Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2023.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

Accedi per seguirlo  
Francesco Marinelli

Tsuba-Take ni Tora

Messaggi consigliati

Vi presento il mio ultimo acquisto :laugh:

Tsuba in ferro, con una gradevole "Migaki Ji" patina color cioccolato; ha una forma Mokko-gata ed il bordo è in Maru-mimi (qualche decimo di mm più spesso rispetto che all'interno della stessa).

Il Kozuka hitsu ana è in Shakudō e gli inserti sono in oro e... rame? ottone? (possibile che l'oro venisse applicato sopra ad uno strato di rame/ottone? lo chiedo perchè in dei punti è andata via la "patina" di oro e si vede un color "arancione") penso che sia una lavorazione Nunome-zogan.

 

Dimensioni:

Lunghezza: 77.25 mm

Larghezza: 83.55 mm

Spessore: all'altezza della Tigre è di 4.35 mm e aumenta fino a 5.00 mm sul lato opposto

Nakago-ana: 26.20x7.05 mm

Peso: 150 g

 

Sul lato Ura abbiamo la rappresentazione di una Tigre (Tora) e di una canna di bambù (Take), sul lato Omote potrebbe esserci una cascatella di un ruscello.

 

Periodo stimato, primo Edo, 18° secolo

 

Se avete pareri (anche sul tema della tsuba) o idee sulla possibile scuola... :tongue: sono ben accetti! Grazie :thanks:

1.JPG

2.JPG

3.JPG

4.JPG

5.JPG

6.JPG

7.JPG


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è tutto oro quello che luccica ! Nel caso della tua Tsuba potrebbe essere rame dorato ottenuto per eletrolisi o procedimenti similari, dove la parte superficiale progressivamente si impoverisce della componente aurea.

 

Il lato dove è la Tigre è il lato Omote

 

La tua Tsuba non ha parti in "Migaki Ji" (significa superfice liscia) ma è in "Ishime-ji" (ossia superfice simile a quella di una pietra)

 

Per quanto riguarda il periodo, difficile dirlo ma lo porrei più sul 19° che sul 18° sec.

 

A giudicare dalle immagini, nella tua Tsuba ci sono elementi "riportati" in Taka-zōgan (esempio la Tigre od i rametti con foglie del Bambù) ed elementi cesellati a bulino nel corpo della Tsuba stessa, in Usunikubori ( es: il fusto del Bambù o la cascatella in Ura).

Non mi sembra esistono elementi riportati in Nunome-zōgan (lo zōgan viene realizzato creando un reticolo di taglietti o con colpi di lima leggeri sulla superfice e poi applicando una foglia o un filo d'oro o di argento)

 

La rappresentazione della Tigre nel boschetto di Bambù è cara alla iconografia giapponese e l'accostamento tra Tigre e Bambù si dice che identifichi la protezione che il più debole (Bambù) a volte è in grado di fornire al più forte (Tigre)

Modificato: da Paolo Placidi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Paolo per tutte queste precisazioni! :arigatou:

 

Una domanda forse stupida, ma il processo di elettrolisi, ha bisogno dell' ausilio dell'energia elettrica, già nel 19°sec. sapevano utilizzare gli artigiani tale tecnica? Poi tale processo che tu sappia, può essere applicato anche solo a dei dettagli dell'oggetto in esame? Io sapevo che doveva essere immerso tutto il pezzo in una cella elettrolitica, possibile?

Grazie ancora per l'attenzione!


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rinnovo i complimenti che ti ho già fatto in PM!

Una Tsuba davvero bella :arigatou:


"Hana wa sakuragi, hito wa bushi" (花は桜木人は武士) - "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

................................

Una domanda forse stupida, ma il processo di elettrolisi, ha bisogno dell' ausilio dell'energia elettrica, già nel 19°sec. sapevano utilizzare gli artigiani tale tecnica?

....................................

 

 

Penso proprio di no. Ho infatti aggiunto "processi similari" perchè fenomeni di ricopertura dei metalli erano noti anche a quei tempi tramite l'utilizzo di appropriati acidi, basi, sali in soluzione acquosa.

Per quanto riguarda poi la doratura selettiva questa può avvenire proteggendo le zone da non dorare con cere o materiale similare oppure realizzando e dorando a parte le foglioline che poi sono state inserite, con tecniche Zogan, nel piatto della tsuba

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ah! ora so chi mi ha soffiato la tsuba all'asta... Sono comunque contento che sia approdata sulle nostre sponde. Complimenti!

Saluti, Mauro Piantanida


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ancora grazie Paolo per i chiarimenti ed a Ivan e Mauro per i complimenti :tongue:

Eheheh Mauro se sarai presente al prossimo incontro INTK, sarei felice di mostrartela! :arigatou:


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante