Vai al contenuto
KUBIKIRI

Curiosità sul daisho

Messaggi consigliati

ehehe... un'altra domanda difficile... lo handachi è uno stile. Non richiede necessariamente che tutti i pezzi siano in stile tachi. Nessuna valenza di rango, è solo una scelta estetica.

 

Leggiti questo articolo che non porta alcuna conclusione ma è comunque interessante.

 

:siamoamici:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tachi e katana sono distinzioni del tipo di lama, handachi invece è il nome di uno stile che si adotta sui koshirae delle katana.

In pratica è un koshirae che usa parti tipiche dei koshirae delle tachi come i kabutogane al posto dei kashira per esempio, ma di fatto si usa sulle katana portate al fianco normalmente, con il filo verso l'alto.

Le finiture non sono quasi mai ingioiellate o di materiali preziosi come nelle tachi o nelle lame dei nobili ma piuttosto pratiche e semplici.

In realtà era uno stile molto diffuso perchè nella sua austerità era considerato molto pratico. Se ci pensi infatti, non avendo decorazioni a tema su fuchi e kashira c'era molta più libertà nello scegliere o sostituire le tsuba secondo il proprio gusto e allo stesso tempo rimane molto più difficile ottenere un effetto pacchiano o troppo "artistico" .

Insomma era una montatura per chi non si soffermava troppo sull'estetica ma magari voleva mantenere un aspetto più autoritario.

Se poi vogliamo, forse era anche più economico rispetto a finiture più decorate.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

eccoti due esempi di lame montate in handachi koshirae:

 

interauji.jpeg

 

interakane.jpeg

 

 

come puoi notare, anche il koshirae militare delle gunto non è molto diverso



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nelle foto postate da YamaArashi lo stile del koshirae han-dachi è chiarissimo, ma il koshirae della spada dell'articolo che mi hai suggerito tu Lorenzo è un vero enigma! C'è un po di tutto in quella montatura vero? Oltre a quelle riportate nell'articolo tu hai formulato qualche altra ipotesi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molte montature handachi sono di provenienza e stile higo. Richiamano lo stile del tachi koshirae senza itomaki e con kurikata.

 

Sono composti da molti più pezzi per via dei kanagu sul saya, anche se non sempre; in questo caso comunque si tratta di una montatura più ricercata e complessa del tipico bukezukuri.

 

476_koshirae.JPG

 

Esteticamente ha un impatto solido e austero si, ma anche molto ricercato. A parte gli esempi higo, ne esistono in argento, oro, shakudo e tutti gli altri materiali, con vari livelli di rifinitura; dal raffinatissimo al super semplice.

 

Se poi vogliamo, forse era anche più economico rispetto a finiture più decorate.

 

Per il punto di cui ho spiegato sopra, non concordo.

 

Il secondo koshi che hai postato è molto strano, essendo dotato di sarute. Non mi torna qualcosa; credo sia un koshirae relativamente moderno, e comunque niente di eccezionale..

Modificato: da Lorenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A dire il vero ero convinto che per ottenere un certificato occorresse comunque avere una qualità almeno un poco superiore alla media.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A dire il vero ero convinto che per ottenere un certificato occorresse comunque avere una qualità almeno un poco superiore alla media.

 

Diciamo che i certificati generalmente su paramenti delle lame vengono fatti quando questi si pensa siano superiori alla media perchè hanno un loro costo iniziale e non è pagante farli per pezzi che risultano normali.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa discussione è interessantissima...

Comunque ho una domanda, per prendere il certificato quindi bisogna avere un abilità superiore alla media, ma come si prova effettivamente la qualità della lama?(non voglio mettere in dubbio niente, è solo una mia curiosità aggiuntiva da persona inesperta :arigatou:)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è vero che bisogna avere una qualità superiore alla media.

Nel senso? se riconosc da preservare allora quali canoni usano?


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante