Vai al contenuto
peppe

Il mio primo wakizashi

Messaggi consigliati

Salve a tutti, vorrei mostrarvi il mio futuro acquisto, deve ancora arrivare dal giappone!!! A me piace moltissimo... Voi che ne dite???

 

Tipo: Uchigatana Echizen

Epoca: Shinto era kanbun

 

-Misure-

Nagasa: 53,4cm

Sori: 1,8cm

Motohaba: 2,77cm

Munegasane: 0,56cm

Sakihaba: 1,86cm

Shinogigasane: 0,68cm

in Shirasaya

590sword.jpg

590center_o.jpg

590center_u.jpg

590machi_o.jpg

590machi_u.jpg

590saki_o.jpg

590saki_u.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io dico che a me sembra davvero una bella lama, complimenti !

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella; un po' di considerazioni.

 

Non ha un certificato? dove l'hai comprata?

 

Ci sono un po' di macchiette bianche qua e la, spero che non risaltino di più dal vivo che in foto. Ci sono anche dei graffi a una decina di centimetri dal kissaki sul lato omote e qualche kitaeware. Niente di preoccupante, dipende da quanto l'hai pagata.

 

Vedo molti hataraki da descrivere; integra la scheda. Per una scheda servono le misure si, ma anche il tipo di hamon, hataraki, boshi, forma etc etc

 

C'è qualcosa di non chiaro sulle misure.

 

se munegasane = motogasane = 0,56

e shinogigasane = sakigasane = 0,68

 

Significherebbe che hai una lama più spessa in punta che in zona habaki. Questo può essere corretto su alcune lame, ma non su tutte. Quali sono le misure di riferimento di lame di pari epoca?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella; un po' di considerazioni.

 

Non ha un certificato? dove l'hai comprata?

 

Ci sono un po' di macchiette bianche qua e la, spero che non risaltino di più dal vivo che in foto. Ci sono anche dei graffi a una decina di centimetri dal kissaki sul lato omote e qualche kitaeware. Niente di preoccupante, dipende da quanto l'hai pagata.

 

Vedo molti hataraki da descrivere; integra la scheda. Per una scheda servono le misure si, ma anche il tipo di hamon, hataraki, boshi, forma etc etc

 

C'è qualcosa di non chiaro sulle misure.

 

se munegasane = motogasane = 0,56

e shinogigasane = sakigasane = 0,68

 

Significherebbe che hai una lama più spessa in punta che in zona habaki. Questo può essere corretto su alcune lame, ma non su tutte. Quali sono le misure di riferimento di lame di pari epoca?

 

Ma.... si, c'è un possente kissaki ma credo abbia invertito le misure, su una lama di questo periodo non ho mai trovato misure invertite...... Venendo dal Giappone ormai è raro non avere un certificato, nel senso che gli antiquari Nippon, da quel che vedo le propongono quasi sempre certifate ....


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi scuso per l'imprecisione sulla scheda ma e' la prima volta che ne faccio una... Cmq sono i dati forniti dal venditore!!! Cmq la devo acquistare da un amico antiquario in italia... Mail wakizashi tutto sommato e' buono? Cmq il certificato mi ero dimenticato di scrivere che non c'e l'ha! Un altra cosa, quel problema dei puntini e dei graffi si potrebbe risolvere??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A mio parere il Waki in questione è buono, ma non è questa la discriminante, deve piacere come caratteristiche a te.

Se poi vuoi un consiglio più esperto credo di non essere all'altezza, io per un Wakizashi avrei cercato una scuola più particolare, hammon stravagante e doppio koshirae, ma è solo il "Yato pensiero" :)

Le lame oltre all'originalità inevitabile, devono corrispondere al nostro gusto personale, spesso invece col termine Nihonto ci facciamo un pò prendere dall'acquisto sconsiderato, Resta però il fatto che questo oggetto è molto bello e di valore.... informati moooolto bene fino a stressare il venditore, soprattutto se fosse presente un certificato Giapponese.... Ciao caro.


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace. Di tutto però, mi piace il suo colore verdastro. Parlando di hamon o hada non è il mio tipo.

Complimenti comunque.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace. Di tutto però, mi piace il suo colore verdastro. Parlando di hamon o hada non è il mio tipo.

Complimenti comunque.

Masa... stesso colore, lo avevo notato, ma non avevo il coraggio di ammetterlo, lo ha anche la mia lama kiyosada. Il bello del notare la sfumatura che da l'acciaio è che lo da dopo centinaia di anni, in più muta..... :)

P.S. L' habaki??? :checcevofa:


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Yatoshi Amenutsu, abbiamo le stesse percezioni, non è la prima volta.

Segno del destino?

La tua bizen mi era piaciuta molto di più. Non lo so, ma a volte credo ferreamente che ci sia davvero qualcosa dietro questi rari esemplari che riescono sempre ad attirare fortemente la mia attenzione. Questa a eccezione del verde non è una di quelle purtroppo, ma già di tutte le lame che ho visto nel forum due mi si sono mostrate particolarmente "aperte di confidenza".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' già! :), sono dei bellissimi oggetti d'arte, ma come ogni altra forma d'arte ,ad esempio un quadro, quanti sono stati i pittori rinascimentali.... molti, per queste opere ,quando si ha la conpetenza per poterle apprezzare , si sprigiona il gusto e il particolare, la tecnica che ci sa emozionare....

Nelle Nihonto è la stessa cosa, ma devo dire che forse per le lame ne esistono alcune tanto belle da metterci tutti d accordo, spesso proprio quelle "incomprabili" degne di stare dietro a una bacheca.

Sicuramente sono una forma di arte molto particolare, visto la loro tendenza e natura, atta a offendere. Ma questo è proprio il fascino della katana.... :)

Io ho buttato li tra le righe proprio un consiglio al compratore del waki...


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

HAHAHA!!! In effetti Lorenzo, vedere questi colori, non vorrei centrasse col corso da sommelier che sto facendo!!! :checcevofa::crepapelle:


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho consumato il monitor nel tentativo di vedere le sfumature di verde, ma niente...

E dire che anch'io ho una cantina niente male!:hehe:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l'ho riguardata e........... E' proprio verde! :) ora non intendo un prato in primavera in alta montagna, ma nel complesso, noto che il metallo è verdastro... altre mi danno l'impressione di blu... ma anche dal vero, ad esempio, la mia Bizen sukesada è sempre parsa sul bluastro, sopratt sull hada, mentre la Kiyosada tendente al verde... hehe, e non ridete!!! So che ora penserete: Yato è andato!!!!!!


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se Yatoshi Amenutsu è andato, allora sono andato anche io.

E' un colore che dal grigio dell'acciaio va su una tonalità di verde muffa, è molto pallido, però i contorni sottili dell'Hada lo rendono unico, e traboccante di toni meravigliosi. E' possibile, se si pensa, che sull'acciaio possa crescere un prato d'arte, eheheh :checcevofa:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante