Vai al contenuto
mauri

Finita una delle lame di "Prove di forgia "

Messaggi consigliati

io per gli habaki in rame utilizzo un flussnte, la saldatura su questo metallo viene sempre fatta utilizzando lo stagno; per permettere una buona saldatura utilizzo sempre un flussante apposito, se no è facile che l'ossidazione naturale del metallo faccia scivolare via lo stagno o crei bolle d'aria nella saldatura.Son curioso di provare a vedere come potrebbe esser con l'argento! :ichiban:

dovre stressar di piu il mio orefice di fiducia :smile:

 

 

Ughen, per una lamina di argento se vuoi te la faccio io o ti dico dove prenderla li a Milano; è una cosa da pochi euro. Non rivolgerti ad un orafo perché ti darebbe sicuramente dell'argento 925, mentre a te serve puro.

 

Riguardo allo stagno:

non si salda con lo stagno :gocciolone:

 

Si salda (o meglio si brasa) ad argento; fin dai tempi antichi. Il saldante lo trovi a Milano, da DiMaio o Dal Trozzo, entrambi in via Paolo da Cannobio (dietro al duomo, a due passi a piedi)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:timido: infatti, immaginavo che l'argento avesse un diverso modo di esser brasato,sul rame invece ho visto sempre lo stagno utilizzato praticamente da tutti e mai altri prodotti

per i posti grazie :siamoamici: !! mi sa che presto posterò nuovi habakiwork in progress ehehhehe :fico:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche nelle barre di castolin, che si adoperano per saldature industriali, mi sembra che ci sia parecchio argento.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lorenzo su fai il buono..... Ti prometto che non parlo più di castolin.

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per "l'angolo del bricolage" ecco un habaki fatto dal sottoscritto

hab1.JPG

hab2.JPG

 

:timido:

e saldato a stagno....

Bravo Mauri, realizzare da sè lama e koshirae è una bella sodisfazione

Shiro la tua lama fa veramente paura, a che tipologia appartiene, sventrapapere?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ok torniamo seri :tioffrounabirra: io non suggerisco di non fare così perché sono un purista; c'è un motivo ben preciso per cui non bisogna saldare a stagno ed è la resistenza; provare per credere. Basta saldare qualcosa di diverso da uno habaki, tirare e verificare di persona quanto poco tiene.

Poi c'è un motivo secondario che è nella patina; non ho mai sperimentato di persona come cambi ad esempio il colore dello shibuichi saldato con lo stagno; ma considerando tutto il lavoro fatto prima della patina non capisco quale sia il senso di trovarsi alla fine a dover rifare tutto per non aver saldato con l'argento. La temperatura necessaria per saldare con il saldante all'argento si raggiunge tranquillamente con le torcette a butano del fai da te, quindi davvero non vedo perchè non usare il metodo professionale. :ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione Lorenzo, questo habaki l'ho fatto tempo fa quando ero in pieno raptus da nihonto e l'ho saldato con la prima cosa che avevo sottomano (avrei usato anche il vinavil). Adesso ti faccio vedere cosa combino adesso: mi serviva un certo martelletto giapponese che tu conosci bene, e non avendo ne voglia ne tempo di ordinarli in Giappone o Germania, ho preso sto vecchio catorcio:

ham1.JPG

e dopo un intervento di chirurgia plastica, ecco il risultato

ham2.JPG

Scusate ma le foto vengono compresse in altezza, per le reali proporzioni si deve cliccare sull'immagine

Adesso, dopo aver affettato lime vecchie, sto diventando matto a far le punte ai miei sunobe fatti in casa...

:fuso:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ok torniamo seri tioffrounabirra.gif io non suggerisco di non fare così perché sono un purista; c'è un motivo ben preciso per cui non bisogna saldare a stagno ed è la resistenza; provare per credere. Basta saldare qualcosa di diverso da uno habaki, tirare e verificare di persona quanto poco tiene.

Poi c'è un motivo secondario che è nella patina; non ho mai sperimentato di persona come cambi ad esempio il colore dello shibuichi saldato con lo stagno; ma considerando tutto il lavoro fatto prima della patina non capisco quale sia il senso di trovarsi alla fine a dover rifare tutto per non aver saldato con l'argento. La temperatura necessaria per saldare con il saldante all'argento si raggiunge tranquillamente con le torcette a butano del fai da te, quindi davvero non vedo perchè non usare il metodo professionale. 21.gif

 

 

Buonasera a tutti.Salve Lorenzo.Puo' dirmi(dirci)per favore come si salda ad argento?Ho provato diverse volte,ma sempre sporcando e approssimando!Tant'e' che visti i risultati mi sono buttato sullo stagno(gasp!)

Complimenti Mauri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

castolin cattivo, noi non piace castolin, castolin cattivo! :happytrema:

 

:happytrema::happytrema: Si si!!

Bruutto Castolin! ghgh

 

IL castolin è una lega bassa di argento ed un pò di altre schifezze, dal basso punto di fusione. Viene utilizzato di solito come ultima risorsa ove le altre saldatura d'argento (850, 800, 750) non possono essere più utlizzate a rischio di far smontare tutto, o maggiormente per la saldatura di grossi pezzi d'argenteria, difficili da portare a temperatura ed ove il legante deve scorrere in maniera veloce ed uniforme. A questo però contribuisce molto l'ottimo decappante di cui è di solito rivestita la lega. Ragione per cui a volte lo si usa anche per la saldatura di rame e ferro.

Il brutto svantaggio del castolin è in parte lo stesso dello stagno. In primis il colore: il castolin con il suo colore più scuro dell'argento e dalle tonalità bluastre, macchia irreparabilmente il metallo su cui viene posto (ragione per cui viene per lo più usato sull'argenteria che viene poi posta a riargentatura per bagno eletrolitico); inoltre, penetrando nel metallo che salda, un pò come lo stagno, fa si che sia difficile asportarlo, e, dato il bassissimo punto di fusione, qualsiasi altro intervento successivo sarà sempre più delicato e da farsi esclusivamente con lo stesso castolin... un escalation insomma :hehe:

 

 

Buonasera a tutti.Salve Lorenzo.Puo' dirmi(dirci)per favore come si salda ad argento?Ho provato diverse volte,ma sempre sporcando e approssimando!Tant'e' che visti i risultati mi sono buttato sullo stagno(gasp!)

Complimenti Mauri.

 

saldare in argento non è difficile Sakuraba, non facile come l'oro però, perchè l'argento ha un più basso punto di fusione e disperde il calore più velocemente, quindi è più difficile arrivare alla temperatura giusta nel giusto punto.

Nell'oreficeria tradizionale si usa un cannello a gas, che essendo a fiato richiede una certa esperienza. Modernamente esistono anche microsaldatori o microtorce a gas o ad acetilene in commmercio. La loro fiamma è regolabile è molto potente e precisa. Personalmente ho sempre preferito lo chalomot a bocca...

Comunque: per saldare in argento si devono tagliare delle piccole scaglie di lega di saldatura (di solito una lega leggermente più bassa del metallo da saldare, in varie gradazioni, in modo che fonda prima) tagliate da una lastrina sottilisima e posizionarle con un pennellino sull'unione delle due parti da saldare, nella quantità necessaria e non di più (in realtà ne serve moolto poca) che devono essere le più combacianti possibile, disossidate e sgrassate. Se le parti non sono a contatto, o ossidate o sporche, naturalmente la saldatura non scorrerà e non si salderanno. A far questo aiuta un pò di borace sciolto in acqua, che riduce l'ossidazione del metallo per il tempo necessario a che la saldatura scorra.

Nello scaldare il pezzo per la saldata è conveniente scaldare il resto del pezzo, intorno al punto da saldare, prima di concentrare la fiamma sulla saldata, questo per far si che il metallo intorno non rubi troppo calore alla saldata stessa. Lo stesso si deve stare attenti a non indugiare troppo in un solo punto con la fiamma (che abbiamo detto, di quelle torce è abbastanza potente perchè concentrata) a rischio di fondere e fare un bel buco in un microsecondo :fico:.

...

 

 

 

 

PS: Lorenzo, scusa se mi sono intromesso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

PS: Lorenzo, scusa se mi sono intromesso.

 

Figurati, grazie a te che mi hai evitato di dover scrivere la pappardella.

 

X Sakuraba: questo tipo di informazioni si trovano pressoché ovunque su internet. Trovi anche filmati. Cerca silver soldering e trovi anche filmati su youtube.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

 

 

 

saldare in argento non è difficile Sakuraba, non facile come l'oro però, perchè l'argento ha un più basso punto di fusione e disperde il calore più velocemente, quindi è più difficile arrivare alla temperatura giusta nel giusto punto.

Nell'oreficeria tradizionale si usa un cannello a gas, che essendo a fiato richiede una certa esperienza. Modernamente esistono anche microsaldatori o microtorce a gas o ad acetilene in commmercio. La loro fiamma è regolabile è molto potente e precisa. Personalmente ho sempre preferito lo chalomot a bocca...

Comunque: per saldare in argento si devono tagliare delle piccole scaglie di lega di saldatura (di solito una lega leggermente più bassa del metallo da saldare, in varie gradazioni, in modo che fonda prima) tagliate da una lastrina sottilisima e posizionarle con un pennellino sull'unione delle due parti da saldare, nella quantità necessaria e non di più (in realtà ne serve moolto poca) che devono essere le più combacianti possibile, disossidate e sgrassate. Se le parti non sono a contatto, o ossidate o sporche, naturalmente la saldatura non scorrerà e non si salderanno. A far questo aiuta un pò di borace sciolto in acqua, che riduce l'ossidazione del metallo per il tempo necessario a che la saldatura scorra.

Nello scaldare il pezzo per la saldata è conveniente scaldare il resto del pezzo, intorno al punto da saldare, prima di concentrare la fiamma sulla saldata, questo per far si che il metallo intorno non rubi troppo calore alla saldata stessa. Lo stesso si deve stare attenti a non indugiare troppo in un solo punto con la fiamma (che abbiamo detto, di quelle torce è abbastanza potente perchè concentrata) a rischio di fondere e fare un bel buco.....

 

 

 

Grazie.....Tentero' un esperimento!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non fare come me, che l'altro giorno provando a saldare due fili d'argento con un microcannello a gas mi son fatto scoppiare la piastrella refrattaria sottostante che avevo ingegnosamente individuato come supporto alla saldatura

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non fare come me, che l'altro giorno provando a saldare due fili d'argento con un microcannello a gas mi son fatto scoppiare la piastrella refrattaria sottostante che avevo ingegnosamente individuato come supporto alla saldatura

 

Az... che razza di microcannello hai usato?... :hehe:

 

piccolo suggerimento, soprattutto su metalli morbidi come l'argento: fiamma morbida, non concentrata. e muovere la fiamma di continuo...

... sul filo poi... ghghghghghghgh

paglioni piccolissimi e fiamma morbida e veloce (per questo preferisco il cannello a bocca)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante