Vai al contenuto
daisan

NON FIDIAMOCI di ALCUNE DITTE DI TRASPORTO!

Messaggi consigliati

Konbanwa. Conosciamo tutti le difficoltà per ottenere i permessi di importazione delle nipponto. Orbene, mi pare sia il caso di raccontarvi una mia sventurata esperienza, dopo aver ottenuto dalla Questura di Milano il regolare permesso di importazione che ho dovuto corredare di carta di identità mia e del venditore, descrizione e foto della lama. I fatti: vista un'offerta in rete,sono andato in volo a Malaga per esaminare e acquistare la spada. Così me la descrive l'offerente, un simpatico giovane giapponese: mumeito, shinogizukuri, era Muromachi,piccolo hagire nella zona del monouchi, nakago raccorciato(katateuchi) presenta 4 mekugi-ana, hamon notare, koshirae shira saya con habaki in legno ricavato dal prolungamento della tsuka. Ho notato che la lama è molto leggera e sottile, probabilmente frutto di numerosi togi, che sarebbero giustificati dall'età. E' comunque in ottime condizioni, già immaginavo di chiedere l'intervento di Kentozazen, forse si può iniziare dalla fase kaisei o addirittura nagura. Non potendola trasportare in aereo, la spedisco con Chronoexpres di Malaga. Aspetta, aspetta, non arriva! Indagini mie e del venditore  e risulta che Chronoexpres ha trasmesso il pacco a G.L.S. Italy, la quale riesce a commettere 3 errori (dovuti a pura negligenza) in una volta sola: prima dichiara di averla consegnata all'indirizzo giusto ma nella città sbagliata(e corrisponde ad un edificio fatiscente, completamente disabitato,come ho verificato), poi la spedisce come "reso" al posto di un altro collo (e 2 !); mi assicurano comunque che appena rientrato me lo portano. Dopo due giorni mi comunicano che non sanno dov'è finito e quindi la spada è da considerarsi PERDUTA (e 3 !). Che Dio li spolpi, come diceva un mio vecchio amico!
Vedremo il mio avvocato cosa può fare, comunque il mio gioiello è andato.
Scusate la lunghezza, ma penso che possa evitare a qualcuno future fregature

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace davero molto per la tua povera lama, ora in mani di chissachì....

È questo il problema di ALCUNE ditte di trasporti, se ce il disastro (mancata consegna, prolungata nel tempo) si tirano indietro o non fanno più nulla.

Ma poi ci sono anche ditte QUALIFICATE ricordiamolo.


"Non conta suonare bene, bensì sentire quello che suoni".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma almeno il pacco era assicurato per il suo valore ?


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io non sono sicuro che sarei riuscito a sopportare una tale disavventura. Spero che il tuo avvocato possa fare in modo di punire duramente tanta cialtroneria. :martellate:


Carpe Diem

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Incalzali ancora anche con l'avvocato daisan, non sia mai che risalti fuori o la ritrovino.

 

In questi casi magari anche solo parlare con un impiegato che ha un pò più voglia di lavorare potrebbe essere utile.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per la solidarietà. Si trattava di una Koto (il precedente proprietario, giapponese, la datava medio Muromachi); lama piuttosto sottile e leggera, probabilmente più volte polita ma decisamente integra; nakago raccorciato con 4 mekugi-ana. Era mia intenzione proporla alle cure di Kentozazen, che ammiro profondamente.Purtroppo o è stata rubata dai trasportatori o si trova in qualche posto in Germania; l'unica speranza è che qualche tedesco onesto legga i documenti di importazione che avevo allegato e mi contatti. L'avvocato ha scritto una dura lettera in questi giorni, ma la perdita resta comunque irrimediabile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per la solidarietà. Si trattava di una Koto (il precedente proprietario, giapponese, la datava medio Muromachi); lama piuttosto sottile e leggera, probabilmente più volte polita ma decisamente integra; nakago raccorciato con 4 mekugi-ana. Era mia intenzione proporla alle cure di Kentozazen, che ammiro profondamente.Purtroppo o è stata rubata dai trasportatori o si trova in qualche posto in Germania; l'unica speranza è che qualche tedesco onesto legga i documenti di importazione che avevo allegato e mi contatti. L'avvocato ha scritto una dura lettera in questi giorni, ma la perdita resta comunque irrimediabile.

 

Benvenuto (si fa per dire) nel gruppo. A me stessa cosa.

 

Shirojiro :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, molto dispiaciuto, purtroppo in questi casi sono profondamente in malafede... ma spero di sbagliare e che tu possa trovare la Muromakina al più presto!!!


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Incalzali ancora anche con l'avvocato daisan, non sia mai che risalti fuori o la ritrovino.

 

In questi casi magari anche solo parlare con un impiegato che ha un pò più voglia di lavorare potrebbe essere utile.

 

Quoto...

Quando la mia Masanaga venne consegnata all'indirizzo sbagliato, fu lo stesso trasportatore della mia zona a cercare di darmi una mano...

Alla fine mi telefonò dicendo "Francè... tranquillo, il pacco ce l'ho io, è sano e tra un'oretta sono a casa tua".

Nemmeno a dirlo gli sono andato incontro...

In bocca al lupo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... il mio unico consiglio è quello di non perdertì d' animo e continuare a pressarli affinchè ritrovino il tuo pacco o quantomeno ti risarciscano.

Per il futuro mi accodo a quelli che suggeriscono un corriere più affidabile e professionale ( anche se più costoso ).

 

In bocca al lupo !!! aasamurai.gif


Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante