di meditazione...almeno da quanto ho capito...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante