Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Stavo dando un'occhiata alle lame in vendita sul sito www.nipponto.com e guardando le schede delle varie spade in vendita ho notato i pesi. Da quanto c'è scritto il peso riguarda le spade senza saya, ma è un peso bassissimo! Non è che è solo delle lame nude? Senza tsuka, tsuba e habaki? Io pensavo che il peso medio di un katana senza saya fosse di circa 1100-1200 grammi... Li in media ci si aggira massimo intorno agli 800-900 grammi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stavo dando un'occhiata alle lame in vendita sul sito www.nipponto.com e guardando le schede delle varie spade in vendita ho notato i pesi. Da quanto c'è scritto il peso riguarda le spade senza saya, ma è un peso bassissimo! Non è che è solo delle lame nude? Senza tsuka, tsuba e habaki? Io pensavo che il peso medio di un katana senza saya fosse di circa 1100-1200 grammi... Li in media ci si aggira massimo intorno agli 800-900 grammi.

 

Non penso che esista un peso ideale di una nihonto, però posso dirti che i "simulacri di spada" per allenamento (iaito), pesano 900 grammi più o meno. Questo per dire che, IMHO, intorno ai 900 grammi si ha un peso ideale per l'utilizzo dell'arma.


Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non penso che esista un peso ideale di una nihonto, però posso dirti che i "simulacri di spada" per allenamento (iaito), pesano 900 grammi più o meno. Questo per dire che, IMHO, intorno ai 900 grammi si ha un peso ideale per l'utilizzo dell'arma.

Assolutamente, per quanto riguarda la "katana", una lama leggera e veloce veniva apprezzata anche in tempi antichi, oggi nello Iaido, ma ricordiamo anche la presenza di meravigliose lame di peso e dimensioni importanti, ovviamente meno "maneggevoli" nel combattimento rapido....

Per smitizzare il rapporto altezza del samurai/dimensione lama, vi porto l'esempio del mio primo maestro, alto 185 cm amava usare lame leggere e di nagasa massimo 63/64 cm.... poi il resto è giustamente arte e personale..... :arigatou:

In oltre se avete mai visto in un museo le armature medievali Giapponesi dei samurai, vi sarete fatti un idea dell'altezza media, circa 160 cm.... per cui immagina..........


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8-900g è infatti il peso di una lama nuda, assolutamente priva di tsuka, tsuba, seppa ecc...

i 1100-1200g si raggiungono con tutto tranne la saya.

ci sono comunque lame anche più leggere di così, diciamo 7-750g nude.

se guardi le schede delle mie lame ci sono anche i pesi e puoi farti un'idea di come sono variati nel corso del tempo.

G.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono delle epoche in cui le lame erano tendenzialmente più spesse e per questo più pesanti, il difficile è capire come dovevano essere le lame per esempio Koto prima dei vari interventi di modifica, non ultime le svariate politure.

Ci vorrebbe uno studio per cercare di capire se questi pesi erano giustificati dall'uso o aumentavano per poter rendere più "belle" lame che in tutti i casi non erano adoperate ma sfoderate solo per essere ammirate.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono delle epoche in cui le lame erano tendenzialmente più spesse e per questo più pesanti, il difficile è capire come dovevano essere le lame per esempio Koto prima dei vari interventi di modifica, non ultime le svariate politure.

Ci vorrebbe uno studio per cercare di capire se questi pesi erano giustificati dall'uso o aumentavano per poter rendere più "belle" lame che in tutti i casi non erano adoperate ma sfoderate solo per essere ammirate.

 

Questo perchè su lame diciamo un po "sovradimensionate" si possono ottenere hamon più sgargianti giusto? Comunque io pensavo che gli iaito fossero più leggeri delle lame leggere! Perchè mi pare siano fatti in lega di alluminio proprio essere una piuma...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le lame da pratica specie in Giappone hanno dovuto sottostare a quelle che ancora oggi sono limitazioni date dal trattato della Seconda Guerra Mondiale, l'alluminio nella lama la rende inutilizzabile per un'offesa prolungata e penso che questo abbia influito anche fuori dai confini Giapponesi nelle varie scuole.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono delle epoche in cui le lame erano tendenzialmente più spesse e per questo più pesanti, il difficile è capire come dovevano essere le lame per esempio Koto prima dei vari interventi di modifica, non ultime le svariate politure.

Ci vorrebbe uno studio per cercare di capire se questi pesi erano giustificati dall'uso o aumentavano per poter rendere più "belle" lame che in tutti i casi non erano adoperate ma sfoderate solo per essere ammirate.

 

 

 

Sul sito c'è un katana koto datata 1560 e il peso è 900 grammi senza saya.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono lame di tutte le epoche in cui il Kasane và da 0,9 a 0,5 quanto di questo è dovuto alle politure, e quanto influisce sul peso?


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono lame di tutte le epoche in cui il Kasane và da 0,9 a 0,5 quanto di questo è dovuto alle politure, e quanto influisce sul peso?

Vi posso dire che la mia shinken pesa 950 gr.... mi ha causato un epicondilite(infiammazione dolorosissima avambraccio) Per due lezioni sole...... e non ho proprio le braccia deboli.... per cui capisco la ricerca all epoca di lame leggere :) O meglio "bilanciate"?

Una lama shinto con stimate due politure 780, non sono pochi questi etti di differenza nell utilizzo... Le famose lame classificate "4 cadaveri" per intenderci capaci nelle prove di tagliare 4 corpi impilati, quanto psavano? se qualcuno lo ha mai notato....

P.S. in base all habaki della lama shinto ho potuto notare che la lama al kasane ha perso mezzo millimetro per parte... quindi uno totale.... difficile stimare però il peso.......


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi posso dire che la mia shinken pesa 950 gr.... mi ha causato un epicondilite(infiammazione dolorosissima avambraccio) Per due lezioni sole...... e non ho proprio le braccia deboli.... per cui capisco la ricerca all epoca di lame leggere :) O meglio "bilanciate"?

Una lama shinto con stimate due politure 780, non sono pochi questi etti di differenza nell utilizzo... Le famose lame classificate "4 cadaveri" per intenderci capaci nelle prove di tagliare 4 corpi impilati, quanto psavano? se qualcuno lo ha mai notato....

P.S. in base all habaki della lama shinto ho potuto notare che la lama al kasane ha perso mezzo millimetro per parte... quindi uno totale.... difficile stimare però il peso.......

 

Certo credo che una lama troppo leggera non da molta inerzia nel taglio... forse quelle lame erano un tantino più pesanti... poi centra tanto il bilancio giusto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo credo che una lama troppo leggera non da molta inerzia nel taglio... forse quelle lame erano un tantino più pesanti... poi centra tanto il bilancio giusto?

 

Mmmmmmmmm..... li invece dovrebbe esser la geometria a dominare la logica (per avere un tagliente particolare)...... Ma vediamo....


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi posso dire che la mia shinken pesa 950 gr.... mi ha causato un epicondilite(infiammazione dolorosissima avambraccio) Per due lezioni sole...... e non ho proprio le braccia deboli.... per cui capisco la ricerca all epoca di lame leggere :) O meglio "bilanciate"?

Una lama shinto con stimate due politure 780, non sono pochi questi etti di differenza nell utilizzo... Le famose lame classificate "4 cadaveri" per intenderci capaci nelle prove di tagliare 4 corpi impilati, quanto psavano? se qualcuno lo ha mai notato....

P.S. in base all habaki della lama shinto ho potuto notare che la lama al kasane ha perso mezzo millimetro per parte... quindi uno totale.... difficile stimare però il peso.......

 

 

guarda, per quanto quel tipo di valutazione mi lasci sempre piuttosto perplesso la mia Hizen Tadayoshi che è stimata saijio o wazamono(=4 corpi) pesa 825g a fronte di un nagasa di circa 73cm.

il peso non è l'unica variabile da tenere in conto, sono anche(e per certi versi sopratutto) kasane(=spessore) e geometrie a fare la lama "tagliente"... e anche il bilanciamento e la costruzione della tsuka ha la sua importanza...tieni conto che la capacità di tagliare in due un corpo non è data tanto dal peso(se noti anche un'altra lama antica che posseggo, quella di scuola Sa, periodo nambockucho pesa relativamente poco, 810g con 69cm di nagasa ma kasane decisamente più spesso...) quanto dal cosidetto "effetto sega" che è dato dalla geometria della lama e dalla direzione del colpo. se ci pensi è il motivo per cui le lame sono curve o molto curve(e in special modo pensa alle tachi o alle lame da cavalleria in genere) mentre le lame dritte hanno scarse capacità di taglio.

G.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho una saijo O-wazamono di Kanemoto Magoroku Shodai (1528)

 

Nagasa: 68,4

Sori: 2,1

Moto-Haba: 3,0

Saki-Haba: 1,9

Kasane: 0,6

Hada: Mokume masame

Hamon: Sambonsughi togariba

 

Mei ura : Kanemoto (kinzogan mei)

Mei omote: Bunsei jūsan nen kyūgatsu kitsujitsu Kenryūshi Nagashige ageru (Accorciata da Kenryūshi Nagashige in un giorno fausto del 13° anno dell’Era Bunsei)

 

peso: lama 520 gr.

 

Mi risulta che si tagli con la velocità, ma potrei avere un'informazione sbagliata

 

Shirojiro :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Belle lame entrambe.... Si infatti nell ultumo messaggio pensavo proprio alle geometrie....:arigatou:


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

beh in effetti per quella che è la mia piccola esperienza nelle prove di taglio, non è certo il peso della lama o peggio ancora la forza fisica a determinare un taglio preciso (anzi ai primi tentativi in cui si provava a darci di forza ricordo che non si riusciva proprio a tagliare).

 

Oltre che di velocità è questione di sensibilità ed esperienza, nel far coincidere il piano di taglio della spada con l'inclinazione della tipologia di taglio che si effettua (kesa, taglio orizzontale etc...). Ci aggiungerei anche una certa "scioltezza" o "rilassatezza" della parte alta del corpo (spalle, braccia), contrapposta a una contrazione della parte bassa del corpo (addome, retroversione del bacino) nel momento dell'impatto.

 

Pur non essendo un esperto penso si possa dire che si costruissero anche anticamente spade pesanti in previsione di impatti violenti (contro armature/elmetti, altre spade, lance etc...) e non tanto per assicurarsi un taglio migliore.

 

La parola ai più esperti :)


Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per correttezza devo dire che dopo aver visto le lame che hanno "scatenato" questa discussione è anche possibile che su lame fini, con gli hi si riesca ad avere una lama che con su la tsuka e la tsuba pesino circa 900g.

dalla mia esperienza il gruppo tsuka+ tsuba+ seppa e ferraglia varia pesa circa 300g.

quindi una lama che pesi senza senza saya sui 900g ne peserà 600 circa a nudo...

G.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante