Vai al contenuto
yatoshiAmenutsu

showa pre conflitto, del 21

Messaggi consigliati

alcuni di questi termini hanno molto poco a che fare con le gunto, quello che mi diverte di piu è spring to..

shin nihonto è corretto sandro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma quindi quella Mei strana? può essere il nome del proprietario??? no.... e di chi è???


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, prendere un "falso" cinese è facile, ma un "falso" giapponese ci voglio proprio io!!!! 17gocciolone.gif

Quello che fa cadere in errore spesso è proprio la lama "showa", come immaginavo questo è un periodo difficile per le lame... ora il dubbio è se merita o meno un koshirae... vedremo!

 

 


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mah...

credo rientri in quella serie di lame forgiate a basso livello qualitativo per essere utilizzate nella pratica.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

YamaArashi per "pratica" quale pratica intendi (essendo un periodo a cavallo di 2 guerre) ?

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

shin nihonto è corretto sandro?

Si Matteo, Shin Nihontō 新日本刀 è un termine corretto che si trova anche sui libri giapponesi. Viene considerato sinonimo di Shōwatō, che a sua volta può essere indicata anche come Shōwa Shintō o Shin Muratatō :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti siete fantastici, curerò ugualmente questa "shin nihonto" a vederla vi assicuro che è gradevole... si in effetti per "pratica" in questo caso è una pratica un pò più pericolosa del nostro solito dire "pratica" :) :) hihi.gif Di nuovo grazie!


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma quindi quella Mei strana? può essere il nome del proprietario??? no.... e di chi è???

Nessuna ipotesi deve essere esclusa. Potrebbe essere il nome del proprietario (in questo caso i primi due kanji dovrebbero essere letti per forza di cose Ueno), un tentativo di imitazione da parte di un incisore non troppo esperto oppure, non ultimo, addirittura il tentativo di qualche straniero che ha riportato in patria questa lama dopo la guerra e che ha cercato di imitare la firma di un'altra lama in suo possesso. Credo che nessuno possa dirlo con certezza :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il mistero di "Ueno kozuke chigaota" :) :) :)

Eppure io dico che viene letto kozuke.... ma è solo una mia sensazione... e rimarrà tale! sono molte le mei "strane" in quest epoca, forse alcune... tipo questa sono solo da prendere per quello che sono oppure farci pensare quello che preferiamo... grazie dell'appoggio in traduzione! :)

Se mai capitasse, Sandro, vorrei farti vedere la lama dal vivo, perchè sull altro lato ci sono dei vaghi segni di altri kanji, ma adirittura sembrano incisi molto superficialmente..... e si notano solo sotto una forte luce.... in foto non si vede nulla....

 

 

 


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E’ pensabile che alcuni fabbri Giapponesi abbiano provato ad utilizzare del materiale diverso da quello tradizionale per sperimentazione, abbiamo visto che questa cosa è andata avanti anche per generazioni diventando forse una peculiarità di alcune firme o scuole anche famose.

 

Il namban, in molti casi essendo già purificato in modo industriale non aveva bisogno di essere ripiegato più volte per essere liberato dalle scorie o altro, penso che in questo modo siano stati costruiti anche i tanto realizzati con l’acciaio del cannone della MIKASATŌ ( 三 笠 刀 ) alcuni ancora oggi adoperano vecchi chiodi : http://www.samuraisword.com/REFERENCE/making/japanse_swordmaking_process.htm, a voler incasinare ancora di più la cosa c’è anche il fatto che sulle lame con montatura militare non è raro che l’Ufficiale stesso, possessore della lama, abbia fatto incidere il proprio nome per ovviare a problemi di attribuzione dovendo vivere in modo promiscuo con altri che avevano lame simili.

 

 


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si hai ragione, non ci resta che cercare un ufficiale di nome Ueno di Okisada... :) Non saranno stati molti... So che sembrerò psicopatiico, ma per ogni lama che posseggo(3!) ho fatto molte ricerche per ricostruire una blanda storia, è stato più facile per la Kiyosada di 350 anni che per questa del secolo scorso... in più se la guardate dal vivo ha un sugata strano ma bello, ma un pò più "allungato" rispetto a altre showa viste e riviste(particolere che può esser ininfluente alla fine)... tanto per confondere le idee!!!!


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se mai capitasse, Sandro, vorrei farti vedere la lama dal vivo, perchè sull altro lato ci sono dei vaghi segni di altri kanji, ma adirittura sembrano incisi molto superficialmente..... e si notano solo sotto una forte luce.... in foto non si vede nulla....

Questo è estremamente interessante Yatoshi. Se tu potessi ricopiare questi segni di cui parli potremmo provare a dargli un'ulteriore interpretazione. Si tratta comunque di nuovi elementi :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci provo... li copio e fotografo... ma se solo un risata per la mia splendida grafia in kanji e assaggerete la mia: shin nihonto strafirmata!!!!!!!! crepapelle.gifcrepapelle.gif


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vedendo l'immagine da te disegnata Yatoshi, sono sempre più convinto che qualcuno realmente incompetente abbia provato ad incidere qualcosa. Non vorrei sbilanciarmi, ma questi "graffiti" sembrano voler imitare la firma Yokoyama Kōzuke Daijō. Non vedo più come remotissima l'ipotesi che questa lama sia stata manomessa da uno straniero, anzi, non mi sorprenderebbe affatto :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Più che un semplice straniero io direi si trattasse dell'uomo delle caverne ;-).

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante