Vai al contenuto

Iscrizione/rinnovo NBTHK Italian Branch

comunicazione di servizio

turimoto

scheda di un principiante

Messaggi consigliati

Ecco come consigliato da Sandro una scheda tecnica di una lama (non voglio ancora chiamarla katana per rispetto dei maestri di questo forum) metto accanto la spiegazione in italiano semplicemente perche non sò se è giusto ciò che scrivo visto che la mia fonte di traduzione e E. bay(Sandro spero mi aiuterai a capirci qualcosa)

NAGASA(LUNGHEZZA LAMA DA NAKAGO A PUNTA) CM 66,5

NAKAGO(CODOLO)CM 17,8

KISSAKI (PUNTA) CM 3,8

SORI (CURVATURA SU UN PIANO) CM 2,35

MOTO KASANE (SPESSORE BASE) MM 8,5

SAKI KASANE (SPESSORE PUNTA) MM 6

HA MACHI (GRADINO LATO SUPERIORE) MM 2

MUNE MACHI (GRADINO LATO LAMA MM 1

MOTO HABA (LARGHEZZA LATO TSUBA) MM 30,5

SAKI HABA (LARGHEZZA LATO PUNTA) MM 21,6

PESO GRAMMI 730

LAMA MU MEI (ALMENO NON SI VEDE)

AGGIUNGO FOTO NUOVE (OLTRE QUELLE PUBBLICATE IN PRESENTAZIONE) PERCHE OGGI GUARDANDO IN CONTROLUCE SI VEDE UN UN HAMON BLUASTRO CHE NORMALMENTE NON SI VEDE SPERO SI VEDA DALLE FOTO E LA GRANA DELL'ACCIAIO CHE SEMBRANO TANTI GRANI DI RISO FITTISSIMI.

RINGRAZIO I MEMBRI CHE MI DARANNO CONSIGLI SU DOVE HO SBAGLIATO E PER CAPIRE SE QUESTA LAMA E' ORIGINALE OPPURE UNA CIOFECA :-))

16052010348.jpg

16052010349.jpg

16052010350.jpg

16052010351.jpg

16052010352.jpg

16052010353.jpg

16052010355.jpg

16052010356.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

RINGRAZIO I MEMBRI CHE MI DARANNO CONSIGLI SU DOVE HO SBAGLIATO E PER CAPIRE SE QUESTA LAMA E' ORIGINALE OPPURE UNA CIOFECA :-))

 

 

Ciao, non sembrerebbe una ciofeca ma purtroppo, la tua fortuna nei ritrovamenti non è pari alla tua abilità come fotografo.

Anche con i dati della scheda, è arduo trovare una collocazione, almeno temporale della lama, che in ogni caso daterei successivamente al 1700 (basandomi sopratutto sulla forma del Nakago).

Sempre esaminando il Nakago e supponendo che le immagini non traggano in inganno, sembrerebbe che la lama sia ancora da rifinire oppure che la stessa sia opera di un principiante.

Qualsiasi forgiatore, anche di basso livello, pone estrema attenzione e cura nella finitura del Nakago perchè rappresenta la tavolozza sulla quale, eventualmente, incidere la propria firma.

 

In ogni caso, chi ha realizzato lo Yasurime nel Nakago doveva essere mancino.

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo altri dubbi a quelli che già mi ronzano in testa, turimoto.

 

Di sicuro ci sono gravi imprecisioni nella forma della lama, non solo nel nakago come dice Paolo, ma anche nel boshi.

Potrebbero essere a seguito di molature o maltrattamenti vari, ma anche di una forgiatura fatta male o addirittura di un imitazione.

 

Davvero, credo che l'unica sia vederla dal vivo.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... se non ho visto male ci sono anche numerosi graffi dovuti al solito incauto che ha tentato una " politura casalinga ".

Visto che te la sei portata a casa ad un prezzo ragionevole, potresti pensare seriamente di valorizzarla sottoponendola ad una vera politura.

Parrebbe autentica, ma con queste foto non si può dire molto di più. Quoto sia Paolo che Yama.

:vecchiocinese:


Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio tutti per i preziosi consigli.In effetti le condizioni sono molto pietose ma.............vorrei fare delle considerazioni che naturalmente sono di un profano.

1)Che la lama sia penso sia un dato di fatto vista la ruggine sul nakago

2)Che abbia fatto la sua vita e il suo mestiere è assodato(vedi foto su presentazioni dove si vede chiaramente un colpo da impatto)

3)Che sia da rifinire è vero infatti anche sulla grana della lama si vede che andava ancora polita ci sono dei piccolissimi buchi

4)Quoto Paolo sul forgiatore che era mancino.Ma dirò di più...era fatta per un mancino.E' la prima cosa che ho notato infatti dopo che l'ho vestita(abiti in prestito dalla mia yoshi) ho notato che quando la uso con la mano sinistra e molto più

Allora lancio una cazzz.....

Non può essere una lama di prova?

Infatti a parte il peso(730 grammi)

Ha una tempra molto dura (fidatevi)

Ha un equilibrio strano (l'altra mi sembra una zappa al confronto)

E soprattutto quel strano disegno sul nakago(vedi foto 6)

Sembrerebbe come una prova a fare un disegno a rilievo

Anche se poi il forgiatore ha abbandonato tutto senza rifinirlo ma...........

Invece di distruggere la lama l'ha montata e data a qualcuno forse per provarla.

Sò di avere detto una marea di scemenze e di questo chiedo venia

ma sapete tenerla in mano dà strane sensazioni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Valuta bene. Il prezzo del togi+habaki+shirasaya potrebbe essere superiore al valore della lama.

 

ieri ho comperato un pezzo di radica di ulivo......sai il mio mestiere richiede molta manualità

ed adesso che sò che vale poco farò degli esperimenti e proverò a vestirmela da solo.

ho un buon laboratorio e sò lavorare i metalli abbastanza bene.

Tanto provare costa poco e dà tante soddisfazioni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4)Quoto Paolo sul forgiatore che era mancino.Ma dirò di più...era fatta per un mancino.E' la prima cosa che ho notato infatti dopo che l'ho vestita(abiti in prestito dalla mia yoshi) ho notato che quando la uso con la mano sinistra e molto più

 

Non mi risultano spadaccini, nè lame per, mancini nella tradizione giapponese. :checcevofa:

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il tōshō poteva anche essere mancino, ma uno spadaccino mai. Nella scherma essere mancini era considerato gohatto (infrazione del codice), di conseguenza si veniva corretti sin da bambini :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

1)Che la lama sia penso sia un dato di fatto vista la ruggine sul nakago

Attenzione al tipo di ruggine! - Ruggine "nera": lama antica (tre-quattrocento anni minimo) - Ruggine "rossa": lama recente (non più di uno o duecento anni)

2)Che abbia fatto la sua vita e il suo mestiere è assodato(vedi foto su presentazioni dove si vede chiaramente un colpo da impatto)

Ci possono anche aver giocato e sbattuto la lama contro lo spigolo di un gradino

3)Che sia da rifinire è vero infatti anche sulla grana della lama si vede che andava ancora polita ci sono dei piccolissimi buchi

Più che indice di lama da rifinire li considererei indice di forgiatura non perfetta

4)Quoto Paolo sul forgiatore che era mancino.Ma dirò di più...era fatta per un mancino.E' la prima cosa che ho notato infatti dopo che l'ho vestita(abiti in prestito dalla mia yoshi) ho notato che quando la uso con la mano sinistra e molto più

Allora lancio una cazzz.....

Non può essere una lama di prova?

Infatti a parte il peso(730 grammi)

Il peso è corretto per una lama con quella geometria - anzi direi che è molto leggera considerando il Kasane di 8,5 mm

Ha una tempra molto dura (fidatevi)

Ha un equilibrio strano (l'altra mi sembra una zappa al confronto)

E soprattutto quel strano disegno sul nakago(vedi foto 6)

Sembrerebbe come una prova a fare un disegno a rilievo

Secondo me è solo forgiato in modo un poco approssimativo anche se poi lo Yasurime sembra ben fatto

Anche se poi il forgiatore ha abbandonato tutto senza rifinirlo ma...........

Invece di distruggere la lama l'ha montata e data a qualcuno forse per provarla.

Sò di avere detto una marea di scemenze e di questo chiedo venia

ma sapete tenerla in mano dà strane sensazioni

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ieri ho comperato un pezzo di radica di ulivo......sai il mio mestiere richiede molta manualità

ed adesso che sò che vale poco farò degli esperimenti e proverò a vestirmela da solo.

 

 

Radica di ulivo per fare una Shirasaya ? A parte il gran peso risultante, penso tu abbia voglia di impazzire in fase di lavorazione e di dedicarti poi per mesi agli aggiustaggi conseguenti agli assestamenti di quel tipo di legno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Radica di ulivo per fare una Shirasaya ? A parte il gran peso risultante, penso tu abbia voglia di impazzire in fase di lavorazione e di dedicarti poi per mesi agli aggiustaggi conseguenti agli assestamenti di quel tipo di legno.

 

E questo il bello il fare una cosa che sembra impossibile........

potrei benissimo prendere una shirasaya su e.bay o da un mio amico armiere (lo farò perche non posso vederla cosi messa fuori oppure dentro quello della yoshi,e

la tengo nella casa di campagna dove non manca l'umidita)ma sarà una cosa provvisoria poi le preparo uno apposta per lei.E siccome io ho origini siciliane e conosco bene quel legno voglio fare la parte a vista con quello, dentro stò studiando cosa mettere per alleggerire e possibilmente proteggere.

P.S. La ruggine è nera ed ho provato in una piccola parte a toglierla per vedere se era falsa...solo con la punta del coltello sono riuscito a scalfirla e non volevo usare la lima.ma possono essere resti della forgia?

Un grazie delle precisazioni ma io ho detto che dicevo probabilmente fesserie

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho dimenticato di dire che anche sul dorso della lama(che invece è rifinito veramente bene sembra uno specchio)ci sono tre segni di impatto con altre lame sono troppo piccoli per vedersi nelle foto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno deve riportare la cosa sui binari.. pare che tocchi a me il compito ingrato :gocciolone:

 

Voglio essere estremamente sincero; da quel che vedo la lama è abbastanza un rottame. Scusa per la durezza ma, per l'ennesima volta mi tocca ripeterlo... dovremmo occuparci / studiare ben altre cose.

 

In attesa di smentite da parte di un togishi affermato e che ne sappia, oppure di uno shinsa in Giappone, posso assicurarti che quello che hai in mano non vale il costo della politura ne tanto meno il costo di un habaki / shirasaya nuovi.

 

Il discorso del fabbro mancino era una battuta, non esiste il tosho destro o mancino o l'utilizzatore alla stessa stregua.

 

E questo il bello il fare una cosa che sembra impossibile........

 

E anche inutile e totalmente sbagliata. Già che ci sei fatti la carrozzeria dell'auto in ghisa sferoidale.

 

potrei benissimo prendere una shirasaya su e.bay o da un mio amico armiere

 

no, non puoi. Nessuno shirasaya viene venduto da nessuno, vanno costruiti apposta per la lama in oggetto.

 

P.S. La ruggine è nera ed ho provato in una piccola parte a toglierla per vedere se era falsa...solo con la punta del coltello sono riuscito a scalfirla e non volevo usare la lima.ma possono essere resti della forgia?

 

Il fatto che la lama sia presumibilmente un rottame non ti autorizza a rovinarla ulteriormente. Portala da un togishi e valuta se restaurarla o meno, in ogni caso, non rovinarla ulteriormente.

 

Un grazie delle precisazioni ma io ho detto che dicevo probabilmente fesserie

 

Figurati. Non si nasce "imparati", e spero che, nonostante la durezza delle mie parole (necessarie dopo le ultime tue divagazioni) tu possa prendere la cosa positivamente e accetti finalmente il consiglio (è un ordine!!! :happytrema: ) di portarla da un togishi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già che ci sei fatti la carrozzeria dell'auto in ghisa sferoidale.

Questa è bella ! :marrotolo:

 

Turimoto non prendertela, considera che conoscendo la suscettibilità (motivata) dei frequentatori di questo forum in merito al "fai da te", penso che leggere gli ultimi interventi sia stata per loro un esercizio estremo di pazienza.

 

Quando devi farti un vestito importante vai da un sarto che te lo fa su misura, allo stesso modo, essendo le nihonto tutte importanti, la shirasaya è sempre su misura.

 

Il ruolo della shirasaya non è solo quello di astuccio dove riporre una lama, ma è un abito attillato "a tenuta stagna" per la tua lama per evitare cose come l'umidità ad esempio, e per questo il legno migliore è la magnolia.

 

Se ti vuoi cimentare nella costruzione di una shirasaya questo forum è pieno di consigli sul modo corretto di eseguire le lavorazioni, perchè anche un modo di lavorare la shirasaya sbagliato può danneggiare la tua lama.

 

NON usare nulla sulla lama che non sia : olio choji, carta di riso, uchiko !

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Magari.......ne conosci qualcuno nelle vicinanze di Trieste?

perche sarà pure un rottame ma sarei curioso di sapere che rottame è.

Ci sono rottami di ferrari(che valgono una paccata di soldi)

e rottami di fiat(nemmeno il costo della fonderia)

Modificato: da Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

NON usare nulla sulla lama che non sia : olio choji, carta di riso, uchiko !

E' quello che stò usando(guardate che la prova l'ho fatta su una parte piccolissima e nascosta.

infatti dicevo se era possibile ricreare la ruggine nera in fonderia visto che è sopra i colpi di lima

Stò semplicemente valutando se vale la pena farmi 500 km per un pezzo di ferro che compro a 30€ su e.bay

Non sono comunque suscettibile io sono uno cui piace imparare e di solito scelgo i migliori anche a rischio di fare brutte figure

Modificato: da Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fatti un regalo, visto che sei stato così fortunato, partecipa all'incontro del 22 c.m. a Sesto Fiorentino: http://www.intk-toke...=36entry72685 Ti porti dietro la lama e vedrai che ti sapranno dire se vale la pena di polirla.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante