Vai al contenuto

Messaggi consigliati

ciao a tutti ,ho intravisto questi menuki

 

http://www.ebay.it/itm/4948-Japanese-Samurai-sword-Edo-Kenmaki-ryu-zu-Excellent-Large-Menuki-/320883847302?pt=Asian_Antiques&hash=item4ab62af086

 

 

mi sembrano troppo elaborati in spessore ,le figure del drago per essere una manifattura di sbalzo e cesello.

Voi cosa ne dite ,grazie.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo sito sembra avere pezzi interessanti, alcuni piuttosto belli....li offre in asta con basse basi di partenza, dopodichè normalmente i prezzi finali salgono allineandosi abbastanza alla concorrenza, anche se a volte si posson fare buoni affari. A volte passa oggetti firmati, magari con certificazioni, il tutto da prendere ovviamente con beneficio di inventario, anche se comunque sembran cose di qualità. Il venditore è al massimo del rating, con 3500 feedbacks di cui nessuno negativo; io stesso son stato tentato più volte di comprar qualcosa..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

conosco bene la qualità del venditore,proprio per questo sono rimasto con un dubbio di come sono stati creati, quando ho visto questi menuki.

Io ho una buona esperienza di creazione artistica a cera persa e discreta di sbalzo e cesello e questi menuki visti dalla parte posteriore non sembrano cesellati,sembrano fusi dalle piccole porosità.

grazie a Cesare ed Yamarashi delle risposte.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quasi tutti i menuki sono realizzati per fusione, eccetto la prima copia che potrebbe essere fatta a cesello, o anche solo in cera, da questa poi si fanno dei negativi e con il sistema a cera persa o altri sistemi similari se ne fanno svariate copie, queste possono essere lasciate appena ripulite o possono essere cesellate e diventano quasi pezzi unici, le copie realizzate per fusione generalmente non presentano sottosquadra in questo caso questi esistono un pò dappertutto, a questo punto si potrebbe parlare di pezzo unico o prima copia a cera.

 

Vedi particolari sotto:

 

KGrHqZqE9eCLOfQDBPf1hCM8mw60_3.JPG

 

KGrHqVp8E9lb5Q31LBPf1hTDFHQ60_3.JPG

 

Preso da: http://www.ebay.it/i...=item4ab62af086


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in quale periodo in Giappone hanno cominciato a usare la tecnica della fusione a cera persa o tecniche simili per la creazione del koshirae?


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

........ le copie realizzate per fusione generalmente non presentano sottosquadra in questo caso questi esistono un pò dappertutto, ........

 

Vedi particolari sotto: .........

 

 

 

Puoi per favore evidenziare questi particolari ?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In Giappone le prime spade sono di bronzo, per cui fuse, dalla Cina e dall' India hanno appreso le tecniche della fusione già prima di quellea della costruzioni delle lame in acciaio, l'applicazione di tali tecniche alle componenti dei koshirae è una conseguenza naturale.

Guardarsi come sono realizzate le impugnature delle prime Tachi.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Puoi per favore evidenziare questi particolari ?

Grazie.

Gli occhi del drago, la apertura della bocca i baffi stessi che sono tuttotondo, e alcune perti della spirale del corpo.

Il sistema per vederli è semplice, basta pensare a cosa succederebbe se da una forma a negativo che contiene questi menuki, anche realizzati in cera, si provasse a estrarli, per la maggior perte resterebbero attaccati alla forma stessa.

 

Esempio semplice, due foto di bicchieri che riempiamo fino all'orlo con gesso e facciamo solidificare

 

Da questo il gesso non esce per i sottosquadra

 

hederlig-bicchiere-per-vino-rosso__0110578_PE260931_S4.JPG

 

Da questi esce perchè non ci sono

 

thumbnail.aspx.jpg


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi, se ho ben capito, tu sostieni che non sono stati realizzati per fusione ma che sono frutto di un'opera di cesello.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono stati realizzati per fusione in un unico esemplare perchè è stato fatto il tutto in cera poi ricoperto con refrattario, è stato cotto il refrattario (biscotto) e naturalmente la cera all'interno si è volatilizzata (cera persa) dopo di che è stato colato il bronzo o altro materiale, ma siccome il lavoro è complesso il biscotto è stato distrutto per estrarre il pezzo fuso e questo ne fà un pezzo unico.

Dopo può anche essere cesellato, pattinato e ci viene aggiunto un velo d'oro come in questo caso


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi permetto di aggiungere che se il menuki di metallo viene vulcanizzato con del lattice si ottiene una"gomma" con cui ricavare tanti menuki in cera pronti da fondere ed ottenere altri menuki copia molto simili al primo pezzo, logicamente questa tecnica è molto moderna, si riesce benissimo a tirare fuori il modello in cera anche con dei sottosquadra.

si può vedere l'esempio in foto

file coltelli 030.jpg


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

oppure piu' modelli di cera possono essere assemblati per effettuare una nuova creazione o pezzo unico come nel caso di questa "cineseria" made in Italy

file coltelli 027.jpg


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'utilizzo della gomma siliconica non l'ho preso in considerazione per il semplice fatto che in quel caso si tratterebbe certamente di un falso.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io infatti spero che non sia un falso,sia come dici tu nato da un primo modello in cera,ma in fusione.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante