Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Grazie Yatoshi per aver proposto il quesito e grazie a Gisberto per aver dato illuminanti delucidazioni sulle tacchette presenti sul nakago lato mune delle lame giapponesi. Non sapevo il perché di quella presenza, ma ne ho visti alcuni esempi già nel passato. Non le ho mai viste però sul monouchi, sempre lato mune. Ho cercato sul forum e in rete ma non ne ho trovate. Se per caso avrete modo voi di incontrarne testimonianze, vi prego di segnalare il o i link. Grazie aaarigatou.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non si vede benissimo, ma è il meglio che ho trovato.

 

Si distingue la parte sbiancata e si intravvedono le tre lineette.

 

Yoshimichi_0399.jpg

 

Per completezza poi riporto la domada che posi io sullo stesso argomento tre anni fa, in cui c'è una esauriente risposta di Andrea (Kentozazen):

 

http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=3839


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non si vede benissimo, ma è il meglio che ho trovato.

Si distingue la parte sbiancata e si intravvedono le tre lineette.

Yoshimichi_0399.jpg

Per completezza poi riporto la domada che posi io sullo stesso argomento tre anni fa, in cui c'è una esauriente risposta di Andrea (Kentozazen):

http://www.intk-toke...?showtopic=3839

 

Grazie Gisberto per il tuo contributo, non riuscivo a rendermi conto, ma ingrandendo l'immagine all'800 % ho visto che le tre tacche sono in orizzontali. Figurati che io le cercavo in senso verticale alla lama. Appaiono molto delicate e quindi poco visibili se non da vicino. Ho visto bene oppure ho le allucinazioni? Grazie nuovamente aaarigatou.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hai visto bene.

 

le linee sono così flebili a causa dell'illuminazione esigua lato mune, che però in questo caso permette almeno di intravvedere i nagashi.

 

Normalmente si ritrova una forte illuminazione anche sul mune in modo che sia illuminata anche la parte di lama superiore allo shinogi (che in questo caso invece risulta nera), ma così tutto il mune risulta bianco e non si vede nulla.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono una specie di "firma" del togishi, ognuno ha un numero di linee e talvolta anche una sequenza di diverse spaziature.

 

In modo simile viene firmato anche il mune all'altezza del monouchi (qualche centimetro a partire dalla punta della lama). Non è un angolazione da cui si prendono spesso delle foto (peccato perchè ci sono dei dettagli sulle geometrie delle lame che si capiscono solo guardando il mune dall'alto), ma dovresti trovare diversi esempi nei vecchi post.

 

Prova a confrontare due diversi togi di Togishi (Massimo Rossi) o due di Andrea.

 

 

Grazie della risposta, ora le noterò con molto interesse... tioffrounabirra.gif

 

 


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gisberto, sono contento di non averle immaginate, in effetti è una questione di luce poter notare le tacche, già sono poco marcate, se poi non se ne conosce l'esistenza si può pensare a tutto meno che sia una firma del togishi. Grazie ancora dell'insegnamento, ora le cercherò in ogni caso. aaarigatou.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante