Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, condivido un paio di foto inviate da un amico, in procinto di acquistare una lama ma poco esperto e giustamente attento.

Questa è descritta come lama del periodo... indovinate? Edo, strano, a cui è stato fatto un Suriage, abbastanza evidente, vedi l'interruzione della mei, i due mekugi ana e il taglio dritto distale.

Il sugata denota l'accorciamento, infatti è alterato il sori, ma soprattutto diminuisce ancor più il funbari, già non troppo spiccato.

Il dubbio nasce dal colore dell ossido sul nakago, dai caratteri della Mei(purtroppo interrotta, dall abaki che a mia vista sembra invecchiato artificialmente..

A voi, se ovviamente da questi scarsi dati volete sbilanciarvi.

 

P.S. ovviamente è in montatura palesemente Gunto, ma potrebbe come mi avete insegnato esser di buon valore e molto antecedente alla WW2... ;)

Nagasa 63,2

Sori 1,3

$(KGrHqIOKi!E6kdrUnruBPiIl)QDTw~~60_57.JPG

$(KGrHqF,!okE9mN80O6yBPiIltHZGQ~~60_57.JPG


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io chiederei foto migliori.

due appunti riguardo a quello che fai notare:

-per una lama Edo è corretto che non ci sia gran fumbari.

-il nakago sembra presentare non solo ossido ma anche vera e propria ruggine. attenzione.

-i caratteri della mei non si vedono bene ma è normale che vengano tagliati in fase di accorciamento. questo viene fatto con lo scopo di mantenere la funzionalità della lama, non di salvare la firma. quello è un discorso successivo.

-l'habaki viene verde quando è in rame e il legno della saya è umido. non vedo il motivo di farlo invecchiare artificialmente.

-una montatura gunto ha "valore" quando è completa e originale. e ben conservata. nella foto manca la tsuba, l'anello alla fine della tsuka(e la relativa dragona), il fuchi e la saya è messa male... vedi te...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto di suggerire una considerazione: mi pare di vedere (ma le foto possono ingannare) che lo stato attuale di politura non consenta di leggere quasi nulla di questa lama, nè hada nè hamon. Il togi per una lama di 63 cm è un discreto impegno economico, da tenere in considerazione in una valutazione complessiva della spesa; anche perchè così com'è è una lama che non mi sembra godibile, soprattutto per un non esperto. Vero che, sotto la ruggine, può sempre nascondersi un'ottima lama, ma per questo l'esame dal vivo diventa indispensabile. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La lama sembra essere stata accorciata di circa 7 cm: segmento (A - B)

La lama sembra essere Shintō (Mei con il primo Kanji attaccato al Mekugi-ana)

 

Però, come giustamente ha osservato Jan, in base alle due foto inserite si possono sparare solo ..... supposizioni.

 

post-3089-0-33123200-1335199005.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A prescindere dall'analisi del nakago vorrei invece consigliare al tuo amico di non credere nelle "scoperte dell'anno". Comprare una lama per due soldi e ritrovarsi in mano un tesoro non succede MAI, o se avviene succede sempre ad un amico di un amico. Se una lama si acquista a TOT é molto probabile che valga esattamente quei soldi. Per capirsi il togi su una lama da 1000 euro rivela sempre che sotto c'é una lama da mille euro che con la spesa per la politura ci si trova ad aver pagato piú del suo valore. Nello specifico piú che Shinshinto direi Gendai, ma le foto possono traviare e potrei sbagliarmi. Anche se un mio amico una volta mi ha detto che un suo amico ha comprato...


"La maggior parte della gente era matta. E la parte che non era matta era arrabbiata. E la parte che non era né matta né arrabbiata era semplicemente stupida."

 

"Non mi fido molto delle statistiche. Perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media!"

 

"La gente è strana: si infastidisce sempre per cose banali, e poi dei problemi gravi come il totale spreco della propria esistenza, sembra accorgersene a stento."

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

confermo quello detto sopra, guardando bene le misure il periodo edo ci potrebbe proprio stare, ma si sa che nel gendai si copia qualsiasi stile.

Con l'ossidazione e il degrado della lama non si può giudicare oltre dalle foto.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per Gendai mi riferisco a quelle che sembrano essere proprio le condizioni del nakago


"La maggior parte della gente era matta. E la parte che non era matta era arrabbiata. E la parte che non era né matta né arrabbiata era semplicemente stupida."

 

"Non mi fido molto delle statistiche. Perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media!"

 

"La gente è strana: si infastidisce sempre per cose banali, e poi dei problemi gravi come il totale spreco della propria esistenza, sembra accorgersene a stento."

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io sinceramente di gendai ci vedo proprio poco anche se, come al solito, è sempre necessaria prudenza. ma una gendai raramente viene sottoposta a suriage, se è una gunto men che meno...si buttava via e basta... inoltre si vede lo stacco netto tra due ossidazioni differenti.. in una gendai sarebbe molto meno marcato. inoltre spesso sono proprio le lame da polire a riservare notevoli sorprese, ma bisogna saper comprare. e questo non è semplice. ma non è impossibile. più che altro mi preoccuperei dei segnali che possono indicare la presenza, sotto la ruggine, di un oggetto importante...e da quelle due misere foto è impossibile vederli..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante