Vai al contenuto
Yahln

Domande varie

Messaggi consigliati

Ho un po' di domande su temi vari. posto qui.

 

soprattutto per i togishi:

ho curiosità riguardo al niku. viene impostato dal forgiatore o è creazione della prima politura?

da quanto avrei capito leggendo in giro il fabbro da già questa curva alla lama, però non capisco come si possa conservare dopo i passaggi su pietra che tolgono le argille (da quanto ho visto sembra che i passaggi su pietra siano fatti per il "lungo" della lama, su pietra piatta o vagamente convessa, che non si accorda molto col rispetto della convessita'-niku).

 

su altro sito (un venditore giapponese che ho gia' visto citato qui - con molti conigli :-) - non so se posso citarlo direttamente) spiega come la politura (prima fase-fondazione) sia fatta per piccole aree, cambiando il senso di movimento tra le varie pietre. questo non crea degli scalini al confine tra le varie aree? o il movimento del politore e' arrotondato (non mi pare dai filmati che ho visto)?

 

altra questione: è possibile associare, anche in modo molto approssimativo, una grana alle varie pietre?

(ovvio che la grana è indicabile solo per sintetiche, ma chi le usa potrebbe rendersi conto delle analogie. ad esempio ho trovato un sito che indicando i possibili sostituti sintetici fa intendere -meglio: io ho dedotto- che arato -e kongo- arrivino circa al 600, kaisei intorno al 1000, nessuna indicazione per binsui, ma si puo' dedurre dalle altre, nagura e uchigomori).

 

da ultimo: qualcuno hai idea di che fine faccia la katana forgiata a Novara? è vendibile (credo che chi era presente possa capire perchè io mi ponga la domanda)?

 

chiudo precisando che queste sono solo le domande di un inesperto. non intendo sperimentare alcunche', non ho lame giapponesi di alcun tipo e se anche le avessi non ci farei esperimenti. sono solo curiosità che mi piacerebbe soddisfare.

In ogni caso, qualora io abbia fatto domande inopportune, inappropriate per il sito, già trattate o, semplicemente, stupide, i moderatori non si facciano problema a segare questo (o qualsiasi altro) mio post.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cerco di risponderti velocemente...

 

niku:

 

entrambe le cose, la lama viene formata a martello e viene anche rettificata dal forgiatore con lime, pialle e pietre prima della tempra, in modo da ottenerele geometrie ottimali e quindi anche il niku.

Il togishi poi, specialmente nelle prime pietre, deve definire bene le geometrie, compreso il niku. Il movimento della lama sulle pietre in realtà è leggermente ondulatorio, seguendo proprio il niku della lama. Discorso ancora diverso per il boshi, dove con il narume dai si riesce a mantenere la curva nei due sensi perchè è un supporto ammortizzato e segue naturlamente la curva della punta.

 

Il togi non è fatto per per zone, si utilizzano le pietre in sequenza per tutta la lunghezza della lama.

 

La grana delle pietre si sa... ma non ricordo specificatamente. Per darti un idea, le ultime pietre nella fase di finitura (jizuya e hazuya) arrivano anche a 20000 -30000. Forse li trovi in "thecraft of the japanese sword" oppure Sul libro della politura sempre di Kapp e Yoshihara.

 

Le lame in fase intermedia forgiate a Novara sono state affidate a INTK, le esporremo ai prossimi incontri per studiare e mostrare a tutti le fasi della lavorazione ( e toglierci qualche dubbio in merito)

 

:fico:



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie. piu' che esauriente. sulle piccole aree non mi sono spiegato, ma la risposta è chiarissima.

 

l'elenco dei libri da acquistare si sta ampliando fin troppo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante