Vai al contenuto
vincent minit

tsuba creata in fusione periodo edo??

Messaggi consigliati

Ho trovato questa descrizione di una tsuba del periodo edo creata in fusione in ferro. possibile?

 

http://www.ebay.it/itm/TSUBA-SIGNED-casting-episode-of-samurai-fight-latter-Edo-iron-ec158-/290707896944?pt=Asian_Antiques&hash=item43af8a7a70

ec158-3.jpg


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che si tratti di una fusione è un dato di fatto, resta da vedere se è stata realizzata in quel periodo.

Mi spiego meglio, l'originale con firma può essere stato realizzato in quel periodo, ma dopo averne fatto un negativo la fusione la si può fare anche domani o fra cento anni.

La ruggine rossa non dice niente di buono, la parte più difficile da fare è la pattinatura e in questa non esiste.

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ruggine rossa uguale ad acido ferrico e patinatura (ossidazione)non naturale?


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente sembra proprio una fusione realizzata partendo da uno stampo di una Tsuba esistente, i tratti imprecisi della Mei danno da pensare...


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente sembra proprio una fusione realizzata partendo da uno stampo di una Tsuba esistente, i tratti imprecisi della Mei danno da pensare...

nel sito dove ho trovato la tsuba in vendita è proprio specificato che si tratta una fusione solo che parlava di periodo " edo" la cosa mi aveva fatto pensare.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Benchè le tsuba in ferro siano usualmente lavorate al cesello, bisogna ammettere che probabilmente già nel tardo Edo alcune debbano essere state prodotte per fusione. A sostegno di questa affermazione rimando al link del Museum of Fine Arts di Boston (che credo sia un’istituzione prestigiosa e competente). Evidentemente si era già nella fase in cui le caratteristiche di resistenza meccanica non erano considerate più molto importanti (ammettendo che fossero tsuba da montare su lame, e non souvenir per i primi europei che già affollavano Nagasaki).

Per quanto riguarda il venditore giapponese posso dire di conoscerlo, ho comprato diverse tsuba da lui, e posso assicurare che è un’ottima persona, onestissimo, ma non un fine cultore di tōsōgu. Un saluto.

http://www.mfa.org/c...of-dragons-9029


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ruggine rossa uguale ad acido ferrico e patinatura (ossidazione)non naturale?

Che si tratti di una fusione è un dato di fatto, resta da vedere se è stata realizzata in quel periodo.

Mi spiego meglio, l'originale con firma può essere stato realizzato in quel periodo, ma dopo averne fatto un negativo la fusione la si può fare anche domani o fra cento anni.

La ruggine rossa non dice niente di buono, la parte più difficile da fare è la pattinatura e in questa non esiste.

 

E' vero, la ruggine rossa non è un buon segno, bisogna però tener conto della possibilità che in seguito ad una cura inesistente ed ad un ambiente umido, la ruggine scura "neutra" possa aver ripreso a lavorare in superficie dando luce a quelle chiazze più intense.

Io penso che possano essistere Tsuba tardo Edo fatte a fusione.

colgo l'occasione per un aiuto: solo a me succede che quando clicco su un' immagine non riesco più a vederla a grandezza originale o anche a voi capita??? Che tutte le immagini postate ultimamente siano "minuscole"??? Grazie ^_^

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante