Vai al contenuto
Marchino

Come ripristinare saia "usurata"?

Messaggi consigliati

Domanda da principiante; ho provato a cercare sul forum ma senza successo.

 

Quale è il modo per ripristinare una saya la cui parte interna iniziale non aderisce più bene all'habaki (e quindi la katana tende ad uscire un po' troppo facilmente)?

 

Grazie in anticipo per le risposte.


saya no uchi de katsu - 鞘の内で勝つ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Generalmente si mette un piccolo spessore di legno,potrebbe andare bene della balsa per modellismo.

Se il fodero è originale ci vorrebbe della magnolia.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

innanzitutto: stiamo parlando di una nihonto originale usata per iaido, di una lama mantenuta in collezione oppure di una iaito?

G.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le risposte e scusate per il ritardo di questa mia.

In effetti stiamo parlando di una iaito; quindi forse andiamo in off topic?

Però forse le indicazioni per la saya vanno bene in entrambi in casi (nihonto / iaito)?


saya no uchi de katsu - 鞘の内で勝つ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto che la lama (e la saya) non penso siano di qualità eccelsa, a parte l'inserimento di sottili striscioline di legno come ti ha suggerito Mauri (vedi: http://www.thejapanesesword.com/forum/viewtopic.php?f=37&t=162) per fare un bel lavoro più duraturo potresti asportare la parte terminale del fodero ed attaccarci un koiguchi di corno di bufalo sagomato su misura. Il corno di bufalo è facile da lavorare e lucidare, molto più che la laccatura urushi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto che la lama (e la saya) non penso siano di qualità eccelsa, a parte l'inserimento di sottili striscioline di legno come ti ha suggerito Mauri (vedi: http://www.thejapane....php?f=37&t=162) per fare un bel lavoro più duraturo potresti asportare la parte terminale del fodero ed attaccarci un koiguchi di corno di bufalo sagomato su misura. Il corno di bufalo è facile da lavorare e lucidare, molto più che la laccatura urushi

 

Ciao Cesare,

grazie per il consiglio; credo che per il momento opterò per la prima opzione!

Non sono un gran artigiano e quindi la vedo come soluzione più facilmente percorribile, almeno in una prima fase.

Era anche la soluzione che mi aveva suggerito il rivenditore italiano (di cui non faccio nome per rispetto dell'etica del forum e che comunque rappresenta uno dei marchi più noti e più diffusi in Italia per il mondo "iaito").

La lama è acciaio ma la saya non credo proprio sia magnolia; o se no solo quella crdo che costerebbe come il totale di quello che ho speso io (lama + koshirae).

Grazie di nuovo per il momento; sono sempre in apprendimento e sicuramente quando avrò qualcosa di realmente prestigioso da "manutenere" mi regolerò di conseguenza.

Saluti.


saya no uchi de katsu - 鞘の内で勝つ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Generalmente si mette un piccolo spessore di legno,potrebbe andare bene della balsa per modellismo.

Se il fodero è originale ci vorrebbe della magnolia.

 

Grazie ovviamente anche a te Mauri.


saya no uchi de katsu - 鞘の内で勝つ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante