Vai al contenuto
Lorenzo

Nuovo pezzo nella mia collezione

Messaggi consigliati

Non ho capito.

E' un nuovo pezzo entrato (dall'esterno) nella tua collezione oppure un nuovo pezzo da te realizzato ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

......... Magari io fossi in grado di fare una roba simile.

 

Lo sai che noi, dopo la tua produzione di Luna, riponiamo in te la massima fiducia ! :gocciolone:

 

In ogni caso il pezzo è veramente interessante.

Se non sbaglio il motivo rappresenta delle felci e se questo è vero, ritengo che la Tsuba sia abbastanza recente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Perchè??

 

 

Perchè nelle Tsuba del periodo Edo e Meiji le felci erano rappresentate (solitamente) in modo più stilizzato:

 

Felci Edo.jpg

 

Questo comunque non toglie che nel tardo Muromachi le felci fossero rappresentate in modo simile a quello della tua Tsuba

 

Felci Muromachi.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

due domande "senili" :

 

1) perchè hai coperto la mei nella foto ?

 

2) curiosità per cui colgo l'occasione, spesso vedo i fori nelle tsuba che presumibilmente credo servano per "l'alloggiamento" dei kogai/kozuka che escono dalla saya, "brutalmente" tappati, come in questo caso, per quale motivo non vengono lasciati semplicemente aperti questi fori ma ci si prende la briga di tapparli ?

 

GTO


"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti Lorenzo, direi proprio semplice (passami il termine ma non perchè povera di lavorazione...) e delicata e con un'armonia e fluidità davvero interessanti.

Siamo sempre abituati ad ammirare intagli e lavorazioni al limite dell'impossibile e a volte ci distoglie da quanto sia comunque difficile rendere queste sensazioni di naturalezza e d armonia partendo dal nudo metallo.

 

Sono in disaccordo sul fatto che tu non saresti in grado di produrre un esemplare simile (certo non identico ma sicuramente molto simile).

 

Anche le foto davvero notevoli.

 

Non riesco a capire se sia un effetto della prospettiva o se sia reale, gli itsu-ana dovrebbero essere "verticali" o ancor meglio tendenti leggermente ad "avvicinarsi" nella parte superiore (non riesco a spiegarmi bene ma son sicuro che hai capito cosa intendo).

Qui invece mi sembra l'esatto contrario, anche qui colpa del Bordeaux francese????

 

comunque davvero bella21.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto bella, di carattere umile e molto belli i disegni. Parlando di colori, questa va un po' come le pare, la vedo rossastra in generale. Pensa che nella seconda foto, i contrasti, i riflessi e i chiaro-scuri con le battiture dell'acciaio me l'hanno fatta apparire come la crosta di un meteorite.

Assurdità a parte, pezzo davvero molto bello.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bene :tioffrounabirra:

 

 

 

Andrea, non voglio che la firma sia considerata in questo caso; siamo troppo abituati a fermarci li e la cosa non ha alcun senso a mio avviso.

 

E per quanto riguarda la tua seconda domanda la risposta e' semplice; se il koshirae non aveva kozuka e kogai, i relativi fori venivano tappati.

 

Non sempre venivano tappati, ho sempre trovato strano questo atto...ma irrilevante.

Comunque tornando alla tsuba, l'ho apprezzata moltissimo, proprio distaccando il pensiero dal fatto sia una tsuba si apprezza la bellezza. Secondo me non sarà una difficoltà "manuale" realizzare questo tipo di oggetto(e già qui dico un eresia) ma sicuramente è difficilissimo pensarla e crearla, prprio perchè non potendosi basare su intagli impossibili deve colpire per i suoi "pieni" -"vuoti "e profondità... Sono sempre state le mie preferite, ne ho una molto simile, per altro con simboli cristiani, ovviamente nascosti.... Complimenti!


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per caso è quella foto che cercavi un mese fa su un libro che ti manca?

 

G.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti Lorenzo, davvero una tsuba stupenda. Ho una domanda che si riallaccia direttamente a quella fatta dal nostro GTO. Tu dici che se il koshirae non aveva kozuka e kogai gli hitsuana venivano tappati; sarebbe stato poi possibile aprirli nuovamente per adattare la tsuba ad un'altra montatura? :arigatou:

Modificato: da sandro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

devvero un bel pezzo,

sandro.. bella domanda è una cosa che mi sono sempre chiesto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse si dovrebbe dire chiusi, se li avessero voluti occultare non li avrebbero messi in evidenza usado materiali diversi ed in alcuni casi anche nobili come l'oro, ma penso che l'uso di tali materiali sia stato fatto anche per la loro malleabilità nella lavorazione ed anche perchè volendoli rimuovere averebbero creato meno resistenza del ferro, che mi sembra di capire, quando usato, veniva inserito nel suo alloggiamento ed incollato, non ribattuto.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Proprio una bella tsuba lorenzo!! complimentoni per l'acquisto

è stata restaurata di recente o la patina ha gia i suoi anni?

e poi domanda che mi son sempre chiesto se la patina di una tsuba è databile, ovvero si puo essere in grado di riconoscere una patina antica da una fatta in epoca moderna o la resa ottica è la stessa????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante