Vai al contenuto
Andrea Fantuzzi

tsuba scuola Shonai-Shoami

Messaggi consigliati

Viste le molte tsuba postate di recente mi associo anch'io.

 

Quello che so della tsuba è:

è stata eseguita da Yabuzaki Jouji

dimensioni 7,6cm x 7,1cm x 5,7mm

 

che ve ne pare???

 

e sapete come togliere quelle impronte anche ( non vorrei rovinarla)

1t (4).JPG

IMG_6444.jpg

IMG_6445.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bellissima! :smile: (Già dalle foto che mi hai fatto vedere a Novara, anche se erano sul telefono, si vedeva che era un bel pezzo).

Per le impronte non ho idea... magari un po' di uchiko? (meglio aspettare pareri di più esperti però). Solo strofinando non se ne vanno?


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eheh bellissima tsuba Andrea, di già rendeva bene sul tuo cellulare, così è ancora meglio! Purtroppo anche io non saprei azzardare risposte per levare quelle impronte, mi dispiace.


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tsuba in shakudo con inserti in rame, argento o forse shibuichi o entrambi (dal colore non ne sono certo, mi sembra di vedere del viola e delle incrostazioni verdi) ed azzarderei in oro. Hai già provato a lavarla in acqua tiepida e sapone neutro "accarezzandola" con uno spazzolino da denti morbido? Secondo me acquista già tantissimo.... mi sembra piena di polvere....

Complimenti, davvero bella!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo è in rame e leghe non ferrose quindi puoi lavarla in acqua e sapone neutro "con molta accuratezza senza grattare". Se puoi usa uno spazzolino in maniera leggera e delicata tenendola nell'acqua mentre l'accarezzi, e asciugala con un panno morbido che non perda "pelo" e non sfibri....

Vedrai che, secondo me, c'è anche polvere tra i fiori e le foglie.

La patina biancastra probabilmente è residuo di una qualche cera. almeno dalle foto mi sembra così.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Davvero molto bella, pure io avrei "azzardato" un lavaggio con acqua e sapone neutro, mi sembrava di aver letto consigli simili in passato, ma ho preferito aspettare il consiglio di esperti.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Almeno dalle foto sembra che ci sia sopra della gran polvere, lavala come ti è stato detto.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
l'ho lavata sicuramente adesso è piu godibile ma sapete tradurre esattamente la mei??

 

qualcuno ha delle info o un link su questa scuola??? io non riesco a trovare niente ne sulla scuola ne sul "fabbro"

Se riesci puoi mettere giusto una foto della tsuba lavata? Sono curioso di vedere come è venuta, deve essere bellissima! :smile:

"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in teoria il colore originale dovrebbe essere quello attorno il nakago-ana, nell'area del seppa-dai. E' da capire se il colore è cambiato in questo modo per l'ossidazione o è solo sporco secolare..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ecco qui le 2 immagini

 

lo sporco è molto ostico da togliere vicino ai fiori, sono in rilievo, e nelle fessure tra uno e l'altro non ci ariivo quindi cerchero uno strumento migliore comunque è molto piu bella da vedere

 

se non altro le ditate sono venute via :bunny:

 

per il colore lo strato di nero piu appannato si toglie grattando ma non vorrei fare danni quindi penso di lasciarla cosi

IMG_8119a.jpg

IMG_8123a.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rinnovo i complimenti, davvero bella! :arigatou:

Come diceva Gaijin probabilmente la patina opaca è una qualche sorta di cera... bisogna vedere se è il caso di rimuoverla o se si rischia di rigarla.


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ecco qui le 2 immagini

 

lo sporco è molto ostico da togliere vicino ai fiori, sono in rilievo, e nelle fessure tra uno e l'altro non ci ariivo quindi cerchero uno strumento migliore comunque è molto piu bella da vedere

 

se non altro le ditate sono venute via :bunny:

 

per il colore lo strato di nero piu appannato si toglie grattando ma non vorrei fare danni quindi penso di lasciarla cosi

 

 

Personalmente mi fermerei qui, non usare "strumenti" e soprattutto non grattare :shock:

Inoltre credo che con la luce naturale (non come in foto con il flesh o sovraesposta) i colori sono decisamente più caldi ed il nero nella zona del seppadai (che come detto da cesare dovrebbe essere il colore di fondo di tutta la tsuba) sia più scuro e profondo.

E' una tsuba che è stata montata su koshirae e "vissuta" quindi merita di portare anche qualche segno del tempo, non certo la sporcizia :ok:

Sicuramente con un restauro professionale potrebbe diventare un pezzo davvero notevole ma l'unica persona che conosco in grado di affrontarlo è Lorenzo ma non si sente più sul forum purtroppo! non saprei se con un PM possa rispondere, eventualmente, nel caso ti interessi un restauro puoi contattarlo qui:

http://www.tsubashi.com/it

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante