Vai al contenuto

Messaggi consigliati

E' incredibile come le loro imprese sembrano irreali, tanto da essere state prese quasi sempre per una bufala, una montatura.

Ebbene io credo che non sia così. I monaci Shaolin sono la massima espressione umana del controllo sul proprio Qì (cinese), Ki (giapponese), energia mistica sin da i tempi dei tempi, un qualcosa di talmente grande che anni ed anni di studi su se stessi a volte non bastano per arrivare al punto tale di controllo da poterne sfruttare tutte le sue "qualità".

 

Ora vi mostro alcuni filmati di monaci Shaolin, che probabilmente molti avranno già visto, ma quello che vorrei è che la vostra attenzione si fermasse al 3.50" minuto del 1° filmato. Quando arriva il punto in cui un allievo spezza sulla testa di un altro allievo un bastone più grande di un manico di scopa.

Ecco, la particolarità sta nel fatto che alla prima prova il bastone non si rompe, dando prova visiva di quanto realmente quel bastone fosse vero.

Guardate con i vostri occhi, probabilmente mi sbaglio, ma secondo me una persona normale ci rimane secca con una botta del genere.

 

aavecchiocinese.gif

 

 

 

i

 

Voi cosa ne pensate?

 

p.s. scusate ma non riesco ad inserire ulteriori video.....


Il Budo è essere una cosa sola con l'universo... M. U.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non ho le competenze personali per esprimere sentenze, ma conosco chi le ha, e li cito:

Purtroppo il mondo della arti marziali a Shaolin è scomparso da molto tempo, rimpiazzato da una versione circense-commerciale.

Per chi volesse ulteriori chiarimenti posso rimandare a chi ne sa molto più di me :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo, sono tutti trucchi più o meno complessi, la cui unica importanza didattica, secondo me, è il mostrare quanto poco si conosca in generale della realtà che ci circonda. Non trovo interessante spiegare come funzionino in questo forum, ma credo che se qualcosa di sovrannaturale esista, non sia certo in dimostrazioni circensi.

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

gli shaolin si sono estinti 400 anni fa quello che la cina ci ripropone oggi è wushu una rappresentazione circense da vendere all'occidente..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ufff.... ragazzi miei, devo dire che dopo gli interventi che ho potuto "apprendere" in tutto il forum, ho constatato che questo gruppo su questo forum ha veramente un senso obbiettivo, ed una saggezza al di sopra di tutte le altre comunità di arti marziali che ho frequentato, e questo mi fa molto piacere.

In questo forum ho trovato persone che veramente credono nell'aspetto filosofico delle Arti Marziali, non ho trovato fanatici di merd.... che "impazziscono" se provi a contraddirli, o che fanno di un Arte Marziale il loro stile di vita "bullo" come spessissimo accade, e di questo, ho capito, devo ringraziare la "potenza" spirituale della fatidica Katana.

 

Constato, giorno dopo giorno che siete persone vere, che vivono con un qualcosa in più rispetto a gli altri, che vivono per una "causa" giusta.

Io, devo dirvi la verità, in ogni persona che mi ha risposto nei topic, a volte provocatori, ho trovato sempre persone con i piedi per terra molto riflessive, e di questo ne sono enormemente felice. Credevo che questa comunità fosse come le altre, piene di fanatici, ed invece così non è stato, e ve ne ringrazio, e ne ringrazio sopratutto l'anima del Samurai che è in tutti noi, la Katana, che dona una certa spiritualità difficilmente raggiungibile con le sole Arti Marziali occidentali.

 

Quindi, devo dire, che se anche gli Shaolin, riuscissero a fare quello che fanno in questo video, ho capito che quello per cui sono nati non era lo scopo "dimostrativo", e che questo negli anni ha fatto perdere anche a loro gran parte della filosofia che forgiava questi "guerrieri".

 

Probabilmente, anzi, sicuramente, c'è tutto un "impeachment" che tira a mostrare tutto il sovrannaturale del loro sistema. Purtroppo la speculazione ed il capitalismo sono arrivati fino a loro e li hanno "infettati" rendendoli parte della società moderna.

 

Quindi, anche se devo credere, dopo quello che ho visto oggettivamente nel filmato, che riescono sicuramente a compiere imprese impossibili per le persone normali, devo credere anche che sicuramente non sono più persone che mantengono una certa condotta filosofica come quella di un tempo fà, e che quindi hanno perso gran parte della loro "spiritualità" che era la forza del loro "sistema".

 

Temevo che questo era accaduto, e voi me ne avete dato conferma, quindi me ne dispiace, perchè loro erano i numeri uno nel controllo del proprio "io", ma rassegno le mie speranze in quello che io credevo un qualcosa di puro e sincero, come poteva essere il pensiero filosofico dei Shaolin di 30 anni fà.

 

Mi dispiace, ma devo darvi ragione, il mostro "mediatico" ha colpito anche loro rovinandoli inesorabilmente. Anche se continuano a mantenere una certa "condotta" impressiva sia a livello psicologico che fisico, purtroppo non sono i monaci Shaolin di una volta, e purtroppo tante cose non sono più quelle di una volta, ma quando lo constato in queste occasioni, dove la filosofia e la saggezza dovrebbero far da padrone, mi viene la depressione.


Il Budo è essere una cosa sola con l'universo... M. U.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hai fatto centro il capitalismo sta costantemente rovinando le arti marziali, questo è un doppio problema, la prima parte del problema è quella che citi tù la perdita della tradizione e delal spiritualità e della verità storica che portano con se in genere le arti marziali, il secondo problema (a mio parere molto grave) è che ci sono molti che si inventano sistemi e arti marziali e oltre a spacciarle per storiche le spacciano per efficaci.

 

Ci sono maestri in giro che fanno il lavaggio del cervello ai propri allievi mettendogli in testa che se loro fanno certe cose sono invicibili e che nessuno li potrà mai scalfire sia il "nemico" armato di coltello o di pistola.. questa è una cosa gravissima a mio parere e contro tutti i principi del budo. Ho conosciuto certi ragazzi che per via di questa convinzione credevano di poter battere 3 o 4 persone armate e altri che invece sono stati ridotti male per fidarsi ciecamente di certi istruttori poco seri..

 

basta girare un po per la rete in altri forum dedicati alle arti marziali (meno seri di questo logicamente) dove gli esaltati la fanno da padrone per avere conferma di quello che dico, ma visto che voi siete dell'ambiente vi sarà capitato sicuramente di incontrare individui del genere...

 

Per quanto riguarda il Kung fu esiste ancora quello tradizionale ma non lo shaolin tutti i monaci di quel tempio furono uccisi 400 anni fa da invasioni barbariche, però ci furono dei superstiti ad esempio Ng Mui che "segretamente" tramando le sue conoscenze marziali che sono arrivate a noi sotto il nome di Wing Chun questo è uno degli stili tradizionali dove la spiritualità viene insegnata e dove si lavora seriamente, sicuramente ci sono altri stili di kung fu ancora oggi sopravvissuti (personalmente sono ingnorante in materia e non ne conosco) ma il wushu non è uno di questi è solo roba commerciale che con il combattimento e la spiritualità non ha nulla a che vedere... che poi i praticanti si spezzino le ossa per praticarlo questo io non lo metto indubbio, raggiungono livelli atletici sorprendenti, ma si fermano lì è atletica non arte della guerra.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Esatto, la penso esattamente come voi. :arigatou:

 

Personalmente ritengo che per "depurare" il mondo delle Arti Marziali dalle pratiche fasulle - che lo siano dal principio o che lo siano diventate in seguito - l'aspetto della pratica libera, il combattimento insomma, dovrebbe essere valutato meno severamente. Molto spesso si legge di maestri che guardano con occhio schifato al combattimento libero, come se fosse una contaminazione della pratica.

Ma se si tratta di Arti Marziali, quindi di Marte, quindi della guerra... come si fa a non considerare il combattimento non solo parte integrante, ma anzi componente fondamentale della disciplina?

 

Se poi uno è interessato alla propria Arte solo dal punto di vista storico, filosofico, eccetera, allora certamente dovrebbe essere libero di praticarla solo negli ambiti che gli interessano. Ma non vedo perché si debba 'schifare' il combattimento.

 

Altrettanto spesso si possono vedere, nei video di combattimento libero di uno stile di AM, movimenti e "principi" che hanno ben poco a che vedere con quello che viene praticato nel kata o comunque nell'allenamento controllato. Personalmente ritengo tutto questo molto strano: è un po' come (paragone totalmente improvvisato e probabilmente poco calzante) fare mille sforzi per comprare una barca a vela e poi farla andare a remi :vecchiocinese:

 

Ops... mi rendo conto di essere andato molto OT, forse sarebbe meglio aprire una discussione a parte sull'argomento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

C'è qualcuno che ha avuto esperienza diretta visitando il tempio di Shaolin oppure frequentando uno stage dei Monaci ad esso legati ?

Se qualcuno ha qualche esperienza diretta magari si potrà far un po di chiarezza sull'argomento, che sembra molto interessante.

Arte circense oppure massimi esponenti del mondo delle Arti Marziali ? :gocciolone:


Giuro sul mio Onore di Cintura Nera; di Preservare anziché Distruggere; di Evitare lo scontro anziché Confrontarmi; di Confrontarmi anziché ricevere del Male; di fare del Male anziché Storpiare; di Storpiare anziché Uccidere; di Uccidere anziché di Morire; di Morire anziché disonorare la mia Cintura.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cito un intervento su un'altro forum che frequento.

L'utente che l'ha postato è stato personalmente in Cina e personalmente mi sembra una persona molto onesta e preparata.

Nonostante questo mi sento di avvertirvi che il testo è piuttosto caustico e venato di risentimento.

Inoltre è estremamente lungo, quindi lo metto come spoiler.

 

 

 

Ho letto altrove che certa gente insiste a divulgare una "verità" su Shaolin molto lontana dalla realtà storica e basata solo e unicamente sulle solite favole di propaganda: a mio avviso ognuno è libero di credere a ciò che vuole, ma siccome questi personaggi spacciano le loro credenze per verità assolute accusando allo stesso tempo di ignoranza o peggio di agire in malafede chi presenta una realtà diversa dalla loro, mi sembra opportuno approfondire un po' l'argomento.

 

Nonostante le assurde smentite dei diretti interessati, vedi l'affermazione a dir poco ridicola contenuta in un'intervista rilasciata da Shi Su Xi (pace all'anima sua) secondo cui il monastero non sarebbe mai stato distrutto, tutte le fonti storiche, addirittura quelle cinesi disponibili presso la biblioteca nazionale di Beijing, parlano chiaramente delle varie distruzioni di Shaolin, in particolare quella del 1736 ad opera dei Qing e quella del 1928 ad opera dei Signori della Guerra. L'altrettanto documentata invasione giapponese dell'Henan del 1944 e successivamente la rivoluzione culturale di cui credo tutti siamo a conoscenza, completarono l'opera.

 

Molto probabilmente la vera fine di Shaolin risale proprio alla dinastia Qing quando vennero distrutti tutti i monasteri appartenenti o in qualche modo legati all'ordine in quanto individuati come covi di rivoluzionari: definisco tale ipotesi molto probabile poiché, dopo la distruzione del 1736, benché ricostruito il tempio di Henan e le attività in esso svolte rimasero per quasi 200 anni in uno stato di costante e profondo declino culminato con la distruzione del 1928, mentre il tempio di Fukien distrutto nel 1768 non venne mai più ricostruito.

Questa situazione viene testimoniata sia da fonti ufficiali quali la dichiarazione promulgata dal governo nel marzo 1842 in cui veniva denunciato lo stato decadente di Shaolin e ciò veniva attribuito all'incapacità degli abati di esercitare la propria leadership ed alla cattiva condotta dei monaci, fatti che esponevano il monastero a numerosi attacchi e furti da parte di ufficiali, soldati e briganti, sia da fonti letterarie come il poema "Shaolin Si Canguan" ("visita al tempio Shaolin") in cui l'autore Shi Yi Zan scrive:

 

"Who is there to know the doctrines of our Founders? For long the fine tradition of the temple has been abandoned. The enchanting martial arts are without their spell, to speak less of Buddhist doctrines being expounded!".

Non è un caso, infatti, che tutti gli stili tradizionali Shaolin e derivati da essi giunti fino a noi attraverso discendenze laiche, trovino origine e diffusione proprio a partire dal XVIII secolo quando i monaci sopravvissuti alla distruzione dei templi iniziarono a divulgare le proprie conoscenze alle popolazioni presso cui si rifugiarono.

 

Anche volendo tralasciare tale ipotesi per soffermarsi sull'ultimo secolo di storia, la situazione è comunque fin troppo chiara ed evidente.

Nel 1928 il Signore della Guerra Fang Cheng Xue usò il monastero come base e successivamente Shi You San, un ufficiale subalterno del Signore della Guerra Feng Yu Xiang, ordinò al proprio esercito di incendiare il tempio: l'incendio durò più di 40 giorni e distrusse la quasi totalità degli edifici, inclusa la biblioteca contenente moltissimi testi religiosi, medici e marziali.

Successivamente, come detto, il poco che restava del monastero, dei monaci e delle loro tradizioni venne spazzato via prima dall'invasione giapponese dell'Henan del 1944 (la situazione disastrosa e di totale abbandono in cui si trovava il tempio in tale periodo viene descritta dai resoconti del generale Pi Ding Jun inviato nell'Henan con le sue truppe a combattere gli invasori giapponesi) e poi dalla rivoluzione culturale durante la quale le pratiche marziali e religiose vennero proibite ed i monaci imprigionati, uccisi o nel migliore dei casi costretti alla fuga.

Solo nel 1974 venne ricostruita l'entrata principale del monastero, successivamente nel 1979 venne avviato un progetto di rinnovamento della zona seguito nel 1980 dall'ingresso nel tempio di quattro presunti monaci sopravvissuti e dalla nomina di una commissione tecnica governativa incaricata di reinventare le arti marziali di Shaolin ormai perdute, nel 1985 dall'investitura del nuovo abate Shi Yong Xin da parte del governo cinese e nel 1989 dalla costruzione del Wushu Guan seguito negli anni successivi da molti altri istituti sorti nella zona di Deng Feng dove da allora viene insegnato ad allievi locali e turisti di tutto il mondo il wushu partorito dalla commissione di cui sopra spacciato per "shaolin tradizionale", nonché il wushu moderno, il sanda ed in alcuni casi anche altre discipline non cinesi come ad esempio il Taekwon-Do.

Visto tutto quanto sopra, come ho già scritto in un altro mio post, basta guardare i dati anagrafici dei 4 presunti monaci sopravvissuti per rendersi conto che la versione ufficiale sulla "rinascita" di Shaolin non regge: Shi De Chan (1907 - 1994) lasciò il monastero a 21 anni e vi fece ritorno a 73, Shi Xing Zhen (1914 - 1986) se ne andò quando aveva 14 anni e al suo ritorno ne aveva 66, Shi Su Yun (1923-1999) all'abbandono aveva 5 anni ed al ritorno ne aveva 57, Shi Su Xi (1924 - 2006) se ne andò a 4 anni mentre al suo ritorno ne aveva 56.

Da questi dati emerge che l'unico tra questi signori a poter essere realmente entrato a Shaolin prima della sua distruzione del 1928 imparando anche qualcosa di concreto è Shi De Chan, dalla cui biografia si possono trarre interessanti informazioni.

Nato nel 1907 presso il villaggio di Zuo Zhuang (Deng Feng - Henan), nel 1916 entrò nel monastero di Shaolin dove, come da tradizione, nei primi anni della sua permanenza venne sottoposto ai lavori più umili.

Vista la sua perseveranza e devozione, nel 1921 il maestro anziano Zhen Jun dispose che De Chan venisse inviato a studiare la medicina tradizionale con il monaco Ji Xue presso il monastero Huang Wan. Nel 1924 De Chan tornò a Shaolin dove studiò il buddismo chan con il monaco Shi Su Gang e nel 1927 venne ordinato monaco ordinario e medico, pertanto di suoi eventuali studi marziali non c'è traccia.

Dal 1928 al 1980 visse sulle montagne circostanti il monastero raccogliendo erbe e producendo con esse medicinali per le popolazioni locali.

Nel 1980 fece ritorno a Shaolin dove, dal 1981 al 1983, si dedicò alla stesura di due opere: "Shaolin Quan Pu" consistente in 38 volumi contenenti quanto prodotto dalla commissione tecnica di cui sopra presieduta dallo stesso De Chan evidentemente per dare al tutto maggior credibilità visto che dai dati oggettivi citati le sue conoscenze marziali risultano essere nulle, e "Shaolin Ben Cao" consistente in 5 volumi dedicati alla medicina tradizionale del tempio.

Nel 1983 iniziò l'insegnamento della medicina tradizionale ai discepoli del monastero.

Shi De Chan morì nel 1994.

Da tutto ciò si può facilmente notare come, se a Shaolin esiste ancora qualcosa di autentico, riguarda solo e unicamente la medicina tradizionale, non certo le arti marziali per i motivi ampiamente illustrati, o il buddismo chan trasformato dal governo in una vuota filosofia privata di ogni contenuto religioso.

 

Anche in questo caso, oltre a fonti storiche, ci sono fonti letterarie che ben testimoniano la reale situazione di Shaolin successiva alla sua "rinascita" degli anni '80, come ad esempio il già citato libro "La Porta Proibita" di Tiziano Terzani, noto giornalista e scrittore italiano prima "rieducato" e poi espulso dalla Cina proprio per le scomode verità che portò alla luce e denunciò attraverso i propri scritti.

 

 

La rinascita delle arti marziali*

 

Maestro... Sono pronto. Nessun sacrificio mi scoraggerà. Nessuna privazione mi fermerà. Lasciatemi venire e sarò vostro devoto discepolo... La lettera era arrivata dalla lontana Europa e il vecchio abate del monastero di Shaolin, nascosto tra le aride, rocciose scarpate di Song Shan, la montagna sacra della Cina centrale, nella provincia di Henan, non poté leggerla e così la passò alla polizia. Lì la lettera si perse tra la massa di altre lettere simili, scritte da giovani di tutto il mondo per supplicare di essere accolti come discepoli dai monaci del famoso tempio dove più di 1400 anni fa nacquero il buddismo Zen e l'arte mortale dei Kung fu. L'aspirante europeo non ricevette mai risposta. Tanto meglio per lui. Se gli fosse stato permesso di venire a Shaolin, avrebbe ricevuto un duro colpo: gran parte dei monastero è in rovina, le statue di Budda sono nuove e di gesso dipinto, i pochi monaci sopravvissuti sono vecchi e tremanti, incapaci di alzarsi dal letto e ancor più di spaccare mattoni coi loro pugni o di saltare a piè pari al di là di alti muri. i giovani novizi sono deboli e pallidi, alcuni persino storpi. il Kung fu non è più praticato nel tempio; la famosa sala, dove attraverso i secoli monaci in addestramento hanno battuto i loro piedi callosi per terra facendo avvallare il pavimento di pietra, è coperta di polvere. Gli undici pali di legno alti due metri, sulla cima dei quali i vecchi maestri facevano saltare e rincorrersi i novizi per aumentare la loro agilità e rafforzare il loro senso dell'equilibrio, sono fuori uso, sepolti nella sabbia. Gli unici monaci lottatori che si vedono in giro sono quelli dipinti negli affreschi dei tempio che, in passato, gli apprendisti usavano come fossero un libro di testo per imparare i colpi mortali tra una seduta di meditazione e l'altra. Shaolin Si, il Monastero della Giovane Foresta, oggi non è un centro né di meditazione buddista né d'arte marziale. E' semplicemente un'ennesima attrazione turistica dove ogni giorno centinaia di cinesi, e per ora solo alcuni turisti stranieri, vengono portati a curiosare tra i poco ispiranti cortili del tempio, tra le bancarelle gestite da monaci che vendono cianfrusaglie e souvenir, tra cui - colmo dell'assurdità - dei piccoli crocifissi con la parola "Cristo" sul retro. I monaci di Shaolin vennero meno alla loro reputazione di grandi lottatori al tempo della Rivoluzione Culturale. Quando le Guardie Rosse, nel 1966, arrivarono qui per "eliminare le vestigia del passato", nessuno dei duecento monaci che erano sopravvissuti sotto il regime oppose resistenza. Le statue di Budda furono abbattute e fatte a pezzi, i muri vennero impiastricciati di slogan maoisti, la maggior parte dei monaci fu mandata a lavorare nei campi, un gruppo dei più vecchi venne messo sotto chiave in un cortile separato del tempio, e Shaolin fu chiuso. Tutta la letteratura cavalleresca concernente Shaolin finì alle fiamme, e anche la semplice pratica dei Kung fu venne attaccata dagli ideologi del tempo come "immondizia feudale". La tradizione di Shaolin, però, sopravvisse, anche se fuori della Cina. "Tutte le arti marziali dei mondo sono nate a Shaolin", è un vecchio modo di dire cinese; ed è vero che gli esperti di varie forme di lotta, dal judo al karate giapponese, al gumdo coreano, considerano il vecchio tempio nella provincia di He-nan come il sacro luogo d'origine della loro arte. All'inizio degli anni '60, King Wu, un regista di Hong Kong, lanciò con il film "Un tocco di zen" un nuovo genere di western cinese, appunto basato sulle avventure dei monaci di Shaolin. L'industria cinematografica di Hong Kong prese la palla al balzo e una dozzina di film, che avevano per protagonista Bruce Lee, fecero diventare il Kung fu uno sport popolarissimo prima nel Sud-Est asiatico, poi in tutto il mondo. Dopo la morte di Mao e la caduta della Banda dei Quattro nel 1976, i nuovi dirigenti cinesi si resero conto che il Kung fu era una vera miniera d'oro e che era assurdo lasciarla sfruttare ad altri i quali, dopotutto, non avevano neppure il tempio di Shaolin. Fu cosi che Pechino decise di investire denaro per la riparazione e la riapertura del tempio, che alcuni monaci vennero ripescati, riabilitati e rimessi a vivere a Shaolin. E fu cosi che la povera, grigia Deng Feng, la cittadina ai piedi del Song Shan, la montagna sacra che nel frattempo era stata spogliata di tutte le sue celebri foreste, fu messa sulla carta turistica della Cina. La sonnolenta contea di Deng Feng, a sud del Fiume Giallo, è stata invasa da una marea di persone che volevano vedere il tempio sacro e imparare i segreti che vi si conservavano. Per accogliere i gruppi turistici, le autorità del luogo hanno costruito un motel, mentre sono comparse per i viaggiatori meno abbienti una dozzina di gan dian (alberghi asciutti, cioè senza il servizio dell'acqua) gestiti da privati. Un'autostrada larga dieci metri è stata aperta fra Deng Feng e il tempio; un "negozio dell'amicizia" ha cominciato a funzionare, accanto all'ingresso di Shaolin, vendendo Coca Cola e birra. L'Associazione per le arti marziali è stata costituita per addestrare giovani lottatori e per organizzare speciali rappresentazioni di Kung fu per i turisti, ovviamente a pagamento. Al momento, i lottatori mettono in scena il loro spettacolino nello spiazzo per gli autobus davanti al motel. Per far fronte alle migliaia di lettere, alcune scritte col sangue, di giovani che vogliono imparare il Kung fu, le autorità hanno consentito l'apertura di scuole e palestre a Deng Feng. "E gli stranieri?" chiedo. "Abbiamo ricevuto lettere da tutti gli angoli del mondo", dice il direttore degli Affari Esteri della contea. "Alcuni sono disposti a tutto pur di venire qui, ma questa è una cosa che non possiamo decidere noi. Il permesso deve venire da Pechino." per il momento Pechino permessi simili non li dà. Nelle scuole cresciute attorno al tempio ci sono 500 bambini che studiano le arti marziali: 300 sono di qui, 200 vengono da altre parti, anche lontane, della Cina. "Ho visto il film e ho supplicato i miei genitori di mandarmi qui. Voglio studiare bene, e forse un giorno potrò anch'io essere in un film", dice un ragazzino timido e magro arrivato qui un anno fa da un villaggio nella provincia di Guizhou, a duemila chilometri di distanza. Rimarrà a Deng Feng per cinque anni. La scuola si trova in una fornace abbandonata ai piedi della montagna, sulla via della pagoda di mattoni di Song Yeu, il più vecchio edificio di questo tipo in Cina. La vita dei ragazzi è spartana: tutti e tredici (due sono ragazze) dormono su un pancone di legno e mangiano in un refettorio. Sveglia alle sei, corsa e, tutto il giorno, esercizi e studio. Benché i "novizi " non facciano più alcuni degli esercizi dolorosissimi dei novizi di un tempo, le loro mani e i loro piedi sono pieni di piaghe, vesciche e graffi causati dal ripetuto picchiare contro i sacchi di sabbia. La scuola è gestita da una cooperativa agricola, la quale ha pensato bene di impiegare uno dei suoi contadini che era stato monaco di Shaolin fino all 1949. La retta che gli studenti pagano, e che comprende vitto, alloggio e lezioni di Kung fu, è di 30 yuan al mese. Per la cooperativa agricola è un buon affare, per gli studenti che la frequentano è un investimento (30 yuan corrispondono alla metà di uno stipendio medio operaio): in un paese dove la disoccupazione fra i giovani è in aumento, essere maestro di Kung fu, ora che i vecchi si stanno estinguendo, vuol dire certezza di lavoro ed eventualmente anche di fama. Di queste scuole gestite dalle cooperative ne esistono una dozzina, mentre altre tre sono amministrate dalle scuote della contea. Inoltre ci sono alcuni contadini che, affermando di essere stati monaci nel tempio, hanno cominciato a prendere a pensione dei giovani e a dare loro lezioni private per 25 yuan al mese. Non tutti gli allievi sono soddisfatti. "Volevo imparare ad attraversare i muri e a saltare sui letti, ma qui tutto quello che mi fanno fare è ginnastica", dice un ragazzo di quindici anni venuto dalla manciuria. gli istruttori di Kung Fu di Deng Feng dicono che la delusione fra gli studenti è comune nelle prime settimane, ma che poi passa e che quasi nessuno se ne va, una volta che è stato ammesso. "il problema è che molti giovani arrivano con idee sbagliate. Pensano che il Kung fu sia quello che vedono al cinema", dichiara il preside della scuola numero 15 di Deng Feng. " Noi non possiamo insegnare a fare miracoli." A parte i " miracoli", le scuole di arti marziali di Deng Feng, ora, sotto la supervisione delle autorità locali, non insegnano nemmeno alcune mosse classiche del Kung fu, tipo il "colpo assassino della tigre" e il "calcio mortale dei bue", con cui si può uccidere un avversario. "Queste mosse sono troppo pericolose e lo Stato non incoraggia simili attività", afferma Liang Yichang, vicedirettore dell'Associazione per le arti marziali, discendente da una famiglia di grandi maestri di Kung fu. "Ora dobbiamo addestrare dei bravi lottatori, ma anche dei bravi cittadini." Certo è che il Kung fu si è reso utile a Deng Feng, dove, secondo il piano approvato da Pechino, il Kung fu sarà al centro dello sviluppo economico di questa regione, sarà la grande attrazione turistica, la merce più importante per l'esportazione in questa povera contea fino a poco tempo fa sconosciuta, isolata e arretrata. Le attrezzature turistiche della contea verranno ingrandite con l'aiuto di società di Hong Kong. Tra cinque anni* Deng Feng comincerà a sfornare i primi "laureati" in Kung fu (ci vogliono dai sei agli otto anni per diventare un buon professionista) e si prevede che allora il totale degli studenti si aggirerà attorno ai 15.000. "Sarà Deng Feng a fornire all'intera Cina i maestri di Kung fu", dichiara con orgoglio Wu Chende, della commissione provinciale per lo sport. Che cosa ha a che fare tutto questo con il monastero Che cosa con i monaci? "Le arti marziali non hanno bisogno del buddismo per vivere", dice Wang, dell'ufficio Esteri. "I monaci si occupino della religione ché noi ci occupiamo dello sport." In verità, gli undici monaci che vivono ora nel complesso di Shaolin non sono neppure liberi di occuparsi della religione perché lo Stato, che incoraggia e finanzia la rinascita del Kung fu, non incoraggia affatto la rinascita del buddismo, anzi non la vuole. Il monastero di Shaolin è ora controllato da tre unita diverse (l'ufficio per i Beni Culturali, l'Associazione patriottica buddista e... l'ufficio per i Parchi e i Divertimenti): tutte tre le unità sono sotto il controllo del Partito e i monaci che vivono di nuovo nel tempio non hanno il permesso di fare proseliti, di insegnare la religione, o di scegliere i loro discepoli. "Molti giovani sono venuti qui perché volevano diventare monaci, ma abbiamo dovuto rifiutarli" , afferma l'abate De Chan. "Solo lo Stato può fare questa scelta, e allo Stato piacciono coloro che hanno una buona motivazione e buona faccia." Negli anni passati quattordici novizi sono stati reclutati dallo Stato per il monastero: tre sono stati mandati a studiare il buddismo a Nanchino, gli altri lavorano come assistenti dei vecchi monaci. Quello assegnato a De Chan è zoppo e tonto, e sembra che lo Stato lo abbia mandato qui perché non sapeva altrimenti che farsene. "I vecchi monaci stanno morendo e ce ne occorrono di nuovi per tenere in vita Shaolin", dice in tutta onestà un funzionario della provincia. Ovvio: il monastero è un elemento indispensabile per la rinascita e lo sfruttamento dei Kung fu, sia come sport sia come attrazione turistica; ed è per questo che Shaolin è stato riaperto, che sono stati fatti investimenti e che i vecchi monaci sopravvissuti alla Rivoluzione Culturale sono stati riportati qui a far da comparse su questo palcoscenico rimesso a nuovo. L'ultimo ad arrivare è stato l'abate Hai De, ottantaquattro anni, famoso perché da giovane era capace di restare in aria appoggiandosi solo con due dita per terra e perché da sessant'anni a questa parte non ha mai dormito in un letto, bensì seduto come, nella sua caverna, fece Da Mo, che 1400 anni fa creò questa inseparabile combinazione di Kung fu e di meditazione. Ora, questa tradizionale unità di meditazione e azione è finita proprio qui dove nacque. Buddismo e Kung fu debbono per forza avere un destino diverso. Seduto sul suo letto, l'abate De Chan si accarezza le lunghe sopracciglia e, guardando nel vuoto, sorride come ci scoprisse cose che io non riesco a immaginare: "Il futuro dei buddismo, con i miei occhi, non riesco a vederlo, ma vedo quello del Kung fu. Ce l'ho tutto attorno". Accanto alle mura rosso-sangue del tempio, squadre di operai - patrioti stanno tirando su le pareti di una palestra di Kung fu, mentre altri scavano le fondamenta di un nuovo albergo per turisti.

 

Tratto da "La porta proibita" di Tiziano Terzani, ed. Longanesi

*Questo reportage risale al 1984

Altra favola è quella secondo cui dall'incendio della biblioteca del monastero si sarebbero salvati numerosi testi oggi custoditi dai monaci ecc ecc… Dall'incendio del 1928 e dalla successiva distruzione sistematica della cultura cinese operata durante la rivoluzione culturale, si è salvato pochissimo: qualche scrittura buddista, qualche testo di medicina e, tra i testi storici e tecnici, i più rilevanti sono "Shaolin Si Wénjiàn" (Documenti sul tempio Shaolin) e "Shaolin Si Wu Gong Wénjiàn" (Documenti sulle arti marziali del tempio Shaolin) i quali descrivono le vicissitudini storiche del monastero, l'origine e le caratteristiche dei vari stili, ma non sono assolutamente manuali da cui qualcuno avrebbe potuto recuperare stili e forme antiche. E' curioso ad esempio notare come in questi testi si parli diffusamente dell'origine del Wu Xing Quan e del Tang Lang Quan, e come questi stili oggi esistano a Shaolin solo in forma moderna: l'ennesima dimostrazione eclatante che oggi, in ciò che viene praticato e diffuso dai monaci, le uniche cose autentiche rimaste sono solo ed esclusivamente i nomi di qualche stile e forma, sicuramente tratti dai testi sopra citati per dare a tutto una parvenza di autenticità.

Per inciso, i più antichi volumi prettamente tecnici presenti e custoditi oggi a Shaolin, includono centinaia di forme e, come si apprende dalla biografia di Shi De Chan citata in precedenza, vennero compilati negli anni '80 successivamente all'opera della commissione di cui sopra, pertanto la loro attendibilità ed il loro valore storico è pari a zero.

Va anche sottolineato come anticamente i "manuali" relativi alle CMA, non solo Shaolin, fossero compilati dai maestri per i propri allievi sottoforma di "poemi" in modo da contenere valide istruzioni per chi aveva studiato gli stili a cui si riferivano e risultare allo stesso tempo incomprensibili ed inutilizzabili per chiunque altro ne fosse entrato in possesso: i "manuali segreti" con disegnetti ed istruzioni tramite cui chi li trova impara dal nulla stili perduti, sono fantasie dei film di Hong Kong anni '70 …e di Shaolin dagli anni '80 in poi.

 

Concludendo, preciso che sono di origine cinese, sono stato più volte e per lunghi periodi di studio a Shaolin - Deng Feng, ho studiato e pratico sia lo Shaolin dei monaci che le principali correnti laiche, non insegno e non ho attività legate alle CMA, pertanto non ho alcun interesse personale a promuovere o screditare una cosa piuttosto che l'altra.

 

Alla luce di tutto quanto sopra, mi sembra palese che eventualmente l'ignoranza o la malafede finalizzata a denigrare gli altri per vendere meglio il proprio prodotto risiedono da un'altra parte, magari a casa di chi nella vita ha visto e praticato solo wushu moderno e, dopo essere stato un paio di volte a Shaolin, si atteggia a grande esperto cercando di colmare evidenti ed abissali lacune di conoscenza o di nascondere una scomoda realtà con favole proposte con arroganza e presunzione come se fossero verità inconfutabili.

Questo mio intervento vuole essere unicamente la dimostrazione che chi esprime dei dubbi sull'autenticità dell'odierno monastero di Shaolin, delle attività legate ad esso e dei suoi monaci, lo fa con cognizione di causa e non certo per ignoranza od interesse: ripeto, ognuno è comunque libero di credere a ciò che vuole, ma chi propone qualcosa come "verità", invece di farlo basando tutto su luoghi comuni e slogan propagandistici ed etichettando come ignoranti od opportunisti gli altri dimostrando oltretutto profonda maleducazione, alla faccia del chan che qualcuno afferma non solo di conoscere e seguire ma addirittura di insegnare, farebbe meglio a fondare le proprie affermazioni su dati reali e concreti, e se non è in grado di farlo, farebbe meglio a tacere e riflettere.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie della testimonianza Khuran!

Queste informazioni sono molto importanti, sopratutto se provenienti da persone "sapienti" nel campo. aaarigatou.gif


Il Budo è essere una cosa sola con l'universo... M. U.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con gli interventi di Khuran e Gizer.

Certo l'uso del termine "capitalismo" in modo un po' marxista lo avrei evitato, io avrei utilizzato il termine "mercificare", dare un valore materiale a tutto e mettere l'Interesse al primo posto.

Quanto alla "purezza" del Wing Chun, vorrei dire a Gizer che anche lì non se ne viene a capo: ci sono decine di associazioni, di federazioni, scissioni, autoproclamazioni, ecc...all'inizio pensavo anch'io che il Kung Fu, tradizionalmente evoluto, fosse quello di Leung Ting (maestro di Emin Botzep, Bruce Lee, ecc...) ma anche al loro interno ci sono state scissioni e baruffe varie.

Un'arte marziale pura oggi giorno non potrebbe sopravvivere, sono pochi gli affamati di movimento e spirito, alla ricerca della Via.


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con gli interventi di Khuran e Gizer.

Certo l'uso del termine "capitalismo" in modo un po' marxista lo avrei evitato, io avrei utilizzato il termine "mercificare", dare un valore materiale a tutto e mettere l'Interesse al primo posto.

Quanto alla "purezza" del Wing Chun, vorrei dire a Gizer che anche lì non se ne viene a capo: ci sono decine di associazioni, di federazioni, scissioni, autoproclamazioni, ecc...all'inizio pensavo anch'io che il Kung Fu, tradizionalmente evoluto, fosse quello di Leung Ting (maestro di Emin Botzep, Bruce Lee, ecc...) ma anche al loro interno ci sono state scissioni e baruffe varie.

Un'arte marziale pura oggi giorno non potrebbe sopravvivere, sono pochi gli affamati di movimento e spirito, alla ricerca della Via.

 

ho usato capitalismo perchè non mi veniva in mente nessun altro termine, non era mia intenzione far politica ^^

 

Per quanto concerne il Wing Chun ero al corrente delle varie correnti come ad esempio il Wing Tzun (se si scrive così) e i vari maestri che dicono di essere i veri detentori di quello tradizionale, personalmente non conosco tutte le correnti di pensiero al riguardo e non conosco i vari Sifu, però c'è chi sostiene (fra i praticanti di tale disciplina) che ci sono dei "parametri" per sapere quale associazione è più vicina alla tradizione, poi non so, come già detto non sono un esperto...

 

Purtroppo la tua ultima frase è una grande verità, e me ne dispiace molto, e non mi stupisce di vedere in internet maestri che atterrano i propri allievi a suon di colpi di "ki" neanche fossero in un cartone animato...

 

che delusione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pratico Kung fu, esattamente stile shaolin e vi posso confermare che a Shaolin ormai è diventata una vera e propia arte circense. Chi come me lo pratica non nella sua parte acrobatica ma segue la via originale, vi posso garantire che con gli anni diventa un'arma umana. Ci sono allenamenti per rinforzare le ossa come spranghe d'acciaio, metodi di meditazione che fan diventare la muscolatura così tanto carica di energia da non sentire i colpi e vi garantisco che funzionano, dato che gli ho sperimentati io stesso prima di partecipare ad un torneo(anche se a bassi livelli)di combattimento.

é un'arte marziale complessa che si è evoluta nei secoli, ma aimè molte palestre spacciano per shaolin altri stili. Dietro inoltre mi sembra corretto imparare i principi stessi di quest'arte, cosa che si va perdendo.

il Wing chu, nome corretto YONG CHUN QUAN è diventato commerciale anche più dello shaolin...che barbaria.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante