Vai al contenuto
Leonardo Buffa

Quale Menuki?

Messaggi consigliati

Buongiorno a tutti.

In questi giorni sto valutando l'ipotesi di realizzare un nuovo Koshirae per la mia Nihonto, di cui si era parlato in questo topic:

 

http://www.intk-toke...?showtopic=7049

 

Ho l'opportunita' di far realizzare artigianalmente in argento Fuchi Kashira e Menuki, questo mi permette di conservare intatta tsuba e Saya originali ed esporli sul Kake.

 

Non mi fanno impazzire i Menuki originali a forma di cavallo, chiedo quindi a voi un consigli su cosa fare.

 

La spada presenta su Fuchi e Kashira il kamon "Ken Katabami", ho cercato qualche immagine in giro di Menuki con lo stesso Mon ma non mi piacciono proprio...

Cosa potrei metterte per non discostarmi dallo stile?

 

Grazie a tutti, Leonardo


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che cosa ne dici di questi? (i primi della pagina)

http://www.ricecracker.com/japanese_swords_menuki/menukipage10.htm

Forse un po' troppo costosi... ma sono gli unici minimamente in tema che ho trovato, almeno c'è un fiore sopra ^_^


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh si potrebbe togliere il fiore e far mettere il "Ken Katabami", il tutto verrebbe realizzato dall'orafo artigiano!


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

no, ti prego, cancella le tue ultime parole.

non far pasticciare dei menuki originali da un "orafo artigiano" e non far realizzare quelle cose in argento, non c'entrano nulla.

compra dei tosogu originali o falli realizzare ex-novo, ma come si deve, non da un orafo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I Menuki (esattamente come Fuchi e Kashira) sarebbero realizzati ex-novo, l'orafo e' una persona che quotidianamente si occupa di restauri di questo tipo di oggetti. Non ho alcuna intenzione di acquisatre Tosogu e farli modificare.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto che voui farli ex novo ho fatto queste due possibili iptesi di menuki (ovviamente non esistono, sono di mia invenzione, anche se ho usato solo elementi tratti da kamon realmente esistenti). Spero ti piacciano!

Poi sarebbero anche dei "pezzi unici". :arigatou:

Soprattutto il primo credo che starebbe benissimo fatto in argento. ^^

foto 2.JPG

foto 1.JPG


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I Menuki (esattamente come Fuchi e Kashira) sarebbero realizzati ex-novo, l'orafo e' una persona che quotidianamente si occupa di restauri di questo tipo di oggetti. Non ho alcuna intenzione di acquisatre Tosogu e farli modificare.

si occupa del restauro di tosogu?

perchè proprio in argento? in tal caso anche la tsuba dovrebbe essere en-suite e i menuki in argento non me li vedo molto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'artigiano lavora normalmente per un antiquario specializzato in lame giapponesi (che frequenta abitualmente questo Forum) e si e' gia' occupato di restaurare moltissimi suoi oggetti.

In argento perche' il nuovo Koshirae avra' uno tsukaito in seta bianco. Mi sto ispirando alla lama che si puo' vedere a pagina 96/97 del libro Nipponto di Magotti.

La Tsuba e' un classico Buke Zukuri Mokko Gata. Saya nero e Sageo in tono con l'Ito.

Non capisco come mai dici che la Tsuba dovrebbe essere in en-suite, io conto di realizzare sulla stessa linea Fuchi Kashira e Menuki.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tsunetomo, i tuoi disegni sono belli ma troppo "elaborati", penso rimarro' su qualcosa di molto piu' semplice, sto provando a fare alcuni disegni, nonostante io sia un informatico uso ancora la matita per queste cose, non appena tirero' fuori qualcosa che mi ispira lo pubblico cosi' vedo se incontra il vostro gusto!


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono curioso di vedere il risultato finale!

Buon lavoro. ^_^ (Ci vediamo nel week end 19-20-21 a Novara se ci sei, almeno avrò la possibilità di conoscerti di persona)


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Assolutamente si! non manchero' semmai via PM lasciamo il numero di cell cosi' ti mando un messaggio quando saro' giu!


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Leonardo, sinceramente, riguardando il koshirae della tua lama, dovresti avere un approccio più conservativo.

 

Prima cosa devi studiare quello che hai e accertare se è già una composizione o se il koshirae è nato così.

Se è un koshirae che ha un senso e nasce così, anche se semplice, dovresti conservarlo interamente.

 

Se invece è già composto, puoi modificarlo, ma l'idea dovrebbe essere di adottare uno stile, ancora meglio compatibile con l'età, l'ambientazione storica e le origini della lama e cercare di comporre tosogu e tsuba in modo coerente.

L'idea di creare tosogu ex novo può essere valida, ma conta sempre che anche dal punto di vista del valore, devi rispettare l'aspetto artistico.

L'aspetto artistico dei tosogu sta molto nella abilità dell'artigiano e dalle sue scelte, sia in materia di tema, di stile e di materiale utilizzato, e ovviamente DEVE realizzarli con le tecniche originali giapponesi.

 

Comporre qualcosa di diverso, di originale o di inventato non ha senso.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

CIao YamaArashi. Come gia' discusso precedentemente, l'attuale Koshirae lascia alcuni dubbi, soprattutto per il Saya. In fondo presenta un Kojiri che non mi convince. Anche il Kodogu e' "dubbio" quindi e' indispensabile uno studio della Lama nuda, che, come gia' sai, se otterro' i permessi necessari, portero' a Novara il 19. Ho gia' anticipato la cosa a Massimo che potra' vederla. La lama oltretutto arriva proprio da lui, ma mi ha confessato di non ricordarsela bene quindi e' indispensabile riaverla tra le mani per potermi aiutare nel suo studio.

Ho riflettuto a lungo sulle parole che mi hai scritto privatamente e ti ringrazio, hai assolutamente ragione, ho appena scritto a Lorenzo con la speranza di poter realizzare quanto la lama si merita, a costo di aspettare per poter completare l'opera. Grazie ancora per i preziosi consigli e per le riflessioni. Leonardo.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi infilo anch'io nella discussione. Dalle poche fotografie il koshirae originale non sembra male. Mi sembra che la tsuka sia stata rifatta (tsukaito recente e same assai chiaro) e il fodero non si vede bene, però il tutto sembra omogeneo ed anche i menuki equini non stonano. Mi sembra non abbia molto senso rifare ex novo un koshirae, a meno che non ti serva una montatura da pratica (ma non credo che questa lama venga utilizzata a tale scopo). Dal punto di vista collezionistico, se proprio uno vuole, forse avrebbe più senso rimontare il tutto con pezzi antichi, anche se necessariamente tsuka e saya devono essere rifatte ex novo. La spesa penso sia equivalente a far lavorare un orafo su kodogu nuovi, che non avrebbero sicuramente il fascino dei pezzi antichi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Cesare, la mia idea sarebbe quella di conservare cosi' Tsuka e Saya, lasciando il tutto assolutamente intatto per esportlo a parte. La lama non e' assolutamente usata per pratica, e non c'e' alcuna intenzione di farlo, volevo solo farle realizzare un Koshirae nuovo, ma vista l'idea di conservare intatta la Tsuka mi obbliga a trovare i Kodogu nuovi. Ho trovato qualcosa su Aoi Art che potrebbe essere coerente, almeno per quanto riguarda Fuchi e Kashira. In ogni caso spero di leggere ancora altri pareri e consigli.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante